La fattura di Novak solleva dubbi. U Sablikove a spol. ma finora è ancora lì

La direzione della Czech Speed ​​Skating Association ha confermato una controversia con l’allenatore Petr Novák sul completamento del campo della nazionale a Collalbo nel 2019 e 2020. Il comunicato afferma che la squadra dirigente della nazionale non cambierà fino alla fine del la stagione. . Una volta completata, la situazione dovrebbe essere risolta dall’assemblea generale del sindacato.

“Il sindacato in questo momento ha la priorità nel garantire lo svolgimento della stagione olimpica, soprattutto in termini di sport e organizzazione”, hanno affermato i funzionari guidati dalla presidente del sindacato Marcela Bradová.

Secondo il sito web di Seznam Zprávy, la controversia riguarda l’importo di 1,8 milioni di corone, che il sindacato ha rifiutato di restituire a Novák perché sospettato che stesse addebitando un importo eccessivo. L’escalation dei problemi è stata alla base della cancellazione da parte di Martina Sáblíková della partenza di domenica nei 1500 metri della Coppa del Mondo di Calgary.

“Alcuni membri del sindacato avevano dubbi sull’importo della fattura specifica per la concentrazione a Collalbo, in Italia, che è stata presentata dal sig. Novak per la riscossione e il rimborso del sindacato. Sulla base di questo dubbio. documenti e per spiegare alcune ambiguità”, ha affermato la direzione sindacale, rilevando che l’indagine non era ancora stata completata.

Novák ha scritto in una dichiarazione che questo chiaramente non è così alto come affermano i media. “La rifattura (canone) è stata approvata dal sindacato, che non è stato rimborsato per mancanza di denaro da parte loro. Ho fornito i documenti necessari al rappresentante sindacale e sono stato più volte disponibile per qualsiasi domanda o aggiunta”, ha affermato Novák, spiegando che l’ambiguità è legata alla documentazione dell’amministrazione dell’evento.

Secondo l’allenatore, firmato sotto tutto il successo di Sáblíková, il budget del campo è sempre progettato in modo tale che tutti i servizi, inclusi vitto e alloggio, siano forniti da rappresentanti e giovani pattinatori che si preparano con le stelle della lunga distanza. “Il mio obiettivo è che i bambini siano accuditi al 100% senza dover pagare in alcun modo i genitori per la formazione. Il nostro sport è piuttosto impegnativo per i membri e i familiari. Una parte enorme della formazione di qualità si svolge all’estero, il che, tra l’altro, pone grandi esigenze di comunicazione con le scuole e altre istituzioni ufficiali “, ha affermato Novák.

Tuttavia, ammette che è possibile che non abbia sempre seguito il manuale di amministrazione. “Che ho ammesso più volte nell’associazione. Tuttavia, ho sempre agito esclusivamente nell’interesse di tutti i concorrenti, indipendentemente dall’età e dalle prestazioni, nell’interesse di tutto il pattinaggio di velocità”, ha continuato Novák, aggiungendo: “Il tempismo di tutti le partite non sono un caso, scade il contratto e sento la pressione nel movimento di non rinnovare il contratto”.

Il tre volte vincitore olimpico ha scritto domenica sui social media che i problemi sindacali interni hanno raggiunto il picco durante la quarta parte della Coppa del Mondo. “Mi dispiace che alcune persone non abbiano rispettato il fair play o i valori di squadra. A tutti noi e al nostro bellissimo sport. Ha conquistato il terzo posto a Calgary a 3.000 m, ma poi si è ritirato dalla prevista partenza il 15.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.