Il manager della Football Association minaccia il giornalista Danas Snezana Chongdin

La giornalista “Danas” Snezana Chongdin ha ricevuto messaggi di insulti e minacce sul social network Facebook, dopo la dichiarazione che ha rilasciato a FoNet, le minacce contenevano messaggi in diretta e registrazioni audio e video, e sono state inviate dal MC selezionato della Federcalcio serba ( FSS). ), ma FSS ha preso le distanze dai suoi dipendenti.

L’Associazione serba dei giornalisti indipendenti ha informato l’Ufficio del procuratore per i crimini ad alta tecnologia di questo incidente, ha presentato una denuncia penale per mettere in pericolo la sicurezza, ha dichiarato il quotidiano “Danas”.

L’incidente è avvenuto la scorsa settimana, dopo la trasmissione del programma dell’agenzia FoNet “Kvaka 23”, in cui era ospite Snezana Chongdin.

Dopo la trasmissione di “Kvake”, M. . Snezana Chongdin ha postato diversi messaggi offensivi su Facebook, avvertendola “che ora è la sua unica preoccupazione”, e che il suo aspetto “offende i piranha della terraferma”.

Oltre ai messaggi, M. . Secondo “Danas”, ha inviato registrazioni audio e video in cui “si può sentire e vedere come ha commentato in modo offensivo la dichiarazione di Snezana Chongdin, sputando sulla TV dove è stata rilasciata la dichiarazione”.

Il video lo mostra anche mentre si dondola in modo aggressivo verso lo schermo mentre trasmette una dichiarazione di un giornalista del quotidiano “Danas”. Secondo il giornale, M. . ha lavorato presso la Federcalcio serba, dove ha lavorato come team manager di una delle selezioni più giovani.

“Danas” ha contattato l’FSS in merito all’incidente, ma l’organizzazione calcistica nazionale ha preso le distanze dall’incidente dei suoi dipendenti, spiegando che l’FSS “come organizzazione sportiva non si occupa di questioni politiche”. Nella sua risposta è stato sottolineato che FSS “prende esplicitamente le distanze da tutto ciò che dicono i dipendenti di M… e tutto ciò che dice tramite social network e forum non rappresenta la posizione ufficiale di FSS, o le politiche aziendali di FSS”.

“In caso di MC minaccioso per il tuo dipendente, FSS condanna tale comportamento come inaccettabile. Se, sulla base delle prove disponibili, si scopre che esiste una base per la responsabilità disciplinare di un dipendente M., l’FSS avvierà un procedimento disciplinare appropriato davanti all’organo competente dell’FSS”, ha affermato la risposta della Federcalcio a Danas.

Oltre alla disciplina, M. . potrebbe anche essere responsabile penalmente, dato che a causa dell’incidente, l’Associazione serba dei giornalisti indipendenti ha presentato una denuncia penale alla Procura per i crimini ad alta tecnologia.

L’associazione, attraverso il Gruppo di lavoro per la sicurezza dei giornalisti, ha informato l’ufficio della Procura dell’accaduto, fornendo loro tutte le prove sul caso, che si configura come un reato che mette a rischio la sicurezza, ma la Procura non ne è legalmente vincolata. qualificazione.

UNS: Messaggio inquietante, seguiremo la procedura

L’Associazione dei giornalisti serbi ha condannato la minaccia della giornalista del quotidiano “Danas”, Snezana Chongdin, che domenica sera ha ricevuto messaggi scritti, orali e video intimidatori nelle caselle di posta del social network Facebook.

I messaggi che arrivano ininterrottamente per 45 minuti da qualcuno che non è noto ai giornalisti a cui l’UNS può accedere è inquietante e minaccia la sicurezza dei giornalisti, dove sta trasmettendo le sue opinioni.

“Domenica sera i messaggi sono continuati. Quando ho visto il video, ho sentito delle voci urlanti, mi sono spaventato. Ho riferito alla redazione, consultato i colleghi, mi hanno detto che era pericoloso”. Abbiamo scoperto che un uomo ha un pubblico funzione e lavorare con i giovani”, ha detto Chongdin all’UNS.

“Insieme ai colleghi dei giornalisti e delle associazioni dei media, monitoreremo le procedure in questo caso all’interno del Gruppo di lavoro permanente sulla sicurezza dei giornalisti”, ha affermato UNS, osservando che il gruppo comprendeva rappresentanti di giornalisti, associazioni dei media e pubblici ministeri. e la polizia.

FoNet richiede un’azione rapida ed efficiente da parte di un pubblico ministero competente

L’agenzia di stampa FoNet ha condannato fermamente le minacce della giornalista del quotidiano Danas Snezana Chongdin, che ha esposto sul social network Facebook, per le sue dichiarazioni nella serie FoNet Kvaka 23.

Considerando che la minaccia conteneva un messaggio diretto e diverse registrazioni audio e video inviate da M. , il team manager di una delle selezioni giovanili della Federcalcio serba, FoNet chiede un intervento rapido ed efficace della procura competente sulla denuncia penale. dell’Associazione serba dei giornalisti indipendenti.

Esprimendo solidarietà a Snezana Chongdin, FoNet ha avvertito che tali casi sono una continuazione della continua minaccia alla sicurezza dei giornalisti e professionisti indipendenti in Serbia. FoNet concorda con la valutazione dell’associazione dei giornalisti secondo cui ciò è una conseguenza del clima negativo nella società, creato principalmente dai funzionari di governo e dai media che controllano, ma anche l’approccio selettivo della magistratura nei casi di minacce e aggressioni ai giornalisti. .

Come i politici, i cittadini spesso si danno il diritto di insultare, calunniare e attaccare i giornalisti nei modi più rozzi e primitivi, e questi casi generalmente non vengono elaborati o ricevono un epilogo in tribunale.

FoNet si augura e chiede che ciò non accada nel caso in cui si metta in pericolo l’incolumità della giornalista Snezana Chongdin.

Women in Black: FSS prende ipocritamente le distanze e l’accusa rimane in silenzio

L’ONG Women in Black ha condannato le minacce rivolte a Danas da Snezana Chongdin, un funzionario della Federcalcio serba (FSS), e ha invitato l’accusa e le autorità ad agire in conformità con la legge e contribuire così a rimuovere la violenza verbale dal pubblico discorso.

“L’FSS sta ipocritamente prendendo le distanze dai suoi dipendenti, e la procura per ora tace, e se la vittima della minaccia è qualcuno dei vertici del Paese o un membro della famiglia dell’attuale presidente, è certo che l’FSS L’ufficio del pubblico ministero reagirà immediatamente”, ha detto l’organizzazione.

La tiepida reazione dell’FSS può essere spiegata dal fatto che l’organizzazione non ha mai affrontato le attività di teppisti e bande criminali che si presentano come tifosi di calcio e che, spesso con il sostegno aperto di diverse agenzie statali e l’incoraggiamento di personaggi di spicco del FSS. potere, seminando paura e caos per le strade di Belgrado e di altre città”, ha affermato Donne in nero.

L’organizzazione pensa che sia ora di porre fine all’impunità che diffonde l’atmosfera del linciaggio, perché all’abuso verbale segue la violenza fisica.

Suora: Le minacce fanno parte delle continue richieste di linciaggio

L’Associazione serba dei giornalisti indipendenti (MONOS) ha condannato i messaggi di insulti e minacce inviati alla giornalista Snezana Chongdin, “che vanno oltre tutti i limiti normali, ma significano anche che i giornalisti sono diventati bersagli aperti in un’atmosfera altamente tossica nella società”, ha affermato l’associazione. .

“Messaggi e minacce così inquietanti diretti ai giornalisti non possono essere parte di una “questione politica”, ma semplicemente un’altra parte dei costanti appelli al linciaggio e all’odio aperto dei giornalisti che pensano e scrivono in modo critico”, crede suore. .

L’associazione dei giornalisti ha invitato le autorità a condannare inequivocabilmente le minacce e si aspetta che gli organi competenti assicurino quanto prima alla giustizia i responsabili.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.