Jazz Bonus: Giovanni Guidi

“Ojos De Gato”, del pianista italiano Giovanni Guidi, presenta undici nuove composizioni simili a inni che hanno le caratteristiche di suonare familiari e del tutto nuove.

Per visualizzare questo contenuto di Youtube, devi accettare i cookie Pubblicità.

Questi cookie consentono ai nostri partner di offrirti pubblicità e contenuti personalizzati in base alla tua navigazione, profilo e aree di interesse.

Configura i cookie

Occhio di gatto“È il quinto album per Cam Jazz del pianista e compositore italiano Giovanni Guidi. Con una grande band intorno – sassofonista tenore James Brandon Lewis, trombonista Gianluca Petrella, bassista Brandon Lopez e i batteristi Ciad Taylor e Francisco Mela – i pianisti acquisiscono una voce che sa essere forte come un’orchestra al completo o intima come le più piccole combo.

La musica tocca molti traguardi che sono entrati a far parte della vita e dell’immaginazione di Giovanni Guidi, ma che potrebbero essere stati visitati virtualmente solo nell’ultimo anno: Buenos Aires, Ultima Parigi, Roma 1962, Caffè Montmartre. È cliché parlare di compagnie d’arte come di un viaggio, ma è quello che “Ojos De Gato” ti invita a fare. Musica ispirata al grande Gato Barbieri, vissuto in Italia a metà degli anni Sessanta, ma in un nuovo capitolo. (Brian Morton)
(estratto dal comunicato stampa in inglese – traduzione di E. Lacaze / A. Dutilh)

Annuncio pubblicitario

Radio France non ti chiederà mai di fornire le tue coordinate bancarie.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.