Il tribunale italiano sospende il procedimento contro Carles Puigdemont in attesa della decisione europea

Il leader separatista catalano Carles Puigdemont, oggetto di un mandato d’arresto europeo emesso dalla Spagna per la sua estradizione, è comparso lunedì 4 ottobre davanti a un tribunale in Sardegna, dove intende impugnare tale mandato d’arresto. .

È arrivato poco prima delle 11:00 (9:00 GMT) presso la Corte d’Appello di Sassari, senza rilasciare dichiarazioni. Carles Puigdemont è stato acclamato da diverse dozzine di attivisti indipendentisti catalani e sardi che cantavano “La libertà ! La libertà !“, ha osservato un giornalista dell’AFP. Tuttavia, la Corte d’Appello ha sospeso l’esame del mandato d’arresto, in attesa di una decisione europea. Lui “sospeso (processo) in attesa di una decisione su due prime questioni dinanzi alla Corte dell’Unione europea: una questione relativa all’immunità e una questione relativa alla posizione definitiva del giudice spagnolosull’estradizione, ha spiegato l’avvocato italiano Agostinangelo Marras al termine del processo.

Il processo è stato fissato dalla Corte d’Appello della Sardegna lo scorso 24 settembre dopo l’arresto dell’ex presidente catalano al suo arrivo ad Alghero, dove parteciperà ad un festival culturale. Rilasciato il giorno successivo, l’uomo accusato dalla Spagna di sedizione e appropriazione indebita è tornato a Bruxelles dove vive, ma ha promesso di tornare nella grande isola del sud Italia per il processo di lunedì.

Il giudice italiano deve confermare o meno la decisione della corte d’appello di liberarlo. “Durante il processo, deve essere determinato se un mandato d’arresto europeo è esecutivo o meno.“, ha spiegato ad AFP il suo avvocato italiano, Agostinangelo Marras. Il caso è stato esaminato da tre giudici dell’Alta Corte, le cui decisioni possono essere impugnate in Cassazione, ha spiegato l’avvocato. “Per ora il tema dell’estradizione non sarà discusso‘, ha stimato.

L’eurodeputato dal 2019, Carles Puigdemont, 58 anni, ha chiesto alla giustizia europea di ripristinare la sua immunità di deputato europeo contro la richiesta di estradizione della Spagna, ha detto venerdì il suo avvocato all’AFP. Il Parlamento europeo aveva effettivamente revocato la sua immunità il 9 marzo con un voto a larga maggioranza. La mossa è stata confermata il 30 luglio dal Tribunale dell’Unione europea. La decisione del Parlamento europeo è però oggetto di ricorso e non è ancora stato emesso un giudizio definitivo sul merito da parte della giustizia dell’UE. La strategia del leader catalano è cercare di portare la giustizia italiana per determinare se il mandato d’arresto europeo è valido o meno, e per evitare questioni di estradizione.

Puigdemont denuncia il doppio discorso

L’istigazione, il reato di cui lo ha accusato la Spagna, non compare nel codice penale italiano, il che renderebbe estremamente complicata la possibilità di procedure di estradizione. Nei casi di estradizione, i tribunali italiani hanno 60 giorni per decidere, prorogabili più volte.

L’arresto di Carles Puigdemont in Italia ha suscitato scalpore mentre si è aperto un periodo di distensione tra Madrid e Barcellona dalle elezioni di maggio a presidente della regione di Pere Aragon, del Partito della Sinistra separatista moderata della Repubblica di Catalogna (ERC). Le grazie concesse a giugno a nove leader separatisti condannati al carcere per il loro ruolo nella candidatura per la secessione del 2017 hanno portato alla ripresa del dialogo con Madrid a settembre. Uno dei più forti oppositori di questo dialogo è Carles Puigdemont, che era a capo della Catalogna durante la secessione unilaterale del 2017 ed è fuggito in Belgio per sfuggire a procedimenti legali.

Nonostante il divieto di giustizia, il 1° ottobre 2017 il suo governo ha indetto un referendum sull’autodeterminazione”.Confronto con il Paese” Non può “evitato“, aveva dichiarato a settembre, prima della sua formazione, Junts per Catalunya (JxCat,”Insieme per la Catalogna“), non ha deciso di tenere il broncio nelle trattative con il Madrid. I suoi avvocati hanno affermato di ritenere che la richiesta di estradizione sarebbe stata respinta, poiché la Spagna, attraverso un voto del servizio legale dello Stato, aveva assicurato che questo mandato d’arresto era sospeso in attesa di una decisione da parte di un tribunale europeo.

Nel frattempo, la Corte suprema spagnola, che ha diretto il processo contro di lui, ha ritenuto che questo mandato fosse ancora in vigore e che Carles Puigdemont non fosse più protetto dalla sua immunità parlamentare, che è stata revocata dal Parlamento europeo. Giovedì, il giudice che gestisce il caso in Spagna, Pablo Llarena, ha presentato a un tribunale italiano un documento in cui sottolineava che il mandato d’arresto era ancora valido e che Carles Puigdemont doveva essere arrestato ed estradato. Il doppio discorso è stato denunciato dalla difesa del leader catalano.

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *