Incendi boschivi e loro cause

Ancora un’estate assistiamo a gravi incendi boschivi, non solo in Spagna, ma in molti altri luoghi d’Europa, come il vicino Portogallo e la Francia sudoccidentale, Inghilterra, Italia, Croazia e Nord Africa, dove hanno vissuto e stanno vivendo una situazione di stress idrico estremo e il rilascio di energia accumulata è in linea con le stime più allarmanti degli scienziati.

Vi è una proliferazione crescente di grandi incendi boschivi – più grandi di 500 ettari -, e succede che, con meno incendi, una maggiore percentuale di superficie bruciata. Ma potrebbe essere più facile iniziare parlando di chi ha causato l’incendio. Secondo le statistiche del Ministero per la Transizione Ecologica e le Sfide Demografiche, circa il 90% degli incendi boschivi sono causati dall’uomo, alcuni intenzionalmente, per ragioni economiche, per vendetta, da incendiari…; altri per negligenza o incuria; e il resto, per cause naturali o ignote. Le motivazioni sociali che innescano gli incendi e l’abbandono volontario sono le seguenti: 19,97% dovuto all’uso del fuoco nelle pratiche zootecniche; 44,2% per macchinari, veicoli e attrezzature; il 4,75% usa il fuoco per vendetta, rappresaglia e vandalismo; 3,25% per i mozziconi lanciati; 3,89% per l’uso del fuoco per il controllo della vegetazione; 33,95% per l’uso del fuoco nelle pratiche agricole; e il 24,81% per lo smaltimento di rifiuti e detriti, linee elettriche, caccia, uso ricreativo di foreste, ferrovie e ferrovie, modifica dell’uso del suolo, attività militari, modifica del prezzo del legno o altre origini.

Nel caso della Navarra, e in connessione con gli incendi verificatisi tra il 15 e il 22 giugno, che è stata la più grande ondata di incendi nella storia della Navarra, secondo le informazioni fornite in varie apparizioni parlamentari da membri del governo Foral, era stata a causa di diversi fattori, come fulmini, attività agricola o scintille di un treno, incendi multipli… che hanno colpito circa 15.000 acri di area perimetrale dai vigili del fuoco. In particolare, il ministro della Presidenza, dell’Uguaglianza, del Servizio Civile e dell’Interno, Javier Remírez, ha affermato che gli incendi sono stati causati da vari fattori. Indubbiamente, su tutto questo sarà necessario tornare e ulteriori chiarimenti e informazioni saranno richieste al governo della Navarra, nonché sulla gestione degli incendi in corso.

Quando si parla di incendi, va subito detto che hanno molto a che fare con la crisi climatica (temperature estreme, ondate di caldo e peggioramento dei periodi di siccità), e l’esodo rurale e con esso l’abbandono dell’attività rurale, ovvero che i campi sono stati colonizzati da masse di foreste che crescono senza controllo o manutenzione.

Pertanto, ci troviamo di fronte a regioni più calde, più secche, più infiammabili e più abbandonate, dove incendi e distruzioni sono più frequenti. Pertanto, è imperativo investire nelle nostre montagne e nelle attività rurali per ottenere un paesaggio più resiliente. Perché se non gestite, le fiamme si accenderanno drammaticamente e le nostre perdite saranno incalcolabili.

In questi giorni abbiamo sentito alcuni commenti, tra gli altri, fatti lunedì scorso dal ministro dell’Ambiente Junta de Castilla y León secondo cui gli ambientalisti sono responsabili degli incendi, perché si oppongono alla pulizia delle montagne. Senza dubbio, con la sua dichiarazione, il ministro dell’Ambiente, dell’edilizia abitativa e della pianificazione territoriale ha cercato per tre decenni di distogliere l’attenzione dalla cattiva gestione forestale e dall’abbandono di ogni tipo di politica di prevenzione degli incendi, che ha portato a quanto accaduto dall’estate. negli ultimi decenni sono bruciati fino a migliaia di ettari e tre dei più grandi incendi della comunità – due a Zamora e uno alla villa – si sono verificati negli ultimi decenni.

Ma tornando alla radura delle montagne, bisogna ricordare che le foreste non sono giardini. Gli ecosistemi forestali non sono solo costituiti da alberi, ma sono ecosistemi complessi abitati da specie di erbe, arbusti, arbusti, alberi morti in piedi e rami e tronchi che cadono a terra. Maggiore è questa diversità biologica e strutturale, maggiore è la biodiversità che contiene, migliore è il suo stato di conservazione e maggiore è la sua resilienza.

Ora, dato il grande rischio di incendi boschivi, è importante stabilire una strategia per ridurre la densità di alberi, arbusti o erba in determinati luoghi per evitare l’eccesso e la continuità di carburante, in questo modo il fuoco può fermarsi perché non c’è cibo . . Per questo, quando si parla di bonifica, è importante definire cosa si intende, perché, a mio avviso, si tratterà di iniziative come linee di sicurezza nell’urbanizzazione e negli spazi abitati, tagliafuoco, iniziative per la promozione del bestiame estensivo e pascolo per ridurre combustibili, l’uso della biomassa a fini energetici e la possibilità di eseguire una combustione specifica (controllata) che imiti incendi a bassa intensità.

Nell’attuale contesto in cui si riproducono gli incendi, è imperativo intervenire nel paesaggio per evitare questi giorni drammatici. Ci saranno incendi, ma non possono raggiungere tale entità e portata. È urgente dare la priorità alle risorse economiche per rilanciare le economie rurali nelle città, intraprendere attività che si traducano in paesaggi a mosaico frammentati che aiutano a ridurre il rischio di propagazione di grandi incendi boschivi, dove sono incoraggiati l’allevamento estensivo e le colture, e iniziative e progetti di protezione per le città , beni e servizi contro gli incendi boschivi nei futuri scenari di cambiamento climatico.

L’autore è un esperto di questioni ambientali e ha ricevuto un Premio Ambientale Nazionale.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.