Italia: crescita economica del 2,6% nel terzo trimestre

L’economia italiana è cresciuta del 2,6% nel terzo trimestre rispetto ai tre mesi precedenti, principalmente a causa della forte spesa dei consumatori, secondo il servizio statistico Istat, confermando le stime preliminari.

Su base annua, il Pil del terzo trimestre è stato leggermente rivisto al 3,9% dal 3,8% di una stima preliminare del 29 ottobre.

I dati sul PIL mostrano una crescita ampia, con la spesa dei consumatori che contribuisce per l’1,7% alla crescita trimestrale complessiva e le esportazioni nette che contribuiscono per lo 0,5%.

Per il futuro, il governo di Mario Draghi prevede ufficialmente una ripresa del Pil del 6% nel 2021 e del 4,7% nel 2022.

Il PIL del prossimo anno si riprenderebbe logicamente dalla contrazione record dell’8,9% nel 2020, quando l’economia è stata colpita dal blocco del coronavirus.

Gli ultimi dati sono stati migliori del previsto e Draghi e altri ministri hanno affermato che la crescita quest’anno supererà l’obiettivo ufficiale del 6%.

Tuttavia, le prospettive sono state oscurate dall’aumento dei casi di coronavirus e dall’emergere la scorsa settimana di una variante di Omicron, che secondo gli scienziati del vaccino potrebbe essere meno efficace.

La Banca d’Italia ha dichiarato la scorsa settimana che prevede che la crescita continuerà nel secondo trimestre di quest’anno, ma a un ritmo più lento rispetto ai due trimestri precedenti.

Nel terzo trimestre, la spesa dei consumatori è aumentata del 3% rispetto ai tre mesi precedenti, la spesa pubblica è aumentata dello 0,1% e gli investimenti sono aumentati dell’1,6%.

Le importazioni sono aumentate del 2,1% mentre le esportazioni sono aumentate del 3,4%.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.