Il successore di Bolt alle Olimpiadi del Centenario è il sensazionale italiano Jacobs

Tokyo – L’italiano Lamont Marcell Jacobs è diventato il vincitore a sorpresa dei 100 metri olimpici di Tokyo e ha battuto il record europeo in 9,80 secondi. Pochi minuti prima di lui, Gianmarco Tamberi ha vinto il primo oro italiano. Ha condiviso con Mutaz Issa Barshim del Qatar, entrambi i quali hanno corso 237 centimetri. Yulimar Rojas del Venezuela ha aumentato il suo record mondiale di 26 anni nel salto triplo da 17 centimetri a 15,67 metri e, come previsto, il cinese Kung Lijiao ha vinto la competizione di bowling. Il rappresentante ceco Vít Müller non si è qualificato per le semifinali dei 400 ostacoli, il quarterback Pavel Maslák l’ha già finita in anticipo.

Il ventiseienne Jacobs diventa l’improbabile successore del leggendario giamaicano Usain Bolt. I corridori di potenza non erano rappresentati nella finale, il campione del mondo 2011 e ombra di lunga data Bolt Yohan Blake è arrivato in semifinale, così come, ad esempio, il primo uomo della classifica dell’anno, l’americano Trayvon Bromell.

Jacobs ha migliorato il suo precedente record europeo di duecento in semifinale, detenuto dal francese Jimmy Vicaut (2015) e dal portoghese Francis Obikwel (2004) con 9,86. Ha perso altri quattrocento in finale ed è diventato il primo italiano a vincere i cento olimpici. È entrato nella stagione con un record personale di 10.03. “E’ un sogno, è un sogno, è fantastico. Vincere le Olimpiadi era un mio sogno d’infanzia, ma ovviamente quel sogno poteva trasformarsi in qualcos’altro”, ricorda il figlio di madre italiana nata in Texas, che da allora vive in Italia l’età di due anni.

L’americano Fred Kerley, che giovedì ha vinto la medaglia di bronzo ai Campionati del Mondo di Doha, ha vinto l’argento a 9.84 ed è stato solo quest’anno che ha iniziato a dedicarsi completamente agli sprint più brevi. “Ho corso una gara perfetta e ho portato a casa l’argento. Non posso lamentarmi”, ha esultato. Il bronzo è stato vinto da André De Grasse, così come a Rio de Janeiro e Doha. “Sono molto contento del record personale (9.89). È stata una gara di qualità. Tutti hanno corso molto bene, quindi sono felice di essere di nuovo sul podio”, ha detto il canadese.

Già in semifinale, la Cina ha sorpreso Su Ping-tien, che ha aumentato il suo massimo personale di settecento dopo aver avviato il razzo e stabilito un record asiatico di 9,83. Non lo ha ripetuto in finale ed è arrivato sesto.

Il barshim delle highland del Qatar ha vinto il bronzo più prezioso di Londra e l’argento di Rio. È stato due volte campione del mondo dall’ultima partita, ma ha anche subito un grave infortunio che ha quasi messo fine alla sua carriera. Da allora non ha guadagnato più di 240 cm. Quest’anno si è esibito minimamente nelle gare e ha perso ovunque, aveva solo 230 in classifica, ma prima dell’oro ai Mondiali di Doha di due anni fa era simile.

Al culmine della stagione, anche questa volta ha gestito bene il suo tempismo. Al primo tentativo è saltato fino a 237 cm. Tamberi, che ha perso la partita a Rio all’ultimo minuto, ha fatto altrettanto bene quando si è strappata il tendine della caviglia mentre provava a 241 cm. Al 239 di Tokyo non funzionava niente. Maksim Nedosekov della Bielorussia ha preso il bronzo solo per uno sforzo minore, e Tamberi e Barshim hanno convenuto che avrebbero preso l’oro invece di saltare.

L’americano JuVaughn Harrison, che ha fissato il compito dell’oro in altezza e distanza, ha avuto un problema a 227 cm, che ha superato al terzo tentativo. Ha dovuto migliorare anche ad un’altra altezza e ha concluso con una prestazione di 233 cm al settimo posto. Lunedì mattina, quindici ore dopo la finale di oggi, avrà la sua seconda possibilità nella finale della lunga distanza.

Trojan Rojas ha vinto il quarto oro olimpico nella storia per il Venezuela e il primo nell’atletica leggera. La medaglia d’argento di Rio e la campionessa del mondo dal 2017 al 2019 si conferma la regina della disciplina. Con il primo tentativo ha stabilito un record olimpico di 15.41 e in quel momento si è deciso il primo posto.

Nessuno degli avversari ha superato i 15 metri quest’anno. Rojas è atterrato dietro di lui in ogni gara ed era solo questione di tempo prima che rimbalzasse perfettamente. Ci è riuscita nell’ultima serie, dove ha cancellato il record dell’ucraina Inessa Kravecová del 1995. “Non ho parole. Non riesco a descrivere questa sensazione e questo momento. Una medaglia d’oro alle Olimpiadi e ai record mondiali. “So di avere un gap è ai miei piedi oggi. Non ho fatto un po’ di tecnicismo, ma ho messo tutto in quel salto finale e ha funzionato”, ha gioito.

Per la prima volta nella sua carriera, la portoghese Patrica Mamona ha ottenuto poco più di quindici yard e questo le è valso l’argento. La spagnola Ana Peleteirová è arrivata terza. La trentasettenne Caterine Ibargüen dalla Colombia, numero uno del mondo davanti a Rojas, difensore d’oro e due volte campione del mondo, ha solo 14,25 e non è passata alla rosa dei candidati.

La favorita cinese Kung Lijiao ha vinto la gara di bowling da 20,58 metri e ha completato la sua collezione di medaglie olimpiche. Tuttavia, l’oro è stato il primo che aveva ricevuto di persona allo stadio, che in precedenza aveva vinto solo dopo un’ulteriore squalifica dal suo avversario per doping. È l’unico a superare i 20 metri e battere il suo rivale più vicino di 79 centimetri.

L’argento è andato all’americano Raven Saunders con 19.79 presenze e il bronzo alla veterana neozelandese Valerie Adams con 19.62. La 36enne due volte vincitrice olimpica e madre di due figli, che ha iniziato ad Atene nel 2004, è tornata sul ring dopo il parto e l’infortunio e ha fatto la sua quinta partenza olimpica con una quarta medaglia.

“Dalle ultime Olimpiadi, quelle due persone sono state fuori di me. Non vedo l’ora di continuare a ispirare gli atleti di tutto il mondo. Se vuoi bambini e vuoi tornare ed essere in cima al mondo, va bene. sicuramente fallo anche tu”, ha detto Adams. La madre è anche la velocista giamaicana Shelly-Ann Fraser-Pryce, che sabato è arrivata seconda nei 100 metri.

Una delle favorite al tiro, Jessica Ramsey, che ha superato le 20 yard nelle qualificazioni americane, ha avuto tre tentativi non validi. La rappresentante ceca Markéta ervenková non si è qualificata.

Il quarterback Maslák finisce presto, il portiere Müller in semifinale

L’unico rappresentante ceco nel programma delle Olimpiadi pomeridiane di atletica leggera di Tokyo, Vít Müller, ha segnato 49,69 secondi nelle semifinali dei 400 metri ostacoli, appena sufficienti per finire al 22° posto. Pavel Maslák è arrivato settimo al mattino nei 400 metri e un tempo di 47.01 lo ha portato al 40° posto, lontano dal passare alle semifinali.

Müller è stato un decimo più lento rispetto alla partenza da cui è avanzato dall’ultimo posto. “La seconda manche è molto più difficile. Voglio principalmente arrivare alle semifinali. Sono arrivato qui 35° posto e 24 persone avanzate. Sono soddisfatto delle semifinali. Ma d’altra parte voglio correre le persone, idealmente sotto i 49 secondi” Non ha funzionato”, ha detto Müller della sua prestazione. Il velocista atletico di 24 anni non ha mai avuto un’esperienza migliore. “Questo è un risultato di una vita. È incredibile per me arrivare qui”, ha detto.

Il detentore del record mondiale Nor Carsten Warholm ha avuto il miglior tempo. Nonostante le conclusioni in calo, era sul traguardo alle 47.30. Il suo duello con l’americana Rai Benjamin sarà uno dei momenti salienti del programma di martedì.

Maslák è attualmente lontano dalla forma che lo ha portato alle semifinali delle Olimpiadi di Londra del 2012 e di Rio 2016. Il tre volte campione del mondo indoor non ha nemmeno raggiunto il punteggio di 46,52 dai Golden Stilts a Tokyo quest’anno.

Il suo aspetto era caratterizzato anche da virosi intestinale prima della gara. “È deludente, ovviamente, ma in qualche modo sottolinea un’intera stagione travagliata. I preparativi non sono andati bene, anche se l’ultima è andata abbastanza bene. Ma quattro giorni fa probabilmente ho mangiato qualcosa di cattivo, forse salmone affumicato, quindi ho pescato un problema intestinale. Proprio ieri hanno finito “, ha detto.

I cechi correranno anche la staffetta dei quarti di turno a Tokyo, ma Maslák non è sicuro che il quartetto scelto si adatterà alle condizioni attuali. “I ragazzi ieri hanno fatto un test e hanno corso in buona forma, l’allenatore ha preferito sedersi oggi e parlerò anche con loro in modo che possiamo fare la migliore composizione e i ragazzi possano correre il più velocemente possibile. Non lo so se appartengo lì in questa forma”, ha detto.

Il giovedì più veloce è stato gestito dall’americano Michael Cherry con 44.82, gli altri quattro corridori sono scesi sotto i 45 secondi, per lo più con finiture in calo. Detentore del record mondiale nei 400 metri, anche il sudafricano Wayde van Niekerk, che quest’anno ha sofferto di problemi di salute, ha risparmiato energie.

Jasmine Camach-Quinn di Porto Rico, che è stata la più veloce su questa pista quest’anno e ha perso seicento dal suo massimo a Tokyo, ha brillato nelle semifinali dei 100 metri ostacoli. Con un leggero vento contrario con un tempo di 12.26, ha migliorato significativamente il record olimpico ed è stato corto di soli seicento mondiali. Il suo detentore, l’americano Kendra Harrison, lo affronterà in una battaglia diretta per il titolo dei migliori ostacoli lunedì.

La detentrice del record mondiale di Polka Anita Wlodarczyk ha iniziato il suo viaggio verso il terzo oro olimpico con il suo primo tentativo riuscito a 76,99, poco più di tre metri sopra il segno di qualificazione. La serba dalla lunga distanza Ivana panovičová è avanzata in modo simile alla finale. La medaglia di bronzo di Rio è atterrata a sette metri esatti. Darya Klishin della Russia, seconda dalla Coppa del Mondo 2017, ha tre passi e non sarà in finale.

Come all’inizio degli 800 m, il più veloce di Cheruiyot Rotich in Kenya è stato 1:44.04 e ha confermato di poter tenere il passo con il suo connazionale, il due volte campione olimpico David Rudisha, che ha seguito la gara dagli spalti. Tuttavia, anche il campione europeo indoor Patryk Dobek della Polonia ha mostrato un buon risultato. Il francese Pierre-Ambroise Bosse, campione del mondo dal 2017, non è avanzato.

Winfred Yavi del Bahrain ha registrato il miglior tempo nei 3000 metri ostacoli femminili 9:10.80. L’inizio del gioco ripido non è mai stato così veloce.

Finali di atletica leggera all’OG:

Uomo:

100 m (vento +0,1 m/s): 1. Jacobs (It.) 9.80 – Record europeo, 2. Kerley (USA) 9.84, 3. De Grasse (CAN) 9.89, 4. Simbine (JAR) 9.93, 5. Baker (USA ) 9.95, 6. Su Pingchien ( Cina) 9.98, Adegoke (NGA) incompiuto, Hughes (Inghilterra) squalificato.

Alto: 1. Barshim (Cat.) e Tamberi (It.), 3. Nědosekov (Běl.) All 237, 4. U Sang-hjok (Corea), 5. Starc (Austr.) Both 235, 6. Akimenko (Rus. ) ), 7. Harrison (USA) entrambi 233, 8. Lovett (CAN) 230.

Donna:

Salta tre volte: 1. Rojasová (Ven.) 15.67 – record mondiale, 2. Mamonaová (Portug.) 15.01, 3. Peleteirová (Šp.) 14.87, 4. Rickettsová (H.) 14.84, 5. Poveaová (Cuba) 14.70, 6. Minenkova (ISR) 14.60, 7. Oriya (USA) 14.59, 8. Williams (H.) 14.51.

Sfera: 1. Kung Lijiao (Cina) 20.58, 2. Saunders (USA) 19.79, 3. Adams (N. Zél.) 19.62, 4. Dongm (Portogallo) 19.57, 5. Sung Jiayuan (CHN ) 19.14, 6. Wesche (NZL ) 18.98, 7. Roos (Svezia) 18.91, 8. Gambetta (DEU) 18.88.

Startup e qualifiche:

Uomo:

400 metri: 1. Cherry (USA) 44.82, …40. Ranuncolo (CZ) 47.01 – non è passato alle semifinali.

Donna:

3000 aC: 1. Yaviová (Bahr.) 9: 10.80, distanza: 1. panovičová (Srb.) 700, martello: 1. Wlodarczyková (Pol.) 76.99.

colonna: 1. panovičová (Serbia) 700.

Martello: 1. Wlodarczyková (Polonia) 76.99.

Semifinali:

Uomo:

100 m (vento +0,9 m/s): 1. Su Pingchien (Cina) 9.83, 2. Baker (USA) 9.83, 3. Jacobs (It.) 9.84 – Record europeo.

800 metri: 1. Rotich (Kenya) 1:44.04.

400 aC: 1. Warholm (Nor.) 47.30, …22. Müller (CZ) 49.49 – Non è passato alla finale.

Donna:

100 m př. (-0,2 m/s): 1. Camach-Quinn (PRI) 26.12.

qualificazione atletica olimpica

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *