Koudelka è ben lungi dal dire addio, vuole saltare alle Olimpiadi in Italia – Czech Television Sports – Czech Television

Koudelka, 32 anni, ha completato la sua quarta Olimpiade a Pechino. Alla domanda se fosse il secondo, ha risposto: “Questa è una domanda difficile”, ha sorriso sotto un velo di ghiaccio a venti gradi a Changjia.

In Italia, Koudelka si è presentato come frontman nel 2006 insieme ad altri concorrenti cechi. “E se riuscissi a finirlo lì, sarebbe fantastico. Ma dipende dalla mia salute e dal risultato. Se tutto funziona, voglio vivere di nuovo le Olimpiadi”, ha detto.

Il viaggio doloroso ha dato i suoi frutti

A Koudelka, l’unica partecipazione è una vittoria alle Olimpiadi di Pechino. Dopo un intervento chirurgico al ginocchio l’anno scorso, non è tornato al bridge fino a dicembre, meno di due mesi prima delle Olimpiadi.

Ha concluso 18 ° sul ponte centrale quando non ha mantenuto una promettente 11a posizione dopo il primo round. Non si è qualificato sul grande ponte e nemmeno in squadra. “Da un lato, mi dispiace che non mi piacciono più quelli grandi. D’altra parte, quando so cosa ho passato, sono felice di essere qui”.

Alla fine delle Olimpiadi, stava lottando con la stanchezza, quindi era davvero felice che le Olimpiadi fossero finite per lui oggi. “Di fatto, da maggio ho solo una settimana libera, altrimenti mi alleno tutti i giorni e di solito due volte al giorno per recuperare. Ed è quello che è successo a me”, ha detto.

Prenderà energia in casa e alla fine del Mondiale vorrà ascoltare Harrachov. “Forse salteremo un ponticello per ritrovare la fiducia. Per anni non ero sicuro di andarci, ma volevo raggiungere i santi”, ha promesso. Ha preso determinazione da lampi di forma precedenti, come il suddetto primo round al Central Olympic Bridge. “Mi dà molta energia”.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.