Il francese Villeroy de Galhau sostituirà il tedesco Weidmann alla presidenza della BRI | Economia

François Villeroy de Galhau, alla riunione dei governatori delle banche centrali del G7 tenutasi a Chantilly nel luglio 2019.Pascal Rossignol (Reuters)

Il consiglio di amministrazione della Banca dei regolamenti internazionali (BIS, per il suo acronimo in inglese) ha eletto giovedì il governatore della Banca di Francia, François Villeroy de Galhau, nuovo presidente, in sostituzione del nuovo tedesco Jens Weidmann. ha lasciato il suo posto di capo della Bundesbank. Il suo mandato inizia con effetto immediato e dura tre anni.

La nomina di Villeroy de Galhau (Strasburgo, 62 anni) aumenterà ulteriormente la quota di potere della Francia nelle principali organizzazioni internazionali: ha già, tra gli altri, Christine Lagarde a capo della Banca Centrale Europea (BCE); con Laurence Boone come capo economista dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE, the think tank paesi ricchi); e presto avrà anche Pierre-Olivier Gourinchas a capo del forte Dipartimento di studi del Fondo monetario internazionale (FMI), una posizione che ha nominato questa settimana. Emmanuel Macron avrebbe così la possibilità di vendere agli elettori del suo Paese un peso molto maggiore in alcune delle più potenti organizzazioni economiche della scena internazionale in vista delle elezioni di aprile.

Villeroy de Galhau è una vecchia conoscenza nell’arena economica europea. Visto il capo della banca centrale francese da settembre 2015, quando proposto per la carica dall’allora presidente della Repubblica, il socialista François Hollande, è stato rieletto solo tre mesi fa dal centrista Macron per un secondo mandato di sei anni. Il suo sbarco alla Banca di Francia non è stato senza polemiche, dopo che quasi 150 economisti hanno rifiutato la sua nomina a causa del suo passato di numero due da BNP Paribas, il più grande istituto finanziario dell’area dell’euro per asset. Il suo principale concorrente in quella carriera fu, paradossalmente, Benoît Coeuré, fino ad allora direttore del centro di innovazione BIS e che è stato appena eletto nuovo presidente dell’Autorità francese per la concorrenza.

Tuttavia, nel corso degli anni, Villeroy de Galhau si è costruito un’immagine migliore nel mondo finanziario e accademico. Nel 2019, infatti, il suo nome suona già forte per sostituire Mario Draghi – oggi Presidente del Consiglio dei Ministri d’Italia – alla guida della BCE, carriera in cui alla fine ha vinto il suo connazionale Lagarde nonostante il suo straordinario profilo politico e la sua esperienza in Monetaria politica, credenziali detenute dal presidente nuova BRI. Diplomato alla School of National Administration, culla accademica dell’élite politica ed economica francese, prima di approdare in BNP Paribas e nella banca centrale è passato al Ministero delle Finanze, è stato consigliere capo per gli affari europei del Ministro delle finanze e poi socialista Il primo ministro Pierre Bérégovoy, capo di stato maggiore dei due, sono anche titolari di Socialist Economics – Dominique Strauss-Kahn e Christian Sautter – e sono direttore generale di Tribute nel governo Lionel Jospin.

Senza essere tutt’altro che eterodosso, l’approccio ideologico del banchiere centrale francese è un cambiamento rispetto al suo predecessore nel coordinatore della banca centrale, Weidmann, uno dei leader dell’ordoliberalismo, il leader de facto Falco L’Europa ultimamente e un convinto difensore dell’ortodossia monetaria nel consiglio direttivo della BCE in è Draghi, con il quale si è scontrato in diverse occasioni. Villeroy de Galhau è sempre apparso per l’Italia.

L’attribuzione della Francia alla BRI, che farà in linea con la sua posizione alla guida della seconda agenzia emittente dell’eurozona – dopo la Bundesbank -, guidando la “direzione strategica e politica” dell’organismo con sede a Basilea (Svizzera) , la cui gestione spetta agli amministratori del consiglio. La maggior parte delle funzioni esecutive e delle operazioni quotidiane continueranno a essere nelle mani dell’amministratore delegato messicano Agustín Carstens, che ha recentemente rinnovato il suo mandato. Il più alto organo di governo della BRI conta 18 membri, 12 dei quali a rotazione ei restanti sei – i capi delle banche centrali di Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Francia, Italia e Belgio – sono permanenti.

Conoscere a fondo tutte le facce della medaglia.

Cliente

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *