La selezione DFB ha bisogno e vuole una vittoria contro l’Italia – notizie sportive su hockey su ghiaccio, sport invernali e altro

La selezione DFB affronta una dura prova alla fine del quarto blocco nella Nations League. Deve essere una vittoria, ha detto il tecnico della nazionale non solo.

Con luci lampeggianti e sirene, Hansi Flick ei suoi calciatori nazionali sono stati accompagnati nell’ultima partenza della loro quindicina di settimane nella Nations League.

Due autobus noleggiati dalla Federcalcio tedesca hanno attraversato Budapest prima di tornare in Germania lunedì pomeriggio. L’obiettivo è chiaro: oggi (20:45 / ZDF) nella gara di ritorno contro l’Italia campione d’Europa, la prima vittoria dopo quattro 1-1 di fila dovrebbe essere vincente. Per la morale, per le anime.

“Non mettere la testa sotto la sabbia”, ha chiesto il capitano Manuel Neuer prima della partita contro Azzurra Squad. Una vittoria “sarebbe un gran finale per noi”, ha proseguito Neuer, finalmente una “grande squadra” sarebbe stata nuovamente battuta. “Abbiamo solo bisogno di questa sensazione di realizzazione”, ha detto il portiere di livello mondiale.

situazione iniziale

A Bologna contro l’Italia, nel Monaco contro l’Inghilterra e sabato scorso a Budapest contro l’Ungheria non è successo. Per non parlare dell’1-1 contro l’Olanda ad Amsterdam a fine marzo. Non c’è mai stato un pareggio e un pareggio del genere nei 114 anni di storia della DFB.

Con una vittoria contro l’Italia, la DFB-Elf potrebbe essere in testa nel Gruppo 3 di Lega A, il primo posto al termine della fase a gironi di settembre significa qualificazione alla fase a gironi di giugno 2023. Tuttavia, in caso di sconfitta, c’è c’è il rischio di scivolare al quarto posto dopo due terzi del girone eliminazione – zona retrocessione.

Leggi anche

Lega delle Nazioni

Ct DFB Flick: Nella partita contro l’Italia “conta ancora”

Il direttore di Flick e DFB Oliver Bierhoff ha sottolineato ancora una volta nei giorni scorsi quanto sarà emozionante prendere parte alla Finale 4. Dopotutto, saranno due partite competitive nel 2023 per i padroni di casa dell’EM 2024.

Grande obiettivo

Gli allenatori della nazionale pensano in grande. Il blocco quattro alla fine della stagione che era “con le ossa di tutti” è stato utilizzato principalmente per preparare la finale in Qatar di fine anno. “Avremo una squadra alla Coppa del Mondo a novembre che avrà una sfida”, ha detto Flick. Le battute d’arresto, come le prestazioni deboli contro l’Italia all’andata e in Ungheria, sono state in una certa misura spiegate. Flick non si preoccupa del suo record personale di otto vittorie contro le classi B e C del calcio europeo e quattro pareggi finora.

Truppe

L’ex collezionista del titolo dell’FC Bayern Monaco è considerato un comunicatore dedicato e un potente oratore. Ci sarebbe dovuto essere molto di cui parlare con un certo numero di giocatori negli ultimi giorni. Leroy Sané, Serge Gnabry, Timo Werner e Leon Goretzka: tutti top in termini di potenziale, ma alle prese con una crisi di forma.

Flick non ha rivelato praticamente nulla sulla sua formazione prima della partita. Quel che è certo, però, è che vuole vincere e quindi non potrà gareggiare nella serie prospettica. “Noi allenatori siamo lì per valutare il potenziale dei singoli giocatori”, ha detto il tecnico della nazionale, che ha sottolineato di essere assolutamente fiducioso sulla qualità delle sue scelte.

© dpa-infocom, dpa:220613-99-651808/2

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.