Il popolo venezuelano si sta rassegnando alla vita senza un chiaro cambio di governo in vista | Internazionale

Code per prelevare denaro dagli sportelli automatici a Caracas, in Venezuela, quest’anno.Leonardo Fernandez Viloria (Reuters)

Sebbene i sondaggi mostrino che il 77% della popolazione vuole un cambiamento politico in Venezuela, solo il 5% degli interpellati ha parlato di “lasciare Maduro” come una priorità politica personale o un argomento per uscire da una crisi nazionale. Finora, dicono i sondaggi, ciò che interessa al cittadino medio è come migliorare la propria situazione personale. “Non sono abbastanza grande per andare. Non voglio passare il lavoro fuori. Ho i miei clienti. Il mio progetto è continuare a lottare in questo Paese”, dice Domenico Misiagna, figlio di immigrati italiani, proprietario del Café Vomero, un’attività di alto valore a Caracas.

Ci sono molti venezuelani che hanno deciso di convivere con ciò che è. Nicolás Maduro, che collega regolarmente segnali radiofonici e televisivi per comunicare con il pubblico, ha anticipato l’arrivo del Natale. Il miraggio della primavera si estende. La dollarizzazione dell’economia continua a rafforzarsi. La pandemia è andata avanti silenziosamente nelle ultime settimane. Il traffico è aumentato a Caracas e, con un po’ di cortesia, la discoteca è tornata ad essere un luogo di ritrovo per divertirsi.

In un contesto post-elettorale cresce l’illusione ottica di una bolla economica, espressa soprattutto nel commercio, mentre gran parte della popolazione si rassegna a vivere in povertà. Nuovi negozi e supermercati stanno facendo il loro debutto nella parte orientale di Caracas mentre una tragedia sociale fa il suo corso. Ancora vivo con i prodotti d’importazione continua a crescere. Alcune aziende tradizionali conoscono il secondo vento. Diversi marchi internazionali e multinazionali hanno lasciato il paese. Ignacio Monteverde possiede un’azienda con 35 dipendenti. Oggi aveva ridotto della metà la forza lavoro. Ora è solo questo piccolo rimbalzo, che sembra più un rimbalzo dopo aver toccato il fondo. “Sono determinato a continuare in questo Paese, a parte Maduro. Spero che l’uscita si avvicini, non so quando, presto. Ce l’ho il prossimo anno il nuovo Cne può aprire la porta a un nuovo referendum di ritiro”.

Il fallimento dell’opposizione ha consolidato un ampio distacco dai contenuti del dibattito pubblico. Quelle cose cambiano, non significa più, vota per l’opposizione. Per Jorge Roig, uomo d’affari e portavoce chiave della società civile del Paese, “un sentimento di sconnessione dalla politica è un fatto comune”. “Avremo un deserto fino al 2024 (data in cui dovrebbero esserci le elezioni presidenziali) e l’obbligo di costruire un’alternativa democratica alle elezioni presidenziali. L’apertura che il Governo ha dato agli imprenditori, ormai scarsi ricavi petroliferi, oggi è totale. È importante aumentare il credito in dollari e rimuovere l’obbligo di riserva dalle banche per rafforzare la crescita”.

Con il disastro che si sta già consolidando, settori della popolazione stanno cercando di trarre vantaggio dalla lenta ripresa economica di quest’anno, che secondo l’economista e socio amministratore della società Datanálysis, Luis Vicente León, potrebbe avvicinarsi all’1 per cento del PIL. Entro il 2022, ha aggiunto, l’aumento potrebbe essere di circa 5 punti. Il tasso di iperinflazione, commenta l’economista Asdrúbal Oliveros, sembra essere in via di estinzione.

Diverse società di opinione nel Paese riferiscono che, di coloro che continuano a vivere in Venezuela, il 63 per cento degli interpellati sembra determinato a restare nel Paese e il 34 per cento ha in programma di emigrare o sta già pensando di farlo. “L’economia sta per diventare indipendente dalla politica in questo paese”, ha detto León. “Il governo sta approfondendo la dollarizzazione e sta cercando di promuovere gli investimenti, e in qualche modo ne dipende, perché non ha più entrate petrolifere. Non sembra che cambierà”.

Unisciti a EL PAÍS per stare al passo con tutte le notizie e letture illimitate.

Cliente

C’è un enorme scollamento tra i venezuelani che vanno e quelli che non lo fanno. “C’è un’enorme differenza di percezione tra chi parte e chi resta in Venezuela”, ha affermato Tiziana Polesel, attuale direttrice della società Consecomerecio e titolare di una società commerciale di ricambi auto. “Vivo per continuare gli sforzi di mio padre, un immigrato arrivato dall’Italia 58 anni fa. Mi sforzo di difendere il valore del mio marchio, al di là del profitto. Significa molto per me.”

In fuga dalla politica, concentrato nel suo dominio personale, lo Stato sembra vivere una sorta di esilio interno, o insilio (muoversi senza lasciare il luogo), come una forte sensazione condivisa. Delegittimato sulla scena internazionale, con minacce giudiziarie, Maduro ha provato la flessibilità interna di proporre un cessate il fuoco con la società che su di lui ha avuto un effetto devastante. Non si vedono nuovi eventi elettorali fino al 2024. L’opposizione, che oggi è divisa in 5 fazioni, è di nuovo al collasso, questa volta avrà molto lavoro da fare per superare le sue divergenze. Questo cessate il fuoco, secondo Jorge Roig, “è un dato di fatto”.

“Il governo ha e avrà il controllo politico in questo paese e la velocità con cui le cose dipendono da esso”, ha affermato Luis Vicente León. Chi è rimasto pensa solo a vivere al meglio in quella realtà.

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook voi Indonesia, o en la nostra newsletter settimanale.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.