Jack Wilshere sta per diventare la nuova leggenda dell’Arsenal, la sua salute è in disaccordo. Tornerà in azione?

Ci sono molti calciatori che si prevede avranno un futuro da sogno pieno di trofei, fama e ammirevole rispetto per le loro abilità calcistiche. Tuttavia, pochissimi di loro si avvicinano a realizzare il loro potenziale e nel tempo, per vari motivi, cadranno nella media nella migliore delle ipotesi. L’ex star dell’Arsenal Jack Wilshere è uno di questi.

Sollevato con un cannone sul petto

Da quando Thiery Henry ha governato l’Emirates Stadium, i fan del club londinese hanno cercato qualcuno da emulare per dare loro una speranza a lungo termine e una lotta per il primo posto. Questo dovrebbe essere il piccolo centrocampista intelligente con la famosa visione del gioco, Jack Wilshere.

Dall’età di nove anni, quando si è trasferito dalla Luton Academy all’Arsenal, ha studiato calcio a Londra ed è cresciuto con un cannone nel petto. Come nel caso di simili illustri talenti, Wilshere è un degno pezzo davanti ai suoi coetanei. Per questo gioca con i più grandicelli e molto spesso indossa la fascia da capitano al braccio sinistro, anche il più giovane della squadra.

Ha giocato per la Gunners Reserve dall’età di sedici anni ed era molto affezionato all’allora allenatore della A-Team, Arsen Wenger.

Il preferito di Wenger

Era un pilota francese famoso per la sua intuizione per il potenziale dei giovani giocatori, e il giovane Jack era inconfondibile con le sue abilità calcistiche. E ha avuto una possibilità. È entrato a far parte della prima squadra nell’estate del 2008 e ha esordito in campionato all’età di diciannove anni a 16 e 256 giorni, diventando così il più giovane esordiente nella storia del club.

Non esiste un modo semplice per ottenere la formazione di Wenger. A quel tempo, giocatori come Cesc Fabregas, William Gallas, Samir Nasri, Robin van Persie e Tomáš Rosický stavano ascoltando la sirena. Una prospettiva poco promettente per un calciatore diciassettenne, d’altronde un’esperienza quasi infinita in ogni allenamento.

Fare pratica di gioco a Bolton

Anche così, il giocatore originale di Stevenage aveva ancora pochi minuti. Minuto dopo minuto accumulava esperienza tra i migliori del campionato inglese. Tuttavia, si è presto reso conto che allenarsi con i migliori non era abbastanza, che i giovani giocatori promettenti dovevano giocare regolarmente e quindi sviluppare abilità di wrestling.

Pertanto, dopo un accordo con la dirigenza del club, ha lasciato nel gennaio 2010 per apparire per sei mesi come ospite del Bolton Wanderers, che allora era un giocatore della Premier League.

A Trotters, è rimasto colpito dalla direzione del club dello stadio dell’Università di Bolton, che sta cercando di prolungare il mandato del giovane centrocampista per un’altra stagione. Invano. La direzione dei Gunners ritiene che Wilshere sia maturato e dovrebbe lottare per una formazione di base nella squadra che lo ha cresciuto sin dalla tenera età.

Ritorno a casa

Dopo aver iniziato la stagione in panchina, il giovane ha fatto irruzione nella formazione titolare, dove ha giocato al fianco di Alexander Song nel cuore della formazione. Dopo prestazioni molto solide e consistenti, è entrato anche in Nazionale guidata da Fabio Capello, che è rimasto completamente sbalordito dal suo gioco sofisticato come scudo difensivo.

Il manager italiano ha annunciato che Wilshere era il futuro di tutti gli Albion. Alla fine della stagione 2010/11, aveva giocato 49 partite in tutte le competizioni e tutto sembrava essere sulla buona strada per l’Arsenal e lo stesso Jack Wilsher.

Errore fatale con infortunio

Ma nella preparazione estiva per la stagione successiva, il centrocampista inglese si è infortunato alla caviglia in una partita contro i New York Red Bulls. E sebbene, secondo le ripetute dichiarazioni di Arsen Wenger, il suo ritorno in campo sia imminente, ci vorranno 17 mesi prima che partecipi nuovamente alla competizione.

A causa di quell’infortunio, ha perso l’intera stagione e EURO 2012. È tornato sulla scena del campionato contro il Queens Park Rangers con una prestazione buona come i fan dei Gunners sono abituati. Poco dopo, ha firmato un nuovo contratto a lungo termine con il suo datore di lavoro.

È un leader al 100% in campo e in cabina, e ha indossato la cintura di capitano qua e là durante gli infortuni. L’allenatore Wenger ha ripetutamente elogiato la sua potenza di combattimento, l’impegno e la qualità complessiva durante le interviste. La sfortuna di Wilsher con il suo infortunio è continuata e, sebbene fosse un giocatore diverso, ogni volta che era in campo, con il passare del tempo, il pubblico lo vedeva sempre meno sul lato verde.

Ci sono solo i soliti infortuni, qui piccoli interventi chirurgici e soprattutto un problema apparentemente senza fine ad entrambe le caviglie di un abile calciatore.

Visita a Bournemouth

Naturalmente, nemmeno lo stesso club londinese potrebbe essere paziente con Wilsher per sempre. E convincere giocatori ben pagati a mentire più in ospedale che in campo non è una strategia sportiva e sicuramente non redditizia dal punto di vista economico. Il calciatore 25enne è andato a Bournemouth prima della stagione 2016/17.

E ancora una volta, è un giocatore chiave e un elemento di differenziazione per la sua squadra, ogni volta che è in campo, come dimostrano i premi Player of the Month di novembre a novembre e dicembre. Un altro infortunio è arrivato ad aprile, che lo ha escluso fino alla fine della stagione.

Nell’estate del 2017, Arsene Wenger si rifiutò di venderlo e lo rimise nello staff dell’Arsenal. Il fragile Wilshere non ha mai giocato un minuto intero nei primi mesi. Non è stato fino al 17 dicembre 2017 che ha iniziato tutti i 90 minuti, per la prima volta da settembre 2014.

È durato il resto dell’anno senza gravi infortuni, ma a fine giugno ha annunciato che avrebbe lasciato definitivamente l’Emirates Stadium come free agent dopo la scadenza del suo contratto.

Cadere

Come spinta, è stato portato nel suo staff dal West Ham United, dove ha firmato un contratto triennale. Tuttavia, dopo due anni, il suo contratto è stato rescisso prematuramente e, a causa di ripetuti infortuni, è riuscito a giocare solo 19 partite durante quel periodo.

A gennaio 2021 avviene il ritorno a Bournemouth, già operante nel Campionato. Tuttavia, anche qui non si è scaldato molto e dopo sei mesi il suo impegno al Vitality Stadium è giunto al termine.

Attualmente, il centrocampista 30enne è fidanzato ed è difficile immaginare che sarà ancora presente nella massima competizione della Premier League.

Fonte: Transfermarkt Livesport One Football

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *