La comunità internazionale può giocare su Vucic per fermare la caduta della BiH

La Serbia non interferirà negli affari interni di altri paesi, ha affermato il presidente serbo Aleksandar Vucic quando gli è stato chiesto di commentare una votazione su conclusioni e informazioni all’Assemblea della Republika Srpska dove l’entità della Bosnia ed Erzegovina ha riacquistato la sua competenza nel campo della difesa, dei servizi di sicurezza . , fiscalità e giustizia. Attraverso Vučić la comunità internazionale può fermare il processo che ha portato alla disintegrazione della BiH, ritiene il direttore del Centro per il Regionalismo, Aleksandar Popov.

Gioco pericoloso e mosse che hanno portato la Bosnia Erzegovina sull’orlo della distruzione. Così Aleksandar Popov, direttore del Center for Regionalism, valuta l’ultima mossa dell’Assemblea nazionale Republika Srpska per H1. Milorad Dodik, membro della presidenza della Bosnia-Erzegovina, ha fatto questa mossa, e lo ha fatto perché incoraggiato a farlo con l’assoluto sostegno di un paese vicino e di uno stato lontano. I due sono spesso chiamati fratellanza.

“Questo vicino è la Repubblica di Serbia, e il suo presidente, e l’intera leadership, e un altro fattore è la Russia, che stava dietro a Dodik, ed è riuscito a garantire che la Russia ponesse il veto alla decisione sull’elezione dell’Alto rappresentante”. Tuttavia, sono preoccupato per un altro fattore, ed è ciò che la comunità internazionale chiama, in realtà l’UE e gli Stati Uniti, che non stanno facendo quello che devono fare dopo 26 anni dalla firma dell’accordo di Dayton, per rendere la Bosnia-Erzegovina funzionale Stato e un servizio di tutti i cittadini. Ora è più vicino allo scioglimento che al possibile consolidamento”, ha avvertito Popov.

Breve messaggio da Belgrado.

“La politica della Serbia è rispettare l’integrità territoriale della BiH, ma anche rispettare l’integrità della Republika Srpska all’interno della BiH”. “Il che significa il pieno rispetto dell’Accordo di Dayton e la Serbia è uno dei garanti dell’attuazione dell’Accordo di Dayton”, ha affermato il presidente Vučić.

Il messaggio dei politici serbi è sempre duplice: da un lato esprimono rispetto per l’integrità territoriale e la sovranità della Bosnia-Erzegovina e, dall’altro, si parla solo di separazione temporanea della Republika Srpska dalla madrepatria. .

“C’è una cosa comune da tenere a mente qui, ed è che Dodik morirà politicamente senza il sostegno di Vučić o se cade nel suo disgusto”. In realtà, non sarà più un fattore politico. Al momento, la comunità internazionale può solo fermare l’intero processo che porta alla sua distruzione attraverso Vučić. “Non so perché non è stato fatto finora, ma penso che ora le carte siano state mescolate in quel modo”, stima Popov.

A proposito, nonostante le dichiarazioni di Dodik e, ad esempio, del presidente dell’Assemblea serba Ivica Dacic secondo cui la competenza è sottratta alla Republika Srpska, l’Assemblea della Republika Srpska ha da tempo scelto di trasferire la competenza allo Stato. . L’accordo di Dayton non prevede che il consenso al trasferimento di competenza sia revocato una volta. Ciò non è stato preceduto dalla Costituzione della Bosnia-Erzegovina.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.