La gara militare per 52 miliardi di BVP finisce con un fallimento

Dopo sei mesi di analisi legali, il resort sotto la guida di Jana ernochová (ODS) ha inviato una serie di requisiti rigorosi a tre possibili fornitori di veicoli blindati 14 giorni fa, affermando che se tutti e tre non si conformano entro due settimane, il resort annullerà la procedura di gara e sceglierà un altro metodo per acquisire veicoli blindati.

Tre aziende vogliono fornire veicoli corazzati all’esercito ceco: BAE Systems (Svezia) con veicoli V-90, GDELS (Spagna) con motori Ascod e Rheinmetall (Germania) con veicoli corazzati Lynx.

Solo la BAE svedese è d’accordo

La richiesta è stata respinta dalla società spagnola GDELS, che ha spiegato la procedura anche al vicecomitato di difesa in una lettera in cui ha scritto che stanno attualmente valutando la soluzione migliore per annullare la gara del blindato e negoziare l’acquisizione. a livello di governo con il governo spagnolo.

“Pertanto, vorremmo informarvi che la GDELS non ha firmato la dichiarazione inviata dal Ministero della Difesa il 24 giugno 2022”, ha scritto ai legislatori il vicepresidente della GDELS Thomas Kauffmann. Secondo lui, la Spagna è stata in grado di consegnare le macchine a un prezzo fisso e persino di trasferire la maggior parte della produzione nella Repubblica Ceca. Ma non alla compagnia statale VOP, come voleva il Ministero della Difesa, ma alle aziende del consorzio CSG, che producono veicoli blindati a ruote Pandur per l’esercito ceco su licenza di GDELS.

“Nell’attuale situazione post-pandemia, GDELS ed ELBIT (fornitori di torri israeliane – ndr) ritengono che un tale approccio, rivolto alle singole imprese statali, non sia uno stimolo economico sufficiente”, si legge nella lettera.

Secondo Prava, anche il produttore tedesco Rheinmetall ha respinto le richieste del ministero. Il vicepresidente della società, Oliver Mittelsdorf, ha rifiutato di commentare. “Dato l’attuale accordo con il Ministero della Difesa sulla riservatezza, a cui siamo vincolati, ci rammarichiamo, ma non possiamo fornire alcuna informazione relativa al nostro processo di selezione o risposta”, ha detto Mittelsdorf a Práv.

Secondo Prava, l’unica società che ha firmato i termini è la società svedese BAE Systems, che 14 giorni fa ha approvato la consegna di 152 veicoli corazzati per il trasporto di personale CV-90 per 42 miliardi con il governo slovacco.

Cosa farà ora il ministero? Il portavoce del dipartimento David Jare ha solo detto a Práva che il ministero non commenterà il contratto fino a quando il governo non ne discuterà (forse la prossima settimana). 14 giorni fa, il ministro ernochová ha fatto notare ai membri del comitato di difesa che se la società non accetta i termini, il modo più probabile è un accordo a livello di governo. Ciò significa che il governo si avvicinerà e negozierà con il governo del paese in cui viene prodotta l’armatura. Questo può accelerare l’intero processo.

Allo stesso modo, la Difesa ha acquistato elicotteri US Bell, avendo precedentemente annullato una competizione che coinvolgeva elicotteri statunitensi e italiani. Non è piaciuto però al produttore italiano, la società Leonardo, che ha denunciato la procedura di difesa all’ufficio antitrust. Alla fine ha multato il ministero di mezzo miliardo.

Condizioni rigorose

I requisiti che devono essere soddisfatti dai produttori BVP sono piuttosto severi. Le società devono promettere di rinunciare alle richieste di rimborso dei costi sostenuti in diversi anni di gara e che le loro offerte non supereranno il valore originario di 51,68 miliardi di corone IVA inclusa. Devono inoltre concordare che il Ministero della Difesa può rifiutare la loro offerta o interrompere l’intero processo senza fornire motivazioni.

Le compagnie di armi hanno presentato le loro offerte al ministero lo scorso settembre, ma la difesa ha interrotto le offerte dopo che nessuna delle offerte ha soddisfatto tutte le condizioni.

Secondo Ernochová, è stato un errore, perché il precedente governo avrebbe dovuto rescindere il contratto. Secondo lui, ciò è stato fatto dal ministro della Difesa ANO Lubomír Metnar in quel momento non per esitazione e solo eliminando le offerte dalle gare, non gli offerenti. ernochová ha osservato che solo un’azienda non ha soddisfatto i requisiti, per aver superato i prezzi e non aver inviato documenti importanti. E qui Metnar dovrebbe eliminare e continuare la gara.

“Se ciò accade, l’esercito può aspettarsi un nuovo BVP oggi”, ha affermato il ministro. Ma Metnar, che oggi presiede il comitato di difesa, si è opposto perché i funzionari del dipartimento delle armi non gli hanno dato scelta. “Non avevo altra scelta che rifiutare l’offerta e mantenere l’offerente”, ha ribattuto Metnar.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.