Il legislatore lituano vuole vietare la lettera Z di Putin – EURACTIV.cz

Le capitali offrono una panoramica unica degli eventi dei paesi europei.


VILNIUS

I legislatori lituani vogliono vietare Z. I parlamentari lituani vogliono includere St. Giorgio e il simbolo Z, che denota i veicoli delle truppe russe in Ucraina, tra i simboli nazisti e comunisti. Lo prevedono le modifiche al Codice degli illeciti amministrativi e alla legge sull’assemblea.

La diffusione o l’esposizione del nastro nero-arancione e del simbolo Z in occasione di manifestazioni o altri eventi di massa sarà multata fino a € 500, secondo la proposta. Secondo i deputati, entrambi i simboli sono stati usati in modo improprio per la propaganda e l’intimidazione filo-russa. (Ieva vinakyt / LRT.lt/en)


BRATISLAVE

Lavrov: La Slovacchia non dovrebbe consegnare il sistema S-300 all’Ucraina, ciò violerebbe l’accordo. Inviando il sistema di difesa aerea S-300 in Ucraina, la Slovacchia violerebbe l’accordo del 1990 tra la Cecoslovacchia e l’Unione Sovietica, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

L’accordo citato da Lavrov vieta in realtà alla Slovacchia di donare o vendere i sistemi S-300 ad altri paesi. La Slovacchia ha acquisito il sistema S-300 dopo la divisione della Cecoslovacchia nel 1993. La Cecoslovacchia ha precedentemente acquisito il sistema dall’Unione Sovietica nel 1990.

“La stessa Repubblica slovacca è libera di valutare come disporre delle proprie proprietà militari, nel modo più compatibile con gli interessi della difesa della Repubblica slovacca”, ha risposto il ministero della Difesa slovacco. (Michal Hudec | EURACTIV.sk)


STOCCOLMA

Non siamo più neutrali, dice l’opposizione svedese. La Svezia ha dovuto fare domanda per l’adesione alla NATO perché “non era più neutrale”. Ulf Kristersson, presidente del partito di opposizione moderata, che ne ha parlato mercoledì a SVT, la pensa così.

La domanda se oggi la Svezia debba fare domanda per l’adesione alla NATO crea una grande spaccatura tra il governo socialdemocratico e l’opposizione.

I moderatori hanno promesso che se vinceranno le prossime elezioni si registreranno alla NATO. (Carlo Szumski | EURACTIV.com)


ROMA

Draghi ha chiesto il dialogo con la Cina. È necessario un dialogo aperto con Pechino per non schierarsi con Mosca, ha affermato il primo ministro italiano Mario Draghi prima del vertice del Consiglio europeo di giovedì. Secondo lui, la Cina dovrebbe partecipare al ripristino della pace in Ucraina e non dovrebbe decidere di sostenere l’aggressione russa. (Simona Zecchi | EURACTIV.it)


HAAG

ING smetterà di finanziare l’estrazione di petrolio e gas. Il colosso bancario olandese ING ha annunciato che non finanzierà più nuovi giacimenti di petrolio e gas e intende investire più denaro nello sviluppo di fonti di energia rinnovabile.

“Il modo migliore per ridurre la tua dipendenza dai combustibili fossili è garantire molte alternative economiche ed ecologiche”, ha affermato Michiel de Haan, responsabile dell’energia presso ING. (Sofia Stuart Leeson | EURACTIV.com)


Su di noi puoi trovare altre sezioni di notizie da tutta Europa Sito partner di EURACTIV.com.


Vuoi ricevere regolarmente The Capitals nella tua casella di posta elettronica? Cliente.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.