Il padre di Tiramisù, Ado Campeol, è morto. Il popolare dessert è apparso per caso

La famiglia Campeol non ha mai posseduto un brevetto per un dolcetto, a volte con l’informazione che il tiramisù è stato somministrato per la prima volta come afrodisiaco in un bordello a Treviso, in Italia. Tuttavia, nel corridoio gastronomico, la famiglia di un ristoratore defunto è generalmente considerata “l’inventore” del dolce.

Era il ristorante Le Beccherie del Campeol, che all’inizio degli anni ’70 includeva per la prima volta il dolce nel suo menu fisso. E come molte altre invenzioni umane, il tiramisù ha visto la luce per caso.

Lo chef Roberto Linguanotto vuole fare un semplice gelato alla vaniglia quando il suo mascarpone vaga in una ciotola di uova e zucchero. Ma presto si rese conto che la miscela non aveva affatto un cattivo sapore e lo disse alla moglie di Campel, Alba.

La coppia ha poi perfezionato una ricetta per il pan di spagna intinto nel caffè e cacao. Il nome tiramisù deriva quindi dall’italiano e significa letteralmente “prendetemi in braccio”.

Inizialmente senza alcool

BBC UK, tra gli altri, racconta la morte del 93enne Campeola, che gestisce il ristorante dalla fine della seconda guerra mondiale. “

Il ristorante Dessert Campel ebbe un enorme successo e nel 1981 il tiramisù apparve sulla rivista veneta, dove fu nominato uno dei dolci più famosi d’Italia.

Nel corso dei decenni sono apparse in tutto il mondo varie varianti di tiramisù, alcune anche alcoliche. Tuttavia la ricetta originale, certificata dall’Accademia Italiana della Cucina nel 2010, è analcolica, in quanto il dolce deve essere adatto anche ai bambini.

Elezione

Ti piace il tiramisù?

Hanno votato un totale di 3775 lettori.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.