Italia: il sindacato nazionale incrina le prospettive elettorali cittadine

« Ora non è il momento di prendere soldi dai cittadini ma di restituirli. L’economia è ancora in recessione. Il drastico rigetto di Mario Draghi alla proposta di Enrico Letta, suo predecessore a Palazzo Chigi, diventato segretario del Pd lo scorso marzo. L’ex direttore della Scuola di Affari Internazionali di Sciences Po Paris ha chiesto un aumento delle tasse di successione in Italia, dove sono molto più basse che altrove in Europa. Secondo il Censis (Centro Studi Investimenti Sociali), il 3% della popolazione della Penisola possiede il 34% della ricchezza nazionale. Per rimediare a questa disuguaglianza, Enrico Letta ha proposto la possibilità di fissare un assegno di 10.000 euro per i giovani di 18 anni in modo che possano finanziare gli studi, aiutarli a trovare un alloggio o avviare un’impresa. Un’azione che andrà a beneficio solo delle famiglie svantaggiate e che sarà finanziata imponendo una tassa di successione del 20% sui patrimoni superiori a 5 milioni di euro.

Asta Matteo Salvini

Abbastanza per svegliare lo spettro” sinistra comunista desiderosa di tassare i ricchi Matteo Salvini, capogruppo leghista, ha colto l’occasione per riproporre la sua tassa fissa, ovvero l’aliquota del 15%, bocciato nettamente anche da Mario Draghi, questa volta in nome del principio della progressività fiscale che è strettamente legato alla il principio di uguaglianza di cui si occuperà il Presidente del Consiglio una grande revisione fiscale, una delle riforme strutturali promesse per decenni dai governi successivi e mai attuate.

L’ennesima battaglia

Le riforme non sono volute solo dalla Commissione Europea come garanzia del successo del piano di ripresa dell’UE Next Generation, di cui l’Italia è il primo beneficiario. Vengono anche citati in giudizio da imprenditori che accolgono con favore un nuovo pacchetto di aiuti del valore di quasi 17 miliardi di euro per le aziende in difficoltà ma vogliono che il governo ” accelerare le riforme per promuovere la ripresa “. Per Matteo Salvini, l’esecutivo di Mario Draghi, nonostante la maggioranza del sindacato nazionale che possiede, è” incapace di attuare riforme a partire dalla giustizia e dalle autorità fiscali ». « Che la Lega esca dal governo! Questa è stata la risposta immediata di Enrico Letta e del suo Partito Democratico. Gli scontri sono l’ennesima volta tra i due leader politici dopo un battibecco su questioni migratorie, l’istituzione di diritti fondiari per concedere la cittadinanza italiana o l’adozione di leggi contro la discriminazione delle minoranze sessuali.

Il dovere di distinguersi

Recenti sondaggi mettono in stretta concorrenza Pd e Lega con oltre il 19% per il primo e appena il 21% per il secondo. Una Lega seguita dal partito postfascista in rapida ascesa Fratelli d’Italia a cui è stato attribuito il 19,5% delle intenzioni di voto. Enrico Letta e Matteo Salvini dovrebbero spiccare in vista delle elezioni comunali di questo autunno, in particolare nelle città di Torino, Milano, Napoli e Roma. Con l’accelerazione della campagna vaccinale di massa e l’inizio della ripresa economica, la politica continua i suoi diritti… soprattutto i diritti di successione di Mario Draghi che non dureranno oltre il 2023, fine della legislatura, a Palazzo Chigi.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.