Istituzioni strabiche, la Serbia vive una “realtà parallela”

L’ufficio del procuratore in Serbia non ha ancora reagito ai documenti che dimostrano che il ministro delle finanze possiede 24 appartamenti in Bulgaria, nonché che è proprietario di una società offshore nelle Isole Vergini. L’istituto sta ancora strizzando gli occhi sul fatto che c’è un nuovo documento, afferma la giornalista Krika Dragana Pećo.

Mentre le lettere di Pandora al presidente serbo sono state semplicemente riciclate, il primo ministro serbo ha inviato un messaggio che non c’erano nuove informazioni e che l’ufficio del procuratore aveva terminato i suoi lavori sull’argomento. Tuttavia, il documento di Pandora punta a nuovi dati.

“Questi sono documenti che mostrano la proprietà, non sappiamo nulla, ha affermato all’epoca – li ho acquistati, niente da contestare, l’ho fatto per un cliente. Ho chiesto quante volte, per quale cliente? Lui anche una volta ha detto che si trattava di un attacco ad Aleksandar Vučić, abbiamo chiesto se gli comprassero un appartamento. Non abbiamo sentito per niente chi fosse il cliente, ma ora vediamo da questi documenti che era lui e che era la sua compagnia offshore” , ha affermato la giornalista Dragana Pećos di KRIK.

Tutto è successo in un momento in cui Siniša Mali era già un funzionario e quando doveva denunciare proprietà e società alla legge. Nel 2016, BPK ha compilato un rapporto basato sulla scrittura di KRIK.

“Il rapporto mostra una piovra gestita da Siniša Mali e 45 conti bancari sotto il suo controllo. L’epilogo del rapporto BPK è il licenziamento del direttore dell’istituto, i cambiamenti personali delle persone all’interno dell’istituto che hanno lavorato al rapporto – I non farà nomi – e la decisione dell’ufficio del procuratore che non c’è nulla di incriminante”, ha detto l’avvocato Ivan Ninic.

Cinque anni dopo che tutti sono stati licenziati per aver interferito con i conti di Sinisa Mali, lei non nega più le informazioni ma si difende attaccando gli altri.

“Non paragonarmi a Gojko Djilas, smettila di mentire sull’argomento”, ha detto Mali.

Nessuno ha mai paragonato il ministro delle Finanze al fratello di Dragan Djilas. Infatti, allora il ministro delle Finanze ha fatto un patto con la Procura, pagando 200.000 dinari e la denuncia penale è stata respinta.

“Penso che i giornalisti stiano facendo il loro lavoro, tutto il resto è silenzio istituzionale, e questo è il problema più grande per me”. Se ci sono tali indicazioni, è una cosa seria e va indagata, e prima che Sinisa Mali, da persona onesta, dovrebbe dimettersi e lasciare che l’istituto faccia il suo lavoro”, ha affermato il direttore di Newsmax Adria Slobodan Georgiev.

I giornalisti del KRIK non si aspettavano una reazione dall’ufficio del procuratore generale. Dicono che i serbi vivano in una realtà parallela e che in questo momento, come si suol dire, i cittadini sentono parlare di “alcuni giornali Veritas che non includono membri del governo”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.