La giustizia francese affronta il terrorismo italiano “anno della leadership”

La rabbia di due avvocati. “Non ho parole. Viviamo in una situazione stupefacente. Un peccato sia giuridicamente che politicamente. La Francia, ai massimi livelli di governo, ha fatto promesse a queste persone. E oggi, per motivi di interesse politico, rinneghiamo questa promessa” , ha lanciato Me Irène Terrel.

“Invece di cercare la pace, preferiremmo perpetuare lo spirito di vendetta e mandare il nonno in prigione”, ha aggiunto Sono Jean-Pierre Mignard. Questi due avvocati hanno difeso per oltre trent’anni ex attivisti di sinistra, rifugiati in Francia e accusati – la maggior parte dei quali addirittura condannati – di terrorismo in Italia.

→ DIBATTITO. È tempo di dirimere la controversia sulle Brigate Rosse?

Una battaglia che è ancora attuale oggi. Questo mercoledì, 12 gennaio, nove di questi ex attivisti compariranno davanti alla camera investigativa della Corte d’Appello di Parigi. Me Terrel ha difeso sette e Me Mignard uno, contro la richiesta di estradizione presentata dalle autorità italiane.

Una richiesta ben valutata da Emmanuel Macron, con grande soddisfazione di Mario Draghi. A fine aprile, il Primo Ministro della Transalpina ha stimato che le persone prese di mira per questa estradizione lo fossero “Responsabile di gravissimi reati di terrorismo”. “I ricordi di questo atto barbarico sono ancora vivi nella coscienza degli italiani”, Ha aggiunto.

Cambiamenti nella tua politica

Il 28 aprile, nelle prime ore del mattino, la polizia ha arrestato sette persone richieste dall’Italia. Altri due si sono presentati alla stazione di polizia il giorno successivo, prima che un decimo fosse arrestato a luglio. Posto sotto controllo giudiziario, questi otto uomini e due donne, di età compresa tra 63 e 71 anni, sono ex membri delle Brigate Rosse o ex attivisti di sinistra. Arrivati ​​in Francia negli anni ’80, la maggior parte di loro è stata condannata in Italia, in loro assenza, all’ergastolo per alcuni, accusati di coinvolgimento nell’uccisione di agenti di polizia.

→ LEGGI. Brigate Rosse: 7 arresti in Francia su richiesta dell’Italia

L’8 aprile il ministro della Giustizia italiano, Marta Cartabia, ha inviato al collega Eric Dupond-Moretti una richiesta di estradizione che è stata immediatamente inviata a un tribunale francese. Con il via libera di Emmanuel Macron. “Ha un ottimo rapporto con Mario Draghi e che senza dubbio ha giocato in un momento in cui c’era un desiderio reciproco di ripristinare una forte convergenza franco-italiana”, sottolinea Marc Lazar, specialista in Italia e direttore del centro storico Scienze Po.

Così facendo, Emmanuel Macron si distingue dai suoi predecessori che, con rare eccezioni (Leggere sotto), ha sempre rifiutato l’estradizione in nome di una dottrina forgiata nel 1985 dal presidente Franois Mitterrand. Dal lato del lysée, si sostiene che le attuali procedure legali non si discostano da questa dottrina, secondo la quale la protezione accordata ai profughi italiani non può essere applicata in caso di reato di sangue.

“Condanniamo le persone sotto processo di massa”

Per capire qual è la posta in gioco oggi, occorre riposizionare il contesto in cui si è forgiata questa posizione francese, spesso così poco conosciuta in Italia. All’inizio degli anni ’80, circa 300 ex attivisti transalpini erano stati portati in Francia. “Sono sostenuti da molti intellettuali francesi che li presentano come vittime della persecuzione degli italiani che, secondo loro, non sono più lo Stato di diritto e amministrano la giustizia straordinaria”, spiega Jean Musitelli, ex consigliere diplomatico di François Mitterrand.

“All’epoca la giustizia italiana non aveva nulla a che vedere con la giustizia penale tradizionale, disse il monte Terrell. Le persone sono state condannate in processi di massa con l’accusa di convertiti a cui era stata promessa la remissione se avessero esposto i loro ex compagni. “

Le sfumature di Marc Lazar: “Durante i suoi anni di leadership, l’Italia ha dovuto far fronte a orribili violenze terroristiche, provenienti sia dall’estrema destra che dall’estrema sinistra. Come molte democrazie che affrontano il terrorismo, questo Paese ha compiuto passi straordinari, ma senza cessare di essere uno stato di diritto. Ci sono cose inaccettabili come la tortura. Ma il processo si è svolto in Assise, con una giuria popolare”,spiegano gli storici.

Quanto a coloro che si pentono, «È vero che qualcuno ha incaricato il suo vecchio amico di ottenere una riduzione della pena. Ma anche affidandosi ai convertiti, i tribunali italiani hanno inferto un duro colpo alla mafia. Senza che nessuno gridi la fine dello Stato di diritto”, ha aggiunto Marc Lazar.

Ad aprile, il lysée aveva confermato che la Francia, “Lui stesso è stato toccato dal terrorismo, comprendendo l’assoluta necessità di giustizia per le vittime”. Una svolta per Marc Lazar. «Fino ad allora un presidente francese non aveva mai accennato alla necessità di giustizia per le vittime del terrorismo italiano. Gli attacchi del 2015 non sono stati sicuramente vani in questo sviluppo. ” Che però distingue il terrorismo jihadista, che ha “Il desiderio di terrorizzare l’intero Paese”, e atti di violenza e bersagli da parte di gruppi di estrema sinistra italiani. “C’è ancora, in entrambi i casi, il bisogno di giustizia delle vittime. “

“Giustizia, non vendetta”

Anche gli avvocati per una possibile estradizione non hanno negato il dolore delle vittime. «Ma per placarlo, dobbiamo distruggere, a quarant’anni di distanza, la vita di coloro che hanno trascorso tutta la loro vita in Francia? Questa pace si può trovare se, invece di mandare in prigione questo vecchio, lanciamo in Italia un processo di giustizia riparativa e riconciliazione come è stato fatto in Sud Africa”, Ho chiesto a Mignard.

“Tante vittime italiane chiedono giustizia, non vendetta”, replica Marc Lazar, riferendosi a Mario Calabresi, giornalista e figlio di un questore, ucciso nel 1972 a Milano. Un omicidio a cui parteciperà una delle dieci persone potenzialmente estradate, condannate a quattordici anni di carcere. Non può esistere una zona illegale per coloro che hanno ucciso (…). Ma non riesco a provare la soddisfazione di vedere i vecchi e i malati incarcerati per così tanto tempo” infatti, ha twittato Mario Calabresi ad aprile.

Nel 2008, nel Mondo, i giornalisti sono contrari a tutto “Lettura romantica”, immortalato volontariamente in Francia, atto perpetrato dal terrorismo di sinistra. “Le vittime sono giudici, medici, sindacati, accademici, politici, gente comune che non è in guerra con nessuno. Hanno sparato freddamente, disse allora. Qualsiasi riflessione sulla responsabilità non deve dimenticare questo fatto. “

————–

Giustizia ed estradizione

Procedimenti legali in Francia : la camera investigativa deve esprimere un parere sulla richiesta di estradizione italiana. In caso di parere sfavorevole, la procedura non proseguirà. Se il parere è favorevole, allora è il governo che deve proseguire o meno con l’estradizione dopo un’eventuale cassazione o il Consiglio di Stato.

prima estradato

Dalla “dottrina Mitterrand”, la Francia ha consentito solo due estradizioni.

-Paolo Persichetti : Condannato a 22 anni di carcere per coinvolgimento nell’assassinio di un generale, questo ex giornalista è stato consegnato in Italia nel 2002. Gli è stata concessa la semilibertà nel 2008.

– Cesare Battisti: Nel 2004 Jacques Chirac ha ricevuto l’estradizione di un ex attivista condannato all’ergastolo in Italia per quattro omicidi negli anni 70. Cesare Battisti, rifugiato in Francia da 15 anni, è fuggito in Brasile. Arrestato in Bolivia all’inizio del 2019, è stato inviato in Italia dove è tuttora detenuto.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *