La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti approva due progetti di legge per proteggere l’aborto




La casa della maggioranza democratica negli Stati Uniti hanno approvato due progetti di legge questo venerdì chi sta perseguitando ripristinare la tutela del diritto all’aborto nel Paese, abrogata a seguito dell’annullamento della storica sentenza ‘Roe versus Wade’ della Corte Suprema, il 24 giugno.

La prima, intitolata Legge sulla protezione delle donne, sostenere l’accesso all’aborto consacrando tale diritto nella legge federalel, e ha ricevuto 219 voti favorevoli e 210 contrari. Secondo proteggere i viaggi internazionali a ricevere questo servizio e sono stati sostenuti con 223 favorevoli e 205 contrari.

Entrambe le regole, tuttavia, hanno poche possibilità di avanzare quando l’elaborazione arriva al Senatodove una ristretta maggioranza democratica avrebbe bisogno del sostegno di almeno dieci repubblicani.

Nel 1973 negli Stati Uniti fu approvata la sentenza “Roe versus Wade”, che prima volta che riconosce il diritto delle donne all’aborto senza restrizioni durante il primo mese di gravidanza. Da allora, quando un paese tenta di vietare l’aborto, i giudici possono prevenirlo.

Tuttavia, ribaltando la sentenza, la Corte Suprema, che ora è composta da sei giudici conservatori e tre giudici liberali, lasciando la decisione nelle mani dell’America.

Solo le nuove leggi possono prevalere sui regolamenti statali

Attualmente, 13 dei 50 Stati che compongono il Paese impongono restrizioni contro l’interruzione volontaria della gravidanza e in alcuni stati, come il Texas, il veto è totale. Solo le nuove leggi, così come discusse e votate nel DPR, possono reintrodurre le normative statali.

“La storia ci sta guardando. Dobbiamo mostrare la nostra leadership e assicurarsi che i diritti di base siano garantiti“Il deputato democratico Tony Cárdenas, un rappresentante della California, ha detto durante la sessione.

La parte repubblicana, invece, ha criticato il disegno di legge con considerano che facilitano gli aborti “on-demand”. basato su “razza, sesso o disabilità” fetale: “Dobbiamo porre fine a questa bugia secondo cui l’aborto improvvisamente è un problema di salute riproduttiva”, ha difeso il repubblicano Kat Cammack, a nome della Florida.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.