Incendio in Turchia: evacuazione di migliaia di turisti da Antalya, hotel in fiamme

La situazione in Turchia è peggiore nelle famose province turistiche di Mugla e Antalya, dove nelle ultime settimane si è verificata una siccità estrema. Vicino a Bodrum, l’incendio ha tagliato fuori due hotel dal resto della terraferma e la Guardia Costiera da loro ha dovuto evacuare circa 4.000 persone con l’aiuto dei pescatori locali. Tra loro c’erano almeno 100 turisti russi. Le autorità hanno riferito di otto vittime domenica. Questi sono i vigili del fuoco morti nell’operazione e la coppia turco-tedesca.

Ministero degli Affari Esteri ceco inviare sms sui problemi della zona ai turisti che si recano nella regione e si registrano al sistema informativo DROZD. Sabato pomeriggio non ha ricevuto risposta o richiesta di assistenza. Lo ha informato l’ufficio stampa di Czernin Palace. Secondo il vicepresidente dell’Associazione degli agenti di viaggio, Jan Pape, non sono molti i cechi che si recano in questa zona. Finora la parte ceca non ha preso alcuna iniziativa nei confronti dei turisti che non sono partiti per le vacanze, nemmeno sul posto. Secondo lui, ci sono tra i sei e gli ottomila cechi con agenti di viaggio in tutta la Turchia.

Sebbene gli incendi estivi siano comuni in Turchia, secondo gli scienziati del servizio meteorologico dell’UE Copernicus, che quest’anno è stato caratterizzato da un’intensità senza precedenti, secondo lo scienziato Mark Parrington, fino a quattro volte superiore a quanto i ricercatori abbiano mai notato. “Questi numeri sono fuori scala rispetto agli ultimi 19 anni”, ha detto, aggiungendo che il fumo degli incendi si stava ora muovendo attraverso il Mar Egeo verso Cipro.

L’aggressività degli incendi ha scioccato anche un certo numero di residenti locali, alcuni dei quali hanno perso la casa e l’intero bestiame, secondo The Guardian. “Questo non è normale. È come l’inferno.” ha detto un contadino locale che è quasi morto da solo in fuga dall’incendio.

Anche i paesi circostanti hanno contribuito a estinguere

I 111 incendi nel sud del Paese non potevano essere domati fino a domenica e alla lotta contro l’elemento hanno contribuito anche le truppe dei Paesi limitrofi, per esempio da Russia, Ucraina, Iran o Azerbaigian. In un discorso pubblico, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ringraziato il suo omologo russo, Vladimir Putin, per aver inviato aerei ed elicotteri in Turchia per aiutare a spegnere l’incendio. Erdogan ha affrontato critiche interne dopo che si è scoperto che la Turchia non aveva aerei antincendio, sebbene gli incendi boschivi siano comuni in estate.

La Turchia è colpita da un incendio su vasta scala (31 luglio 2021). La Turchia è colpita da un incendio su vasta scala (31 luglio 2021). | CTK / AP

Nella maggior parte dell’Europa meridionale Nella prossima settimana si verificheranno temperature molto elevate e, secondo alcune previsioni, il record potrebbe scendere. Ad Ankara e altrove in Turchia, potrebbe essere fino a 12 gradi in più rispetto alla media di agosto a lungo termine. Nei giorni successivi, il servizio meteorologico ha riportato temperature superiori ai 40 gradi Celsius.

L’aeroporto della Sicilia è stato chiuso

Secondo molti scienziati, dietro ci sono i fuochi di uno straordinario cambiamento climatico, perché l’area è più secca e sta vivendo più calore di prima. Diversi ministri del governo turco hanno in seguito ipotizzato che l’incendio sia stato deliberatamente appiccato dal Partito separatista dei lavoratori curdi (Pkk), che Ankara considera un’organizzazione terroristica. Tuttavia, non hanno fornito alcuna prova per le loro accuse.

I vigili del fuoco italiani hanno spento dozzine di incendi sabato. Nelle ultime ore si sono registrati 800 grandi incendi, 250 dei quali avvenuti in Sicilia. La maggior parte degli incendi è avvenuta nel sud dell’isola, intorno alla città di Catania. Per agevolare l’operatività di velivoli ed elicotteri antincendio, l’aeroporto di questa importante città turistica è temporaneamente chiuso al traffico civile. Gli incendi stanno però interessando anche l’ambiente intorno a Palermo e in altre zone dell’isola.

Inondazioni, caldo, incendi... I disastri sono il risultato del cambiamento climatico o piuttosto di una cattiva pianificazione?

Le autorità hanno anche evacuato circa 150 persone in barca, che non sono riuscite a fuggire in tempo e sono fuggite a riva, dove sono state circondate dal fuoco. Il governatore della Sicilia Nello Musumeci ha chiesto al governo di Roma di dichiarare lo stato di calamità. Secondo lui, alcuni focolai sembrano essere stati deliberatamente avviati da piromani. La Repubblica scrive che gli incendi boschivi e nei campi hanno lo scopo di facilitare la costruzione di centrali solari.

Massimo livello di pericolo

Anche la parte meridionale della Grecia sta affrontando incendi, i residenti di diversi villaggi hanno dovuto essere evacuati vicino al porto di Patrasso. Anche domenica non è uscito. Circa 300 vigili del fuoco lo hanno combattuto con l’aiuto di dozzine di carri armati, due aerei e cinque elicotteri. Secondo i vigili del fuoco locali, da sabato mattina in Grecia sono stati divampati 58 incendi, ma la maggior parte di essi è stata rapidamente domata.

L’incendio nei pressi della città di Patrasso ha causato anche grandi pilastri sulla strada che porta alla città di Corinto, che è stato temporaneamente chiuso dai vigili del fuoco a causa di un incendio. Interrotte le operazioni anche al ponte Rio-Antirio, che collega il Peloponneso con la Grecia continentale

L’Unione Europea ha dichiarato massimo livello di rischio di incendio in alcune parti d’Italia, Portogallo, Spagna e in parte del Nord Africa. “Il rischio è molto alto in questo momento”, ha detto il meteorologo Parrington. “Potremmo vedere più incendi nelle prossime settimane se queste temperature continueranno”. aggiunto.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.