Influenza aviaria – I ceppi che attaccano gli allevamenti di pollame sono una minaccia per l’uomo – Notizie – notizie

L’influenza H5N1 che ha ucciso milioni di allevamenti di pollame in Europa e in Asia sta mutando rapidamente e può essere trasmessa all’uomo, avverte l’Organizzazione mondiale della sanità animale (OIE).

“Questa volta la situazione è più difficile e pericolosa perché stiamo vedendo emergere nuovi dirigenti, quindi è difficile monitorarli”, ha detto a Reuters il CEO Monique Elua.

Rischi del cambiamento climatico per le banche

“Il rischio è che in seguito muti o si incrocerà con i virus dell’influenza umana e possa essere trasmesso tra gli esseri umani”, ha spiegato.

Il virus dell’influenza aviaria H5N1 ha causato gravi epidemie negli allevamenti di pollame negli ultimi dieci anni e occasionalmente viene trasmesso agli esseri umani, di solito ai lavoratori del pollame.

Secondo l’OIE, circa 850 persone in vari paesi sono state infettate dal ceppo attualmente in circolazione in Europa e in Asia.

La metà dei pazienti è morta.

Si trova anche in Grecia

Un totale di 15 paesi hanno segnalato epidemie di influenza negli allevamenti di pollame da ottobre a fine dicembre, la maggior parte delle quali era collegata all’H5N1. L’Italia è stato il Paese più colpito con 285 focolai e circa 4 milioni di uccelli uccisi, secondo i dati dell’OIE.

I focolai sembrano essere esacerbati durante l’autunno, quando l’infezione è trasmessa dagli uccelli migratori.

Un cigno reale a Evros è stato trovato positivo per H5N1 a dicembre.

Migliaia di gru sono morte per influenza aviaria in Israele a dicembre (Reuters)

Nello stesso mese, Israele ha affermato che più di 2.000 gru erano morte a causa dell’influenza nella foresta della valle di Hula, uno dei peggiori disastri ambientali degli ultimi anni.

Elua, tuttavia, ha sottolineato che la maggior parte dei paesi ha imparato a limitare la trasmissione e che il virus si trasmette solo attraverso uno stretto contatto umano. È probabile che la trasmissione all’uomo rimanga un fenomeno sporadico, prevede.

“Se ci fossero uno, due o tre casi nell’uomo sarebbe preoccupante, ma ciò non significa che suoneremmo l’allarme per il rischio di diffusione. “Dipenderà da come queste persone vengono infettate”, ha detto.

Il ceppo H5N6 può anche essere trasmesso sporadicamente all’uomo. L’anno scorso, la Cina ha segnalato 21 casi, rispetto ai soli 5 del 2019, e almeno sei persone sono morte. La maggior parte dei pazienti lavora in allevamenti di pollame e non sono stati confermati casi di trasmissione da uomo a uomo.

Diverse battaglie per le forze armate

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, da

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *