Il senzatetto è invisibile al sistema

A metà novembre, il pubblico è rimasto scioccato dalla notizia che l’attore, poeta e musicista di Novi Sad, Nebojsa Petrovic, è morto su una panchina nel centro della città a causa del freddo. Nebojsa Petrovic è un senzatetto e per tutti coloro che sono senzatetto l’inverno è il periodo più difficile dell’anno. Il team H1 ha visitato Chinatown a Novi Sad, dove una dozzina di altre persone vivevano in un edificio industriale abbandonato.

I residenti di Novi Sad conoscono bene Jovan Daraboš, nel centro della città con una chitarra, è quasi ogni giorno – da 27 anni.

“Suono soprattutto musica. E, cosa posso dire, viviamo al meglio delle nostre capacità. Non chiedo a nessuno, mi guadagno da vivere tanto quanto ho bisogno per vivere, e questo è tutto”, ha detto Daraboš (49) per H1.

A causa di circostanze sfavorevoli, ci ha detto, ha perso la sua casa. Da un anno viveva in un edificio abbandonato a Chinatown.

“Sono qui da quasi un anno ormai, e ringrazio le persone che mi hanno permesso di esserci, cosa posso dire, almeno ho la mia pace”, ha detto Jovan Daraboš.

La pace della vecchia zona industriale sulle rive del Danubio è disturbata dai macchinari edili: stanno costruendo un “quartiere creativo” sul sito di un quartiere urbano alternativo, secondo il progetto “Capitale europea della cultura 2002”. Il pittore Geza Vereckei è l’ultimo delle vecchie guardie a vivere qui – ci racconta che tutti gli artisti e gli artigiani sono stati cacciati dallo studio alcuni anni fa. Aveva vissuto nei suoi dipinti per un decennio e mezzo. Condivideva lo stesso edificio abbandonato, che doveva essere demolito, con una dozzina di altre persone.

“Le condizioni non sono nulla, le persone vivono senza elettricità e acqua, e posso pensare, non pensare, ma so per certo che abbiamo un’idea di ciò che le persone potrebbero non avere, che le persone per strada hanno freddo e muoiono. Le persone forse passano , e un uomo che giace morto su una panchina. “Nessuno ha chiesto chi fosse o chi fosse, o se avesse bisogno di aiuto, questo è quello che è successo qui”, ha detto Geza Vereckei, un pittore.

Queste persone sono praticamente invisibili al sistema: la capacità degli alloggi e degli ostelli creati in precedenza è appena sufficiente per tutti i senzatetto di Novi Sad. Non hanno entrate, gli attivisti li aiutano, ma si organizzano anche – intorno a un fondo “Quarter” – rivolto ai senzatetto.

“Abbiamo avviato una colonia artistica dove abbiamo invitato i miei colleghi, ci hanno risposto e tutti i dipinti creati sarebbero stati venduti e venduti alle mostre che abbiamo organizzato e tutti sono stati donati in beneficenza, vale a dire aiutare i senzatetto”. Vereckei.

Avevano raccolto abbastanza soldi per fornire del cibo in scatola per il periodo successivo – per il costoso metro cubo di legno – non ce l’avevano e ne avevano un disperato bisogno per superare un altro inverno.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.