Il ministro degli Esteri italiano chiede il pieno ripristino dello stato di diritto in Tunisia

“Gli incontri che ho avuto con il Presidente della Repubblica tunisina e con il Ministro degli Affari Esteri si sono rivelati molto produttivi, in quanto hanno contribuito a far avanzare e consolidare un dialogo ininterrotto con un Paese ritenuto strategico dall’Italia, nonché vecchio amico ”, ha detto martedì il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio durante una visita a Tunisi incontrerà anche il primo ministro Najla Bouden.

– Annuncio pubblicitario-

“Ai miei interlocutori”, ha detto, citato dall’agenzia di stampa Ansa, “posso confermare che l’Italia sta seguendo con grande interesse l’attuazione delle riforme e delle scadenze politiche e costituzionali che, ci auguriamo, porteranno alle elezioni per un nuovo parlamento Sottolineo poi l’importanza di proseguire nel cammino verso il pieno ripristino dello Stato di diritto e della normalità democratica, allo stesso tempo è importante che ciò avvenga attraverso un dialogo inclusivo, trasparente e sostanziale, con tutte le istanze politiche e sociali componenti del Paese, garantendo il pieno rispetto dei diritti fondamentali e la crescita economica».

E il ministro degli Esteri italiano ha proseguito: “Sulle questioni dei rapporti bilaterali, in particolare economici e commerciali, ribadendo che la Tunisia è un partner speciale dell’Italia e sono circa 800 le imprese italiane. [dans le pays], esprimo la speranza che questa collaborazione possa essere ulteriormente rafforzata”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.