Italia: mutazioni nei diritti italiani | Internazionale

Matteo Salvini, martedì scorso in un programma televisivo italiano.RICARDO ANTIMIANI (EFE)

La politica in Italia cambia, evolve e cambia continuamente i volti dei suoi deputati a seconda delle leggi elettorali. La coalizione è ciò che è diventato confortevole negli ultimi anni nel calore della norma odierna. Kiri non voleva pensarci fino ad ora. E anche per questo, conosciuto in Italia come centrodestra, il blocco formato da Forza Italia, Liga e Fratelli d’Italia, è riuscito a governare in 12 delle 20 regioni del Paese e ha il potere che potrebbe aiutare raggiunge Palazzo Chigi. È interessante osservare come cambia l’equilibrio di potere in questo artefatto elettorale. E nel caso del mondo conservatore, sono tre gli elementi che stanno alla base della mutazione: il cammino di moderazione di Matteo Salvini con la Lega, l’ascesa inarrestabile del leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e l’esplosione di Forza Italia de Silvio Berlusconi in una diversa meteorite che rappresenta i resti del centro liberale di estrema destra e che tutti vogliono vedere la terraferma nei loro ranghi.

L’ultima oscillazione nel sismografo a destra proviene dall’universo della Lega, ma racchiude i tre motori in movimento. Salvini, ex vicepresidente ed ex ministro dell’Interno, aveva proposto questa settimana di formare una federazione di partiti che compongono lo spettro conservatore, ad eccezione di quello guidato da Giorgia Meloni (più apprezzato del leader leghista dall’Italia). La tesi di Salvini era che, in questo modo, sarebbe stato possibile affrontare le questioni unificate riguardanti l’Esecutivo. Sicuramente bisognava fare qualcosa senza Fratelli d’Italia, l’unico partito che ha deciso di lasciare l’Esecutivo di unità nazionale e che oggi comincia a raccogliere i frutti di quella decisione nei sondaggi. “Parleremo con una sola voce e, in questo modo, accelereremo l’approvazione di decreti, emendamenti, faciliteremo le riforme fiscali, la giustizia”, ​​ha detto Salvini spiegando la natura delle sue nuove scoperte. Ma, in fondo, il leader della Lega ha pensato a un artefatto simile a quello che Silvio Berlusconi ha costruito con il Popolo Libero, in cui ha raggruppato tutti i partiti di destra con indiscutibile successo elettorale e un unico leader.

Ulteriori informazioni

La decisione di allontanare il partito di estrema destra dall’Esecutivo proposta da Draghi a febbraio ha permesso a Meloni di guadagnare da allora quasi 5 punti (13 dalle elezioni europee) ed è ad un passo da un nuovo riferimento dell’estrema destra. Come l’accordo tra i tre partiti che compongono la coalizione finora proposto, chi ottiene un voto in più alle elezioni guida il manufatto e diventa il candidato alla carica di primo ministro. E il leader romano ha apprezzato il momento negli ultimi sondaggi. La sua formazione si posiziona già come la potenza con la seconda stima di voti più alta (con il 19%), un decimo di vantaggio sul PD Enrico Letta, ea soli due punti dalla Lega. “Non è solo il ruolo dell’opposizione, difficile con Draghi per il suo indiscusso prestigio. Anche per come ha acquisito autorevolezza in diversi mondi economici e sociali”, precisa una fonte del suo partito.

La strategia di Salvini, una forma di castering di fronte al crescente fuoco dell’amicizia, è meno preoccupante per Fratelli d’Italia, che vede disperati tentativi di ricrescere nei sondaggi. Una delle figure di spicco del partito ha sottolineato: “Sta cercando di espandere il suo spazio politico e spingerci più a destra. Ultimamente ha bruciato i rapporti con il centro, tendendo troppo a destra in molte questioni e ora sta cercando di rimediare avvicinandosi a Berlusconi. Ma è come quando una famiglia sposa un nobile per una promozione. Difendiamo la nostra posizione. Non cambia nulla e il centrodestra resterà unito per le elezioni amministrative di ottobre”.

Propaganda segreta

Unisciti a EL PAÍS per stare al passo con tutte le notizie e letture illimitate.

Cliente

Salvini, come pubblicato Corriere della Sera, spende 7,5 volte di più del solito in propaganda sotto copertura sui propri social (351.000 euro in un anno). Il leader della Lega sta cercando di proporre iniziative, su scala nazionale ed europea – vuole formare un nuovo grande gruppo che unisca le due camere alla destra del Partito popolare europeo – che lo rendano il capo visibile di questo nuovo spettro. Ma, allo stesso tempo, cerca di prendere le distanze dalle sezioni più radicali e avvicinarsi alla posizione dell’APD – “se tutti fossero come Isabel Díaz Ayuso, non ci sarebbero problemi”, ha detto in un’intervista a EL PAÍS. “Lo spazio naturale della Lega è sempre stato vicino agli imprenditori e ai settori produttivi del nord. Questo movimento non è strano”, ha detto una fonte del partito che ha paragonato il movimento a quello di Marine Le Pen in Francia.

La nave Forza Italia, intanto, si dirigeva verso gli scogli. Berlusconi, 85 anni, non ha mai voluto sapere della nomina di un successore nonostante la sua grave malattia e la scissione contava nei giorni feriali. “Non ho delfini, ma sardine”, ha concluso una volta. Ora che ha accettato di parlare di questa presunta federazione a condizione che i suoi colleghi gli permettano di sognare l’idea di diventare presidente della Repubblica, la sua ultima grande delusione – è ancora in attesa della sentenza per l’ultimo scandalo per le feste con presunti minori nella sua casa di Arcore —, alle elezioni del prossimo febbraio. Ma Salvini, pubblicamente e privatamente, ha detto che promuoverà la candidatura di Mario Draghi alla carica, con l’obiettivo di accelerare le elezioni.

Game of Thrones all’estrema destra

La politica conservatrice Marion Maréchal e il suo vice, Vincenzo Sofo, alla Convenzione sui diritti questo sabato a Parigi.
La politica conservatrice Marion Maréchal e il suo vice, Vincenzo Sofo, alla Convenzione sui diritti questo sabato a Parigi.BENOIT TESSIER (REUTERS)

Le famiglie europee di estrema destra a volte hanno qualcosa di simile a “Game of Thrones”. Per il conflitto di parentela visto nel vecchio Marine National Front di Le Pen – sua nipote, Marion Maréchal, che era molto più radicale, ha deciso di andarsene, e suo padre, Jean Marie, ad alta voce – in seguito ha stretto relazioni con altri. il grande lignaggio Ultra di Euorpa: The League.

Lo stesso Maréchal è partner dell’italiano Vincenzo Sofo, eurodeputato del partito di Salvini. Milanese di origine calabrese di formazione e con forti tendenze nazionaliste (è sempre stato contrario alla trasformazione centrista del partito). Finora è servito da cerniera tra i due mondi, ma ha deciso di lasciare la Lega e di entrare nelle fila dei Fratelli d’Italia, il partito più in voga dell’universo ultraeuropeo.

Meloni gli ha riservato un posto di coordinatore delle Consultazioni mediterranee e ne ha annunciato l’incorporazione nei quattro punti cardinali. Questa firma ha scavato nelle ferite di una Lega indebolita che ha perso alcuni dei suoi quadri, desiderosa di lanciarsi in partita con più slancio. Sofo ha sottolineato l’idea quello stesso lunedì. “Oggi la motivazione che mi ha fatto lasciare il campionato è ancora più valida. Non sono contrario all’idea di una federazione di centrodestra, ma la direzione che sta prendendo, a rischio che le forze governative finiscano per formare qualcosa come il Popolo delle Libertà, non mi permette di essere d’accordo».

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.