La Francia è in ritardo rispetto ai suoi vicini europei

I francesi sono meno abili nel telelavoro dei loro vicini

Prima osservazione: sul versante del telelavoro, la Francia è in ritardo rispetto ai suoi vicini europei. Innanzitutto sul principio stesso. Quindi, quando abbiamo chiesto loro la loro pratica media, solo il 29% dei lavoratori francesi ha affermato di lavorare a distanza “almeno una volta alla settimana”. D’altra parte, è il caso del 51% dei tedeschi, del 50% degli italiani, del 42% dei britannici e del 36% degli spagnoli.

La Francia è anche un’auto dietro le sue controparti europee in termini di frequenza di telelavoro. “Mentre in altri paesi europei, la proporzione di lavoratori a distanza da quattro a cinque giorni alla settimana è superiore a quella che utilizza da due a tre giorni, è l’opposto osservato in Francia”, affermano gli analisti di Ifop.

Illustrazione con esempio italiano: il 30% delle persone che ci lavorano lavora da remoto quattro o cinque giorni alla settimana e il 17% due o tre giorni. In Francia, questa frequenza è scesa rispettivamente all’11% e al 14% della popolazione attiva.

Pratica riservata a CSP+, ovunque ma soprattutto in Francia

Non è un segreto: la categoria socio-professionale (CSP) più privilegiata ha più accesso al telelavoro rispetto alla CSP meno privilegiata. “La natura dell’attività di CSP+ ha una maggiore probabilità di soddisfare i due prerequisiti richiesti da questa pratica: la possibilità di lavorare in movimento e dietro le quinte”, ricordano gli autori dello studio. Ciò vale nei cinque paesi europei considerati.

Tuttavia, in Francia la disuguaglianza nell’accesso al lavoro a distanza è più pronunciata, con una differenza di 39 punti: in pratica è accessibile al 56% CSP+ ma solo al 17% CSP-. In confronto, la differenza in Italia è di otto punti: il 56% di CSP+ contro il 48% di CSP-.

In Francia, lavoratori a distanza di quasi tutte le età

Se ci concentriamo sull’età delle persone che lavorano da remoto, la Francia è più omogenea rispetto ai suoi vicini europei: il 31% degli under 35 lavora lì da remoto almeno una volta alla settimana, rispetto al 28% degli ultracinquantenni.

Negli altri stati considerati, le differenze sono molto più ampie e la pratica è più consolidata tra i lavoratori più giovani rispetto a quelli più anziani. Nel Regno Unito, ad esempio, il 58% degli under 35 lavora da remoto, rispetto al 31% degli over 50. “Questa osservazione sembra logica per la popolazione “nativa digitale”, che è più flessibile nella sua organizzazione […] come nella sua apertura alla mobilità”, analizzano gli analisti.

Candidato francese ma si è dimesso?

Ifop ha anche chiesto ai lavoratori quali sono le loro aspirazioni, e in particolare il numero medio di giorni in cui “vogliono” trascorrere il telelavoro. Anche qui in Francia chiediamo il minimo: la frequenza media ideale è di 1,8 giorni a settimana. Pertanto, questo è inferiore rispetto a Spagna (2,7 giorni a settimana), Regno Unito (2 giorni), Germania (2,2 giorni) e Italia (2,4 giorni).

“Un’ipotesi esplicativa risiede nella forte disuguaglianza sociale precedentemente osservata. Ciò comporterà la condivisione del modulo di dimissioni da parte di alcuni lavoratori, il che integrerà il fatto che sarà difficile qualificarsi per esso”, hanno suggerito gli autori dello studio.

Perché la Francia ha bisogno del telelavoro in generale non meno di altri paesi europei vicini. Erano il 69% dei lavoratori a cui è stato chiesto se volevano lavorare da remoto almeno una volta alla settimana, che è 40 punti in più rispetto alla pratica effettiva. Questo è tanto in Germania quanto più che nel Regno Unito (62%).

Tuttavia, la Francia rappresenta un’eccezione nel profilo dei candidati attivi al lavoro a distanza: 71% degli over 50 contro il 64% degli under 35, mentre la tendenza è invertita negli altri paesi. Questa unicità, secondo lo studio, potrebbe essere spiegata dalla “difficoltà incontrata da molti giovani nell’inserimento duraturo nella popolazione lavorativa” e “dall’importanza della socializzazione sul posto di lavoro”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.