Il Parlamento italiano apre la corsa all’elezione del prossimo Presidente della Repubblica | Internazionale

La battaglia del Quirinale per trovare un successore per i prossimi sette anni di Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica inizierà ufficialmente il 24 gennaio in Parlamento. Nonostante il gioco politico fosse iniziato dietro le quinte qualche settimana fa, in quel giorno, fissato dal presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, i parlamentari avrebbero votato per la prima volta, in segreto, e avrebbero scritto il nome del candidato su un pezzo di carta. di carta.

Finora, in questo gioco, tutte le mosse sono state fatte con cura e nessuno si assume il rischio di esporre le proprie carte, né il candidato né il gruppo politico, ma il dibattito si inasprirà con l’avvicinarsi del voto.

Ci sono ancora diversi nomi sul tavolo con la possibilità di diventare il prossimo inquilino del Palazzo del Quirinale, sede della Presidenza della Repubblica. Il più promettente è l’attuale primo ministro Mario Draghi, che ha lasciato intendere che sarebbe disponibile per la posizione, sostenendo che il governo di grande coalizione che guida potrebbe continuare senza di lui. L’economista di fama internazionale ed ex presidente della Banca Centrale Europea ha assunto a febbraio l’Esecutivo con il compito di guidare il Paese verso la ripresa economica e in questo periodo si è affermato come il capo di governo più consenziente degli ultimi anni. . Un altro possibile candidato, anche se senza successo, è Silvio Berlusconi, tre volte primo ministro italiano, che ha intrapreso una sottile campagna per attirare voti.

Di recente, diverse personalità del mondo della cultura, tra cui attrici, cantanti, romanzieri e intellettuali, hanno lanciato appelli, pubblicati sui media, affinché una donna sia eletta per la prima volta presidente della Repubblica. “È tempo che una donna raggiunga il Quirinale. Crediamo che sia giunto il momento di realizzare quell’idea di uguaglianza di genere, condivisa e sostenuta dalle forze più democratiche e progressiste del nostro Paese”, ha sottolineato personalità come la scrittrice Dacia Maraini, la cantante Fiorella Mannoia o l’attrice Sabina Guzzanti. , tra gli altri. Il nome dell’attuale ministro della Giustizia, Marta Cartabia, è quello che ha suonato più forte negli ultimi giorni.

L’elezione del capo dello Stato è sempre stata una battaglia politica frenetica, soprattutto nel suo turno finale, quando non si gioca più a porte chiuse. I leader politici cambiano idea alla velocità della luce e diventano esperti di oreficeria per affrontare tutte le opzioni in gioco. Questa opportunità è stata una cartina di tornasole per il laboratorio politico italiano, in quanto tutte le formazioni, ad eccezione dei fratelli italiani di destra, che attualmente sono una minoranza, ma volano nei sondaggi, sostengono l’Esecutivo con una coalizione numerosa ed eterogenea. Da un lato, la possibilità di condividere una larga maggioranza per l’elezione del capo dello Stato potrebbe provocare un terremoto nel governo e, dall’altro, l’elezione di Draghi alla fine aprirà la strada al complicato dilemma di trovare un nuovo primo ministro. ministro o vai all’urna.

I due principali partiti, il Movimento 5 Stelle (M5E) e il Partito Democratico (PD) sono stati divisi. E in entrambe le formazioni, con diversi ministri al governo, c’è chi scommette che Draghi resterà al suo posto per portare a termine le riforme e garantire la stabilità dell’Esecutivo. Altri, come il segretario del Pd, Enrico Letta, tendono ad aprire le porte del Quirinale agli ex banchieri per assicurarsi il riconoscimento internazionale. I diritti, sebbene abbiano cercato di mostrare un’immagine di unità, sono anche, per ora, senza consenso.

Unisciti a EL PAÍS per stare al passo con tutte le notizie e letture illimitate.

Cliente

La Camera dei deputati e il Senato, che hanno il compito di selezionare il prossimo capo di Stato, si riuniranno in seduta comune il 24, cosa che accade raramente. L’elezione era segreta e il candidato vincitore avrebbe avuto bisogno del sostegno della maggioranza dei due terzi della camera, ma dopo il quarto voto sarebbe bastata la maggioranza assoluta. L’affluenza, la cosiddetta “grande affluenza”, per la presidenza repubblicana è stata di 1.009.

Lo scrutinio dei voti è pubblico e si effettua ad alta voce con la lettura di tutte le schede. Questo metodo ha talvolta un effetto comico involontario, quando vengono lette le preferenze dei parlamentari che hanno scelto personaggi che non hanno nulla a che fare con la politica, nello stile del defunto dittatore fascista Benito Mussolini, o dell’attore pornografico Rocco Siffredi, come è stato il caso . .la prossima volta. Questa alternativa al voto in bianco a volte nascondeva sapienti manovre di palazzo per drenare il voto e abbassare la maggioranza richiesta.

Altro curioso fenomeno degno di nota è il cosiddetto “cecchino”, termine originario della politica italiana con cui si definiscono i parlamentari che violano la disciplina di voto del proprio gruppo, approfittando del voto segreto. In alcuni casi hanno deciso di trovare un equilibrio.

Queste elezioni hanno acquisito rilevanza nel tempo, dato il ruolo sempre più significativo che il presidente ha assunto negli ultimi decenni. Il capo dello Stato in Italia è un arbitro politico con ampie prerogative nelle formazioni di governo e un fattore determinante nelle ricorrenti crisi politiche del Paese.

Sergio Mattarella, che è stato una figura chiave in questa legislatura e che ha rifiutato di prolungare il suo mandato, saluta la nazione, con poca emozione, nel suo messaggio finale di fine anno in cui sperava fiducia e speranza.

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook voi Indonesia, o en la nostra newsletter settimanale.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.