Ispezione al cantiere di Linglong, è necessaria una reazione urgente di tutte le autorità

Quattro giorni dopo che H1 ha pubblicato le riprese del campo in cui erano alloggiati i lavoratori vietnamiti, il Ministero del Lavoro ha inviato un’ispezione al cantiere di Linglong. L’organizzazione Astra, che ha anche presentato segnalazioni di potenziale tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento lavorativo, ha chiesto una risposta urgente da parte di tutti i responsabili.

La confisca dei documenti personali e l’alloggio in condizioni al di sotto della dignità umana sono solo alcuni dei motivi per cui l’ONG Astra sostiene che il caso dei lavoratori vietnamiti sia un reato di tratta di esseri umani.

“In realtà vivono in baracche dove c’è cemento al piano di sotto, dormono in letti con una sola tavola su cui è posta una coperta sottile, il loro cibo è limitato, fanno il bagno in bagni che hanno anche il cemento al piano di sotto. Hanno diverse docce e due bollitori per 500 persone e solo due bagni per 500 persone”, ha affermato Tina Piskulidis, dell’associazione.

Le leggi serbe – sia il codice del lavoro che la legge sull’occupazione dei lavoratori stranieri – garantiscono una buona tutela dei diritti dei lavoratori, ha affermato il segretario generale dell’Associazione dei sindacati liberi e indipendenti Nebojsa Rajkovic. Secondo lui, l’ispezione del lavoro è responsabile.

“Il problema è che l’Ispettorato Manpower non svolge i suoi compiti da anni. Non so a cosa servano. Apprezzano le opportunità. È giusto che si uniscano a Cina, Corea, Grecia o Turchia? E offendere accidentalmente qualcuno. “Invece di fare il loro lavoro”, crede Rajkovic.

Nel frattempo, RTS ha pubblicato una dichiarazione del ministero del Lavoro, non accettata da altri media, in cui si affermava che il cantiere era stato investito da Linglong nel modo più controllato dell’intero Banato centrale.

“Nel corso della giornata sono state effettuate ispezioni straordinarie presso i servizi e gli organismi competenti, principalmente in collaborazione con l’Ufficio per il coordinamento delle attività di contrasto alla tratta di persone presso il ministero degli Interni serbo”, si legge nel comunicato.

I risultati del monitoraggio dovrebbero essere resi noti nei prossimi giorni. In una dichiarazione a RTS, uno dei dirigenti di “Linglong”, che non ha voluto presentarsi, ha affermato che tutto ciò che è stato pubblicato sui media finora non è vero. Che a tutti i dipendenti vengano fornite condizioni di vita di base. Dispone di attrezzatura per l’acqua, riscaldamento elettrico, vestiti e scarpe.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.