Il nuovo ragazzo di Biden a Praga: ha trovato Twitter, ha criticato Trump

La rivista americana Forbes lo classifica tra i primi 100 attori nel settore della tecnologia. Tra l’altro, ha investito nel social network Twitter, che è un’importante piattaforma politica non solo negli Stati Uniti. Ora Sabet si sposterà sul “ring” politico personalmente.

Secondo informazioni ancora non ufficiali, sarà il nuovo ambasciatore in Repubblica Ceca. Secondo la fonte Seznam Zpráv, ci si può aspettare che la sua candidatura a Praga venga annunciata dalla Casa Bianca nel prossimo futuro. Mentre in Repubblica Ceca l’ambasciatore è approvato dal governo e firmato dal presidente, negli Stati Uniti deve passare anche per un processo e una conferma al Senato. Le cose potrebbero non andare lisce lì. I Democratici di Biden non hanno una netta maggioranza al loro interno e, inoltre, le elezioni autunnali si stanno avvicinando negli Stati Uniti.

In quanto ricco uomo d’affari, Sabet è uno sponsor del Partito Democratico. In passato si è opposto fermamente al presidente repubblicano Donald Trump.

Una fase chiave attende i cechi e gli Stati Uniti nelle loro relazioni reciproche. Riguarda principalmente la sicurezza: l’acquisizione di squadroni da combattimento supermoderni e l’energia nucleare. Le relazioni ceco-americane oggi sono principalmente modellate dall’aggressione russa in Ucraina.

Radar sostitutivo

L’ultimo ambasciatore Stephen King ha lasciato l’ambasciata degli Stati Uniti a Praga nel gennaio 2021, quando Donald Trump si è trasferito dalla Casa Bianca più o meno nello stesso periodo. La missione diplomatica statunitense non ha voluto commentare il nuovo nome. Allo stesso tempo, non nega l’arrivo di Sabeta.

“Il presidente Biden non ha annunciato la sua candidatura ad ambasciatore nella Repubblica Ceca. La nomina ad ambasciatore è stata annunciata dalla Casa Bianca”, ha detto a Seznam Právy Griffin Rozell, portavoce dell’ambasciata americana a Praga.

Attualmente è composto da un diplomatico esperto, Mike Dodman, che, grazie al suo passato coinvolgimento, detiene il titolo di ambasciatore, ma lavora a Praga con il grado inferiore di incaricato d’affari. Ma allo stesso tempo ha contatti al di sopra degli standard. Quindici anni fa, è stato uno dei negoziatori americani che hanno concordato con i rappresentanti cechi di mettere il radar americano su Brdy, un progetto che alla fine ha perso il sostegno politico su entrambe le sponde dell’Atlantico.

Bijan Sabet è stato nominato da fonti diplomatiche Seznam Zpráv come il chiaro candidato alla carica nella Repubblica Ceca. Il server lidovky.cz ha anche scritto di Sabet come candidato ambasciatore nella Repubblica Ceca.

Complicazioni: Twitter?

Chi è il favorito per essere l’ambasciatore della Casa Bianca a Praga? Un americano con radici coreano-iraniane è uno dei fondatori di Spark Capital. Ha mostrato lungimiranza quando ha investito nel social network Twitter nel 2008. Allora, ancora agli inizi, secondo il sito web Sabeta, Twitter aveva allora 11 dipendenti e diverse centinaia di migliaia di utenti – oggi ha centinaia di milioni di utenti attivi mensili. Tra il 2008 e il 2011, Sabet ha anche fatto parte del consiglio di amministrazione di Twitter.

Eppure, allo stesso tempo, nel corso degli anni, Twitter è diventato un importante focolaio politico. Con un po’ di esagerazione, si potrebbe sostenere che il suo fedele utente Donald Trump abbia “governato” gli Stati Uniti tramite Twitter, ma alla fine la società ha bloccato il suo account dopo che i suoi sostenitori hanno attaccato il Congresso degli Stati Uniti. La cancellazione dell’account di Trump è diventata una questione molto controversa quando si tratta di libertà di parola e responsabilità politica sui social media.

“Domande su Twitter” potrebbero complicare la conferma del Senato Sabet. I repubblicani hanno bloccato la nomina dell’ambasciatore di Biden in passato e le udienze nella camera alta del parlamento statunitense rimangono piuttosto difficili, riferiscono i media statunitensi. A Washington, la mancata approvazione di un nuovo ambasciatore è una questione politica.

“Biden ha nominato più ambasciatori – 121 – di Bush, Obama o Trump contemporaneamente nella loro presidenza. Ma il Senato ne ha confermati solo 72, rispetto a Bush 93 e Obama 73”, ha scritto l’influente quotidiano americano The Washington Post. ai primi di luglio. Secondo lui, la nomina di ambasciatori per grandi economie come Brasile e India è in attesa di approvazione al Senato. L’Italia, ad esempio, non ha annunciato le nomination.

In passato è stato attivamente coinvolto nella lotta contro il divieto d’ingresso ai cittadini statunitensi provenienti da sette paesi a maggioranza musulmana. Nel 2017 ha invitato i leader dei giganti della tecnologia a tenere testa a Trump.

“I CEO devono ricordare che i loro dipendenti li rispettano. E se sentono che i loro datori di lavoro non li difenderanno, che si tratti di questioni transgender, diritti delle donne, ambiente o immigrazione, penso che sia un’opportunità persa”, ha detto Sabet, secondo i server di Vox, in un podcast con un giornalista leader specializzato in te stesso in tecnologia, Kara Swisher.

Sabet è sposata con tre figli, sul suo profilo Twitter si presenta come una fotografa amatoriale e viaggiatrice entusiasta e interessata alla responsabilità sociale piuttosto che come una guerriera politica.

Guerriero e nucleo

Le relazioni ceco-americane stanno attualmente entrando in una fase importante. Dopo il 1989, hanno fatto molto affidamento sui legami personali del presidente di “velluto” Václav Havel, ma negli ultimi anni hanno avuto un periodo difficile. Ciò è iniziato con il fallimento del progetto radar nel 2009 e il successivo annullamento di una gara d’appalto per la costruzione di una nuova unità presso la centrale nucleare di Temelín, che l’americana Westinghouse ha presentato un’offerta contro la russa Rosatom in una battaglia geopolitica. Tuttavia, anche la gara si è conclusa senza successo, i cechi l’hanno annullata e ciò ha significato perdite finanziarie significative per Westinghouse.

Anche la presidenza di Miloš Zeman, protesa verso est, non ha favorito contatti reciproci. Anche il sostegno schiacciante a Donald Trump non lo ha portato alla Casa Bianca. Durante l’era Zemanov, le relazioni transatlantiche furono mantenute dall’allora Primo Ministro Andrej Babi (ANO). Si tratta principalmente di sicurezza, che si tratti del dispiegamento di truppe ceche in Afghanistan o forse della cooperazione dei servizi segreti.

Adesso i grandi progetti sono sul tavolo. Il governo di Petr Fiala vuole negoziare con l’amministrazione Biden per l’acquisto del modernissimo caccia F-35. È emerso anche un accordo ceco-americano sulla cooperazione in materia di difesa, che consentirebbe in futuro l’arrivo di truppe americane sul territorio ceco. Westinghouse, oggi una società canadese-americana, sta attualmente facendo offerte per gare nucleari, questa volta a Dukovany.

Le persone sono più importanti delle caratteristiche

I diplomatici cechi affermano che la situazione attuale, quando l’ambasciata americana a Praga è governata da “solo” un avvocato, non complica i rapporti. “Mike Dodman serve fondamentalmente come ambasciatore ed è molto bravo in questo. Anche qui, si scopre che le persone sono spesso più importanti della funzione”, ha detto a Seznam Zpravám una fonte di alto rango della diplomazia ceca.

In passato, prima dell’arrivo di Dodman, era nota una certa impazienza da parte dei cechi.

“Le relazioni ceco-americane sono le migliori in assoluto. Tuttavia, questa è una questione di diplomazia statunitense su cui non possiamo commentare. L’unica cosa che possiamo dire è che questo è un argomento che solleviamo naturalmente in ogni negoziato con la parte americana, Mariana Wernerová, portavoce del ministero degli Affari esteri, ha detto a Seznam Zprávám.

Anche l’Ambasciata Ceca a Washington si è “riarmata” per anni importanti. Anche il candidato Babi, attuale segretario di Stato Miloslav Stašek, sarà ambasciatore. Come ha detto a Seznam Zprávám, partirà dal 1 settembre. Ma il nuovo governo gli ha inviato un forte “doppio” all’ambasciata, ovvero il vice ambasciatore – l’ex vice del ministero della Difesa e rappresentante ceco nella NATO – Jan Havránek. È più vicino all'”aquila” che all’ODS.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.