In Tunisia la società civile non è arrabbiata per i rifiuti italiani esportati illegalmente a Sousse

Per rimanere al passo con le novità africane, iscriviti alla newsletter “Monde Afrique” da questo link. Ogni sabato alle 6:00, scopri gli ultimi eventi e dibattiti della settimana presentati dalla redazione di “Monde Afrique”.

Manifestazioni a Sousse il 28 marzo 2021 per chiedere la restituzione in Italia dei rifiuti domestici esportati illegalmente in Tunisia.

Prende slancio la mobilitazione in Tunisia per chiedere il rimpatrio immediato di circa 7.900 tonnellate di rifiuti illegali importati dall’Italia tra maggio e giugno 2020. Nonostante l’apertura di un’indagine legale, nel porto si trovano ancora 282 container campani dove sono stoccati i rifiuti domestici di Susa.

Gli attivisti si sono accampati nelle vicinanze per più di un mese per mantenere la pressione sulle autorità. giovedì 1è Ad aprile, diverse decine di loro hanno anche protestato davanti all’ambasciata italiana a Tunisi. «Poubella ciao! “, cantano in coro, distogliendo le parole dalla famosa canzone antifascista Bella Ciao.

Leggi anche In Tunisia lo scandalo dell’importazione illegale di rifiuti dall’Italia

Lo scandalo dei rifiuti è stato pubblicato il 2 novembre 2020 in onda, nel programma investigativo tunisino Quattro verità, un’immagine che mostra l’interno di un contenitore che dovrebbe trasportare residui di plastica industriale, ma in realtà contiene pile di rifiuti domestici.

Raccolti intorno a Napoli, la loro presenza a Sousse viola i principi della Convenzione di Basilea, ratificata dalla Tunisia, che disciplina il movimento transfrontaliero dei rifiuti pericolosi, nonché la Convenzione di Bamako che ne vieta l’esportazione nei paesi africani. La dogana tunisina aveva avvertito a luglio diversi ministeri di risolvere la questione. Invano. Nessuna indagine è stata aperta fino a novembre.

Documento falso

Secondo il sito di notizie tunisino Inkyfada che ha gestito il caso in collaborazione con il sito italiano IrpiMedia, i rifiuti vengono inviati a Sousse dalla società italiana Sviluppo Risorse Ambientali (SRA). Contrarre il passaggio tra quest’ultima e la società tunisina Soreplast ha previsto il trasporto di 120.000 tonnellate di residuo in totale, al prezzo di 48 euro a tonnellata. Spetta a Soreplast riciclarlo e poi riesportarlo.

Ma, secondo Inkyfada, le aziende tunisine preferiscono seppellire o distruggere questi rifiuti, un processo rigorosamente vietato dalla legge. La Tunisia, che sta già sperimentando la saturazione delle proprie discariche, produce quasi 2,8 milioni di tonnellate di rifiuti solidi all’anno, il 95% dei quali viene messo in discarica.

Leggi anche A Tunisi, un progetto di sviluppo lagunare preoccupa gli ambientalisti

Secondo il primo elemento dell’indagine, confermato in Africa mondiale dal portavoce del tribunale di primo grado di Sousse, Jabeur Ghnimi, i documenti sono stati falsificati da diversi attori del governo tunisino per garantire che i rifiuti arrivassero in sicurezza.

L’Agenzia nazionale per la gestione dei rifiuti sarà coinvolta, in particolare nello scambio di e-mail per certificare la partenza dei rifiuti dall’Italia senza che lo Stato tunisino ne sia informato. Si dice che siano coinvolti anche i funzionari della dogana.

Dogana “sotto pressione”

Sette persone, tra cui l’ex ministro dell’Ambiente, licenziato il 21 dicembre 2020, sono ancora detenute e interrogate nell’ambito di un’indagine giudiziaria aperta dalla procura di Sousse. Un laboratorio privato che ha affermato che anche i rifiuti di plastica erano sospettati di contraffazione. Il regista è stato arrestato. In tutto, ventisei persone, tra cui diversi alti dirigenti e funzionari doganali, sono state oggetto di procedimenti legali. Uno dei principali sospettati, l’amministratore delegato di Soreplast, è ancora latitante.

“Per ora è troppo presto per parlare di corruzione, l’inchiesta è ancora in corso”, Jabeur Ghnimi arrabbiato. Questa cautela è tanto più sorprendente dato che le usanze hanno annunciato a novembre tramite il suo portavoce soffrire “Pressione” in questo caso per l’influenza esercitata nella città portuale dall’amministratore delegato della società Soreplast. Il ministero dell’Ambiente ha rifiutato una richiesta di colloquio da parte di Africa mondiale “mancanza di tempo”.

Leggi anche “La gente muore lentamente”: in Tunisia i fosfati inquinano l’aria di Gabès

Nonostante le discussioni tra Roma e Tunisi, la restituzione dei rifiuti continua a subire ritardi. Secondo il deputato Majdi Karbai, rappresentante del collegio tunisino residente all’estero in Italia per il Partito Democratico Attuale, la nuova udienza si terrà il prossimo 15 giugno. “Al momento la società italiana in questione non ha smesso di presentare ricorsi, quindi dubito che il ricorso legale funzionerà., ha determinato. Dobbiamo affrontare questo problema a livello diplomatico. “

Ma per la società civile tunisina il tempo stringe. “Lo stoccaggio di questi rifiuti per quasi un anno non fa ben sperare in termini di tossicità, preoccupato Nidhal Attia, responsabile della politica ambientale di una fondazione tedesca con sede in Tunisia. Inoltre, si verificano perdite anche al porto, perché il container occupa un posto che può essere utilizzato per lo stoccaggio di altre merci. “

“Scandalo ambientale”

Hamdi Ben Salah, giornalista freelance che è stato uno dei primi a dare l’allarme nel luglio 2019, sa che il tempo è dalla parte degli attivisti. Ex pescatore di Sousse, i suoi contatti gli permettono di avere presto informazioni sui rifiuti importati. “Quando ho pubblicato il mio post su Facebook non c’è stata molta reazione. Gli amministratori delegati delle società coinvolte in questa vicenda hanno un braccio lunghissimo nella regione. Non finché non viene rivelato uno show televisivo [l’affaire] in pieno giorno così è scoppiato lo scandalo. Per mesi abbiamo creduto che il caso sarebbe stato sepolto”., lei dice.

Questa mobilitazione di associazioni e attivisti ambientalisti non ha precedenti in questo paese. Da novembre, la rete Tunisie Verte monitora quotidianamente le pratiche dei rifiuti in Italia, raccogliendo ricorsi dalle società SRA in Italia e documenti necessari per le indagini.

Leggi anche Un’altra speranza, il turismo sostenibile, a dieci anni dalla rivoluzione

Professore di diritto ambientale e membro di Green Tunisia, Afef Hammami Marrakchi lamenta il fatto che la società civile sia più coinvolta in questo caso rispetto al Paese stesso. “Questo caso non deve essere considerato un caso di violazione doganale. Questo è uno scandalo ambientale che mette in luce il problema della corruzione nel nostro Paese”, lui credeva.

All’inizio di aprile, 600 contenitori di rifiuti destinati ad essere riforniti presso uno stabilimento tunisino sono stati bloccati nel porto di Salerno dopo essere stati rilevati. « grave d’aspects ». Le acque reflue italiane sono partite dallo stesso porto a maggio 2020. “Questa è una mafia da entrambe le parti, in Tunisia e in Italia. E oggi aspettiamo che lo Stato italiano si assuma le sue responsabilità e ripristinino il suo container”, afferma Mehdi Belhaj, architetto e attivista ambientale.

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *