In Arabia Saudita abbiamo creato un framework per…

Il Sottosegretario di Stato alla Diplomazia Economica e all’Estroversione, Costas Frangogiannis, ha parlato dei rapporti positivi e degli importanti risultati del suo recente viaggio di lavoro in Arabia Saudita, in un’intervista di oggi su r/s 984.

Il riscaldamento delle relazioni con l’Arabia Saudita “è qualcosa che abbiamo costruito con molto lavoro, con molto impegno e sistematicamente”, ha sottolineato Frangogiannis e ha sottolineato che uno dei successi molto importanti della missione è garantire l’efficienza energetica del Paese.

Il Sig. Frangogiannis ha spiegato che una missione aziendale mirata, come questa, significa la partecipazione di “un particolare settore dell’economia, ben elaborato da entrambe le parti, tenendo riunioni che servono gli obiettivi specifici fissati da ciascuna azienda e per noi cercare risultati concreti ”. che “43 aziende greche hanno partecipato a questa missione imprenditoriale, 55 imprenditori, per un totale di circa 110 persone, si sono svolti più di 300 incontri business to business” mentre c’erano 4 ministri del governo – Sig. Georgiadis, Sig.ra Zacharaki, Sig. Tsakiris e se stesso – che hanno incontrato 8 ministri del governo dell’Arabia Saudita “Così abbiamo creato un intero quadro in cui l’imprenditorialità può prosperare”, ha affermato.


Di grande importanza, come ha sottolineato il Viceministro degli Affari Esteri, è il seguito, in grande stile che apre con entusiasmo una missione imprenditoriale “che richiede un monitoraggio molto attento, il che significa che ogni azienda ma anche noi della Diplomazia Economica e dell’Estroversione, ma anche il Ministero dello Sviluppo che instaura un’ottima cooperazione, per creare condizioni e monitorare gli sviluppi e supportare ciascuna azienda sia per attività di esportazione o per investimento in Arabia Saudita, sia per investimento saudita in Grecia”.


Questa missione, come ha spiegato il Sig. Frangogiannis, si concentra su cinque settori: “turismo, infrastrutture, navigazione – che come la Grecia detiene il 25% della flotta mondiale e l’Arabia Saudita produce i prodotti e gli idrocarburi trasportati dalle navi greche – energia verde e problematiche legate all’alta tecnologia e ai rispettivi settori industriali e rispettivamente i parchi alimentari”. A questo punto ha espresso soddisfazione per “l’ottimo accordo raggiunto da ELPE con Aramco per la sufficienza energetica del nostro Paese, soprattutto nelle attuali condizioni critiche”.


“Quello che vogliamo ottenere con l’Arabia Saudita è assicurarci che ci sia abbastanza energia per il nostro paese e l’abbiamo raggiunto”, ha affermato. Alla domanda sull’indipendenza energetica dalla Russia, ha sottolineato che questo è un obiettivo che il governo sta promuovendo in tre modi.

“Il primo è stato con TAP che ha trasportato gas azero dall’Azerbaigian attraverso la Turchia e la Grecia e ha raggiunto l’Albania e da lì in Italia e questo è qualcosa che ha funzionato. Attualmente stiamo costruendo due assi contemporaneamente, uno è l’IGB che collega il TAP del gas. un gasdotto con la Bulgaria, in fase di completamento, e il secondo è un gasdotto di interconnessione che lo collega con la Macedonia del Nord, attualmente in costruzione. “Qatar, Algeria, Egitto, chiunque abbia gas liquefatto può commerciarlo, sia in Grecia, nei Balcani o nei paesi europei attraverso la FSRU che da Revythousa”. “Quindi”, ha sottolineato, “la Grecia resta il centro dei Balcani, il centro dell’energia in questa direzione”.

In risposta a una domanda sugli effetti della guerra in Ucraina, ha affermato che “ha già avuto un impatto sull’economia greca e sul resto del mondo” che “ci sono 43 società greche che operano in Ucraina che stanno soffrendo dagli effetti della guerra”, rilevando “la debolezza delle aziende greche ad esportare ora i loro prodotti”. stessa in Ucraina e Russia” e ha aggiunto che “la quota di energia i cui costi sono in aumento a livello internazionale e questo ha un effetto inflazionistico sul resto delle nostre attività”.

Il Sig. Frangogiannis ha infine evidenziato altri due importanti sviluppi della missione in Arabia Saudita: “Uno è un fondo di investimento che vogliamo creare nel nostro Paese e che investirà in energia verde, fonti di energia rinnovabile e dove vogliono” I sauditi dovrebbero partecipare e questo è qualcosa che apriremo ad altri fondi dall’estero di alta qualità e di grande reputazione.” Il prossimo “aggiunto” è un cavo digitale che partirà da Singapore e raggiungerà Genova e che è finanziato da Grecia, Cipro e Arabia Saudita e è essenziale per le competenze e i requisiti digitali che la nostra società ha negli anni in cui viviamo”.

FONTE: AMPE

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.