La fine del Plavši negli slavi? Il centrocampista serbo non serve, i punti completano anche un’altra partenza

È stato il caso più ipotizzato nel calcio ceco l’anno scorso. Srdjan Plavšič non rinnovò il contratto allo Sparta e andò dagli odiati slavi. Tuttavia, non era in grado di affermarsi nel suo rivale dell’Eden in un anno, ed era per questo che ora molto probabilmente stava uscendo di nuovo.

Questo trasferimento provoca molto sangue cattivo. Plavšič avrebbe dovuto accordarsi per il trasferimento allo Slavia in primavera, ma poco prima della partita si è rotto tutto sui media. Il centrocampista serbo ha dovuto giurare alla dirigenza dello Sparta e ai compagni in cabina che quello non era lo Slavia.

Lo ha detto lui stesso su Instagram. Alla fine, però, non ha rinnovato il contratto con lo Sparta, ed era chiaro ai tifosi cosa sarebbe successo. Plavšič fece le valigie a Letná e partì per Praga il 10.

Apparentemente, Trpišovsk non lo ha preso come rinforzo per la formazione titolare, da cui sarebbe diventato un sostenitore. Più come un giocatore libero per la rosa, che ha un certo potenziale e se finisce ancora lo Sparta, allora è fantastico.

Ma Plavšič allude alla sua scarsa produttività. In un anno allo Slavia ha giocato 38 partite nelle quali ha segnato un gol. È stato bello quando ha segnato un gol da metà campo con un fiocco, ma non ne ha aggiunto uno. Anche con gli assist, non ha migliorato molto i suoi punti, quando ha fornito solo 4 gol.

Se prendiamo le stagioni dall’inizio, l’autunno è terribile. E’ entrato nella formazione titolare solo due volte, se entra da sostituto non inverte praticamente mai sviluppi, non aiuta in alcun modo la squadra. Ha anche trascorso molto tempo in disparte a causa di infortuni. Probabilmente l’unico momento positivo che ha avuto contro il Plzeň è stato quando negli ultimi 30 minuti ha calpestato il terzino sinistro e ha aiutato i giocatori ricuciti ad aprire il muro difensivo del Viktoria.

Ha lavorato sodo durante la pausa invernale e ci sono notizie che potrebbe finalmente entrare nella formazione titolare. Primo come terzino sinistro, che Trpišovsk lo ha messo alla prova per tutto l’inverno ed è stato il miglior giocatore nella preparazione e nel riscaldamento successivo con il Baník. Ma qui ha giocato una partita con Karvina, che si è conclusa con un’umiliante sconfitta per 0:1, e poi Jurásek e Oscar hanno avuto la priorità.

Tuttavia, Plavšič non era arrabbiato, ha appena iniziato a ruotare il palo. Una volta a centrocampo, poi ala sinistra, a volte a destra, poi ancora terzino sinistro. La primavera è stata molto migliore dell’autunno, ma non è bastata.

Lo Slavia in questo momento non conta su Plavšič e la sua partenza è in via di definizione. Idealmente dovrebbe essere un trasferimento fisico, se ci sono parti interessate, o un prestito. Ma è improbabile che qualcuno dei partecipanti al campionato possa coprire lo stipendio di Plavšič, che è stimato fino a un milione di corone. Gli slavi dovevano quindi pagare da soli una parte dello stipendio.

Puoi anche vedere la pessima posizione del serbo concentrandoti su Aigen. Mentre gli altri giocatori lottavano per un posto nelle tre amichevoli, Plavšič non è sceso in campo nemmeno per un minuto. Ha giocato solo in gare modello dopo il duello con il Rapid Bucuresti, in cui i sostituti sono partiti senza un carico di gioco.

Ma c’è anche un’altra deviazione nella soluzione. Stiamo ancora aspettando un’offerta allettante per Peter Olayinka, che è già a un passo dall’Eden dopo la fine della stagione. Tuttavia, per ora, ha aspettato e il combattente nigeriano indossava ancora la maglia biancorossa. Il fatto che non conti più tanto è stato confermato dall’arrivo di Ewerton, che in preparazione ha preso posizione sulla fascia sinistra.

Maksym Talovjerov e Daniel Samek dovrebbero essere in prestito e non avranno molte possibilità di inserirsi in una rosa gremita. La domanda è se un centrocampista in più lascerà lo Slavia, dove c’è molta pressione in eccesso. Per i due centrocampisti di scudetto, Trpišovsk ha Holeš, evčík, Hromad, Traoré, Valenta, Tiehi e Provod.

E l’arrivo? Gli Stitchers vogliono ottenere un altro attaccante, idealmente uno stopper. Tuttavia, non nella formazione titolare, ma nella rotazione, perché la coppia Santos – Ousou ha giocato bene in preparazione.

Fonte: SK Slavia Praga, Transfermarkt

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.