Invece di non ripetere i nostri errori, l’opposizione si comporta come se non lo sapesse

“Il fatto di non poter imparare dalle brutte esperienze del passato e di aver pagato un prezzo altissimo e ci siamo imbattuti nella stessa pietra. Invece l’opposizione di oggi sta sradicando ciò che non andava bene e non ripetendo gli errori che abbiamo fatto. , si comportano come se non fosse successo e che non lo sapessero, e forse non lo sapevano”, ha detto lo storico Milan St. Protic, uno dei politici che è stato in prima linea nei cambiamenti del 5 ottobre.

Parlando del 5 ottobre, S. Protic dice che la Serbia è andata avanti, ma poi si è fermata e ha calpestato il posto per 10 anni, quando praticamente poco era cambiato.

“Poi la maggior parte dei cittadini ha perso la fiducia, e molti hanno lasciato il Paese, alla domanda se i cittadini di oggi sono gli stessi del 2000 o del 1996. Abbiamo paura di un cambiamento fondamentale”, ha spiegato.

Notò che ogni lotta contro l’autocrazia era simile l’una all’altra e che si affrontavano le stesse tentazioni.

“Questa è una lotta frustrante in cui stai cercando di combattere pacificamente contro un governo che usa mezzi violenti e detiene tutte le leve del potere”. Il fatto che non possiamo imparare dalle brutte esperienze del passato, paghiamo e paghiamo un prezzo molto alto e inciamperemo nella stessa pietra. “Invece che l’opposizione di oggi ha tirato fuori ciò che non andava bene e non ha ripetuto gli errori che abbiamo fatto, si sono comportati come se non fosse successo e come se non lo sapessero, e forse non lo hanno fatto”, ha detto lo storico.

Ritiene che il 5 ottobre sia stato il culmine di un processo iniziato nel 1991, in cui, come spiega, “una combinazione di proteste di piazza e vittorie elettorali ha portato alla vittoria”.

“Era il 9 marzo 1991, e poi il Parlamento Vidovdan, e subito dopo, nel dicembre 1992, ha vinto in cinque comuni del centro di Belgrado e diversi in Serbia. Vittorie 1996/97 nelle 20 maggiori città, poi manifestazioni. E come ci avviciniamo al 5 ottobre, l’opposizione ha avuto l’esperienza delle autorità in quelle città, i media in quelle città e l’esperienza delle grandi proteste di piazza, ma anche l’esercizio del potere nelle comunità locali.L’opposizione oggi avrebbe dovuto avere esperienze che noi non “No. Non abbiamo avuto una vera esperienza. Ovviamente non sono una vera opposizione. La gente ora preferisce essere al governo che all’opposizione, perché sono stati il ​​primo governo e sono venuti senza alcuna esperienza di opposizione, non hanno guidato le proteste, l’hanno fatto” entrare nel popolo. Allora eravamo cittadini come tutti gli altri, non ci siamo divisi in alcun modo. Non ci importava nemmeno del governo, poi abbiamo scioperato. Ma eravamo ancora spinti da ideali, noi volevo n il paese è democratico, il più grande successo della Serbia è uno stato democratico, quindi questi governanti possono governare alle elezioni”, ha affermato Milan St. protico.

“Oggi la Serbia è come una banca piramidale per te, e ne abbiamo esperienza. All’inizio sembra perfetta, una piramide crolla e un gran numero di persone rimane senza risparmi. “Così è il regime, tutto può sembrare bello in un giorno o due. , ma alla fine è arrivato un tale disastro”, ha detto Proti.

Ha criticato l’opposizione di oggi per non avere abbastanza zelo rivoluzionario, perché, ha detto, non poteva fare diversamente contro i regimi autocratici.

“Vedremo come saranno le elezioni, sarà anche peggio, se accetti quelle condizioni, che messaggio stai inviando ai tuoi elettori e al tuo regime, che ti interessa partecipare per ottenere appannaggio e un po’ di soldi per sostenere il elezione? festa”. Al tempo di Milosevic, non c’era alcun sostegno finanziario per i partiti coinvolti nella vita politica. “Le persone che guidavano quelle città erano trascinate dall’idealismo rivoluzionario dell’opposizione, non era la realizzazione dell’ambizione di Zivkovic di diventare presidente della il Comune di Nis, vogliamo rovesciare il regime e cambiare la Serbia”, ha spiegato.

Alla domanda se l’attuale opposizione abbia un vantaggio sul governo, Protic ha detto che alcune persone dovrebbero avere un vantaggio intellettuale, ma usarlo in modo inadeguato.

“Non agiscono come intellettuali e non impressionano le persone come persone la cui conoscenza e carriera, a parte la politica, dovrebbero suscitare rispetto. “Alcuni hanno un tale potenziale, ma si arrendono e si trasformano in politici profani”, ha detto.

Se l’opposizione “combattesse” in una o due colonne – Milan St. Protic ha avvertito che il DOS è “buono per rovesciare Milosevic, ma non buono per cambiare la Serbia”.

“Voglio prendere una lezione, che l’opposizione deve raccogliere circa cinque punti che sono indiscutibili, cosa faranno quando saliranno al potere, e poi di nuovo alle elezioni, in modo che tutti portino avanti il ​​loro programma. “Se tutti sono d’accordo con l’accordo di Rio Tinto, non può essere un punto, allora sarà un programma di coalizione in cui tutti metteranno da parte gli elementi ideologici e si raduneranno attorno a ciò che è comune e contro il regime”, ha detto. protico.

Guarda “Dietro le notizie” dal lunedì al giovedì alle 19:30 sulla televisione H1.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.