Individui e club che hanno vinto medaglie per Belgrado (29): Aces of the Century

Youtube/FashionGameplayS2

Aleksandar Tirnanic Tirke

Il grande calcio ha segnato il secolo scorso. Aleksandar Tirnanic Tirke, grande calciatore e allenatore jugoslavo, membro della nazionale che brillò nella prima Coppa del Mondo in Uruguay nel 1933. Nacque il 15 luglio 1910. Morì il 13 dicembre 1992 a Belgrado. Il libro di Mile Kos “Aces of the Century” contiene un testo eccellente su Aleksandar Tirnanić come elettore. Le righe seguenti sono dal libro.

Ha composto 102 squadre nazionali, è stato selezionatore ai Mondiali in Svizzera nel 1954 e in Svezia nel 1958 e alle Olimpiadi di Londra nel 1948, Helsinki nel 1952 e Roma nel 1960. La nostra nazionale ha giocato le sue prime partite del dopoguerra a Praga nel 1946 .ha battuto CSSR (2:0), composto da Aleksandar Tirnanic. Poi, dopo il ritiro di Mikica Arsenijevic dalla carica di allenatore dilettante, Tirke è diventato il capitano federale, l’unico esperto che avrebbe riunito più di cento volte la migliore squadra della Jugoslavia.

Nella squadra del mondo

Si dice che Tirke sia un selezionatore vecchio stile: non ha inventato la scienza nel calcio, né ha assegnato compiti tattici ai giocatori. A loro chiede solo una cosa: avere un atteggiamento creativo nei confronti del calcio! Ha dato loro la libertà, ha insistito sull’impegno, la corsa e il coraggio. Aleksandar Tirnanić è stato un elettore molto sensibile. Ha potuto sentire non solo la comprensione del calcio, ma anche la complementarità spirituale dei giocatori, per collegare tutti quegli anelli in una catena solida e indissolubile. I giocatori lo adorano, comunica con loro in modo semplice da calcio. Si sentiva bene con loro e loro lo capivano. È un’autorità in un modo molto originale, con un approccio semplice al gioco e la fiducia nel prescelto…

Milutin oškić è il vero successore di Vladimir Beara. Nato il 31 dicembre 1937 nel villaggio di Metohija a Jablanica vicino a Peja. Uno dei migliori portieri del Partizan e della Jugoslavia. Ha giocato 387 partite con la prima squadra “bianconero” e ha salvato 50 gol per la nazionale jugoslava.

L’11 ottobre 1959 la nazionale ungherese fu ospite a Belgrado. Vladimir Beara è nella porta “blues”. Gli ospiti hanno giocato bene, hanno vinto (4:2), il loro centravanti Albert ha regalato a Beara i tre gol. Al secondo turno, l’elettore di Tirnanić ha ottemperato alla richiesta del “grande Vladimir”, che ha indicato con la mano di volersi sostituire. Milutin è salito sul palco. Negli anni, la difesa ristretta della nostra nazionale non è cambiata: oškić, Durkovi, Jusufi…

Negli anni Sessanta i ragazzi del Partizan eccellevano nel nostro campionato tanto da essere campioni quattro volte in cinque stagioni, tre volte di seguito. Il capitano Milutin oškić in piedi davanti alla porta. La generazione “bianco e nero” ha ottenuto un successo indimenticabile sulla scena internazionale: ha giocato la finale della Coppa dei Campioni! Era a Bruxelles, l’11 maggio 1966. Ha battuto il Real Madrid (2:1) dopo aver guidato il Partizan (Vasovi). Prima della finale di Bruxelles, oškić ha avuto il più grande riconoscimento: è stato invitato nella squadra del mondo per la partita Inghilterra – Resto del mondo, che si è giocata a Wembley nel 1965, Jašin e oškić sono durati un round ciascuno.

Orgoglio bianco e rosso

Dragan Dzajic è uno dei migliori calciatori jugoslavi di tutti i tempi. Nato il 30 maggio 1946 a Uba. Uno dei migliori calciatori jugoslavi di tutti i tempi. La terza stella delle Stelle. Ha giocato un record di 590 partite con le Stelle Rosse, segnando 287 gol (tra cui 305 partite di campionato e 113 gol). Ha giocato per la nazionale 85 volte e il suo record è stato battuto da Savo Milosevic nell’ottobre 2004.

Debuttò con la Stella Rossa il 6 maggio 1963. L’anno successivo, 1963/64. stagione, ha vinto il suo primo titolo di campionato ed è diventato un leader di nuova generazione che ha vinto il titolo tre volte di seguito (1968, 1969 e 1970) e di nuovo nel 1973, quattro Coppe Jugoslave e la Coppa dell’Europa Centrale. Esordisce con la nazionale il 17 giugno 1964 a Belgrado, nella partita contro la Romania (1:2). Alla Coppa delle Nazioni del 1968 disputata in Italia, Dzajic ha portato la Jugoslavia in semifinale il 5 giugno, in una partita contro l’Inghilterra campione del mondo, con un gol all’86 ‘. Contro l’Italia in finale è stato lui il marcatore ma la partita è finita 1:1. Nel replay, l’Italia ha vinto 2: 0. Ha partecipato ai Mondiali del 1974 nella Germania Ovest.

In qualità di direttore tecnico della Stella Rossa, Dzajic è l’ideatore della generazione più d’oro nella storia della Stella Rossa, con la quale è salito al vertice d’Europa nel maggio 1991, vincendo la Coppa dei Campioni d’Europa e del mondo, quando la Stella Rossa ha vinto la Toyota Cup nella competizione non ufficiale per il miglior club del pianeta.Nel dicembre 1991, nel 2003, la Federcalcio di Serbia e Montenegro lo ha nominato il miglior giocatore del paese negli ultimi 50 anni.

Ha giocato nella fase finale della Coppa delle Nazioni nel 1976. Nelle partite con FR Germania 2:4 e Olanda 2:3, è stato il marcatore di un gol ciascuno. Ha detto addio, in “Marakana”, in un duello con l’Argentina.

Tifone dalla Karabirmania

Ilija Petkovic è indicato come un tifone di Karaburma. È nato il 22 settembre 1945 a Knin ed è morto a Belgrado il 27 giugno 2020.

Ha iniziato la sua carriera da giocatore nella lega Knin Dinara. Arrivò a Belgrado all’età di 19 anni. È diventato un giocatore dell’OFK Belgrado. Ha indossato la popolare maglia “romantica” per 16 stagioni. Nella stagione 1965/66. vincere il trofeo della Coppa. Ha giocato 417 partite con l’OFK Belgrado e ha segnato 68 gol. Petkovic è stato un internazionale per tre anni, 1973-1976. Ha giocato per il francese Troyes. Ha giocato l’ultimo torneo della Coppa delle Nazioni a Roma quando ha conquistato il secondo posto. Ha esordito contro la Francia, nei quarti di finale, e ha partecipato a una vittoria per 5:1 con due gol. Ha partecipato alla Coppa del Mondo in Germania.

Super Folletto

Dragan Stojkovic Piksi, quinta stella della Stella Rossa, è nato il 3 marzo 1965 a Pasipoljana vicino a Niš. Da bambina, è stata soprannominata Pixie, dopo l’attuale cartone animato. È stato uno degli ultimi autentici playmaker di questa zona. È un grande tecnico, un calciatore fantasioso e un eccellente tiratore, uno dei preferiti dai fan. Ha segnato un gol molto efficace, da calcio d’angolo, da grande distanza, in una parola, il grande maestro del gioco del calcio e uno dei migliori calciatori serbi di tutti i tempi. Sono stati scritti sette libri sulla sua vita, che hanno venduto otto milioni di copie in Giappone. Ha giocato 159 partite ufficiali per Zvezda e ha segnato 65 gol. Ha vinto due campionati nel 1988 e nel 1990 e una coppa nazionale 199. Per tre volte di seguito è stato nominato miglior atleta dell’SC Crvena zvezda nella selezione “Zvezda review”, dal 1987 al 1989, e due volte come miglior calciatore della Jugoslavia 1988 e 1989. Ha giocato 84 partite con la nazionale jugoslava e segnato 15 gol. Ha partecipato ai campionati del mondo nel 1990 in Italia e nel 1998 in Francia.

Domani – Individuali e società che hanno vinto medaglie per Belgrado (30): titolo a girone

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.