Il Giro è stato il più difficile per me, ma le colline dolomitiche mi andavano bene. Potrei essere un po’ un italofilo – CT sport – Czech Television

Solo Roman Kreuziger, quinto nel 2011, ha fatto meglio dei cechi nella famosa corsa a tappe. “Naturalmente, la reazione è stata solo positiva. Non potevo credere di poter ottenere un risultato del genere dopo aver fallito l’anno scorso”, ammette Hirt.

Non si è reso conto della forza del momento in cui ha tagliato il traguardo nelle fasi vincenti. “Tutto era così veloce in quell’obiettivo che non hai nemmeno il tempo di gioire. Pertanto, la mia emozione più forte è stata sul podio e poi quando sono arrivato in hotel e ho visto tutte le notizie e le congratulazioni”, ha ricordato Hirt.

Ammette di aver sempre voluto vincere la tappa regia attraversando Montirolo. “Questa è la mia tappa preferita, sono arrivato secondo tre anni fa. Sono sempre riuscito a qualificarmi e cercare di ottenere risultati. Volevo davvero questa vittoria”, ha aggiunto.

Non fanno mistero che il Giro d’Italia sia il suo Grand Tour preferito. “Vivo in Italia da due anni e guidavo una squadra più piccola. È cresciuto nel mio cuore, amo la loro cultura e il loro cibo. Lo ammette con un sorriso.

L’atmosfera di successo in casa di Hirt Intermarché-Wanty-Gobert ha vinto. “Due tappe vinte e due posti tra i primi dieci sono stati fantastici. Potevamo pensare di più, purtroppo Biniam Girmay ha dovuto rassegnare le dimissioni dopo la tappa vincente”, ricorda Hirt, il bizzarro incidente di un compagno di squadra eritreo che si è infortunato all’occhio mentre apriva lo champagne il podio.

Poi non è andato al Criterion, ma nelle ultime due fasi ha voluto provare ad attaccare. “Quelle tappe portano a colline famose, come il Galibier. Ovviamente sono concentrato su due tappe, oppure sono pronto ad aiutare il mio compagno di squadra Louis Meintjes, che per lui è una gara importante prima del Tour”, ha aggiunto Hirt.

La prossima partenza viene preparata dai concorrenti cechi al campionato nazionale di Mladá Vožice. “Voglio assolutamente mostrare qualcosa, ma anche il gruppo ceco non è debole. Ovviamente voglio ottenere i migliori risultati”, ha detto Hirt, che poi vuole concentrarsi sulla preparazione per la caduta della Vuelta.

Le performance di successo delle ultime settimane hanno fatto guadagnare a Hirt un nuovo contratto biennale. Tuttavia, deve ancora rivelare i nomi degli altri suoi datori di lavoro. “Questa è una squadra ben funzionante in cui ho sempre voluto unirmi e credo di poter spostare la mia carriera lì”, ha concluso Hirt.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.