La Chiesa si scusa dopo che il vescovo italiano ha detto ai bambini che Babbo Natale non c’era | Notizie dal mondo

Una diocesi cattolica in Italia si è scusata pubblicamente dopo che il suo vescovo ha detto a un gruppo di bambini che Babbo Natale non c’era.

La diocesi di Noto in Sicilia ha affermato che il vescovo Antonio Stagliano sta cercando di sottolineare il vero significato del Natale.

Il direttore della comunicazione diocesana, il reverendo Alessandro Paolino, ha detto che Stagliano ha anche cercato di spiegare la storia di San Nicola, vescovo che offrì doni ai poveri e fu perseguitato da un imperatore romano.

Il signor Stagliano è stato citato dai media locali per aver affermato che Babbo Natale non esiste e il suo abito rosso è stato realizzato dalla Coca-Cola.

“Prima di tutto, a nome del vescovo, esprimo il mio dispiacere per l’affermazione che ha suscitato delusione tra i bambini piccoli, e desidero sottolineare che le intenzioni di Mons. Stagliano erano ben diverse”, ha scritto Stagliano. Paolino su Facebook diocesano. pagina.

“Di certo non dovremmo distruggere l’immaginazione dei bambini, ma prendere buoni esempi positivi per la vita”, ha aggiunto.

“Quindi Babbo Natale è un’immagine efficace per trasmettere l’importanza del dono, della generosità, della condivisione. per rivalutarlo dandogli un nuovo significato. “

Tuttavia, i genitori di Sicilia non sembravano accettare le scuse.

Mentre molti hanno elogiato gli sforzi del vescovo di concentrarsi sul significato cattolico del Natale, altri hanno criticato il vescovo per aver interrotto le tradizioni e le celebrazioni familiari.

Alcuni dicono che fa impazzire i bambini due settimane prima di Natale.

“Sei una dimostrazione che quando si tratta di famiglia, figli e educazione familiare, non capisci nulla”, ha scritto la commentatrice Mary Avola.

Non tutte le notizie sul sito esprimono il punto di vista del sito, ma inviamo questa notizia automaticamente e la traduciamo utilizzando la tecnologia programmata sul sito e non da redattori umani.

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *