Inizio Nations League: Nazionale giocata 1-1 in Italia – Sport

Il sole era appena tramontato e la Torre della Maratona, la torre sopra la tribuna di fronte costruita durante il fascismo, era avvolta da una penombra in questa calda e nebbiosa sera di inizio estate.

Lo Stadio Renato Dall’Ara di Bologna, con la sua lunga distanza tra le tribune e il campo, i pali dei riflettori alti e la maggior parte del tetto mancante, sembra un po’ datato – e quindi si inserisce perfettamente nello stato attuale del calcio italiano. Con la giusta illuminazione e il giusto tempismo, emana fascino, come faceva all’Europeo dell’anno scorso, ma strutturalmente migliore.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Questa ambivalenza si è vista anche sabato nella prima partita del girone della Nations League a Bologna. Le giovanili italiane hanno messo a segno una prestazione decente in un 1:1 (0:0) contro la nazionale di calcio tedesca. Pareggiando al 73′, Joshua Kimmich ha evitato un inizio sbagliato in Nations League, con DFB e Italia ora a un punto dall’Ungheria, che nel pomeriggio ha vinto 1-0 contro l’Inghilterra, finalista del Campionato Europeo.

Il fatto che la Nations League, nonostante tutti gli elogi della UEFA, non abbia la massima priorità nella sua terza edizione è evidente non solo dall’evidente divario sugli spalti, ma anche dalla formazione di casa. Mentre Hansi Flick sta mostrando il meglio che il calcio tedesco ha in questo momento in vista dei Mondiali invernali in Qatar, la squadra italiana potrebbe non giocare mai più con questa formazione.

La maggior parte dei campioni d’Europa ha perso contro l’Italia

Con gli Azzurri a corto di gol nel breve termine delle qualificazioni, l’attuale finestra internazionale per il tecnico della nazionale Roberto Mancini è tutta in fermento. Ad eccezione del portiere Gianluigi Donnarumma e degli esperti difensori Alessandro Florenzi e Francesco Acerbi, la formazione principale era composta da giocatori promettenti, di cui solo Sandro Tonali del Milan fu uno dei più grandi talenti internazionali di quell’anno. Mancini non ha nemmeno nominato più campioni d’Europa o ha detto addio alla pausa estiva dopo 0:3 contro l’Argentina mercoledì scorso.

Nonostante i tifosi italiani abbiano cantato “I campioni dell’Europa siamo noi” poco dopo il calcio d’inizio per ricordare loro lo status ufficiale della loro squadra come la migliore squadra del continente, i ruoli dei favoriti erano chiaramente divisi. La squadra tedesca ha poi dominato anche le prime fasi. Era molto più sicuro sulla palla, pressando in profondità l’Italia in difesa e cercando di sfruttare il suo vantaggio di velocità sulle fasce. Tuttavia, poiché al terzo colpo mancava la precisione richiesta, questo vantaggio ottico non si tradusse in una chiara opportunità. Donnarumma ha dovuto intervenire solo una volta quando Serge Gnabry ha sparato.

Il tedesco sembra stranamente passivo

L’Italia inizialmente si è concentrata esclusivamente sul contropiede, che, secondo il movimento di Mancini sulla fascia, probabilmente non era il programma della partita. Tuttavia, la sua squadra ha mostrato un approccio piuttosto straordinario. Gianluca Scamacca del Sassuolo, in particolare, ha avuto più volte palla in avanti e ha realizzato anche il finale più pericoloso del primo tempo, ma ha colpito solo l’esterno del palo dalla distanza.

L’Italia ha lentamente guadagnato più coraggio e ora è stata pressata più in alto. “L’Italia ha fatto bene”, ha detto il Ct della nazionale Flick. L’andatura più offensiva del padrone di casa ha anche aperto spazio alla squadra tedesca. La Germania non ha utilizzato numeri promettenti in modo ideale, ma dopo un passaggio intelligente di Thomas Müller, Leon Goretzka è stato sorprendentemente libero in area di rigore. Il suo tiro è stato bloccato e il tiro di Gnabry da dieci yarde è volato sopra la rete.

Il punteggio era 0-0 a fine primo tempo e poco dopo la ripresa, gli ospiti sono stati fortunati che Scamacca, a piede libero nell’area delle sei yard, abbia sbagliato un colpo di testa. I fan in maglia blu sembravano e sembravano soddisfatti delle prestazioni della loro squadra sperimentale. Le onde hanno attraversato più volte lo stadio.

Con le sostituzioni arriva più slancio

“L’obiettivo è giocare in modo più dominante, più concentrato, più chiaro in attacco, con un tasso di errore inferiore”, ha affermato Thomas Müller. Ma i tedeschi sembrano passivi e Matteo Politano va a lato dal secondo palo con un bel tiro dalla destra. In poco tempo, Flick aveva visto abbastanza e ha ingaggiato prima Jamal Musala e Jonas Hofmann, poi Kai Havertz e Ilkay Gündogan.

Ma prima ancora che il comico tedesco potesse influenzare il gioco, il sostituto italiano è partito in vantaggio per 1-0. Wilfried Gnonto, 18 anni e sotto contratto con l’FC Zurigo, ha fornito il cross perfetto per Lorenzo Pellegrini, che è bastato a mettere i piedi sulla linea da quattro metri.

Fino ad allora è stata una prestazione abbastanza modesta da parte dei tedeschi, che si vedeva chiaramente sul viso di Flick. Ma almeno i giocatori hanno mostrato una reazione dopo essere rimasti indietro. Dopo le reti di Kimmich e Havertz, Hofmann ha tirato un cross a Werner e Kimmich ha parato. La squadra tedesca preme ancora, ma il punteggio resta 1-1.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.