Il denaro è fornito, ma non per l’alloggio in hotel costosi

Il ministero della Salute ha annunciato che i soldi per le cure della piccola Jibril sono stati forniti, ma non possono essere trasferiti senza una procedura chiara e regolamentata dalla legge.

“Su iniziativa del presidente Vučić, lo Stato ha stabilito i fondi mancanti per la cura del piccolo Gavril, un ragazzo che infatti unisce l’intero Paese”. “Come detto, il denaro è stato immediatamente consegnato e da allora ha aspettato”, si legge nella dichiarazione in una dichiarazione firmata da Zlatibor Loncar.

Ha aggiunto, tuttavia, che il denaro del bilancio non può essere trasferito senza una procedura chiara e legalmente regolamentata.

“Quindi, lo stato serbo non può trasferire fondi di bilancio su fatture scritte a mano o su fatture di medici privati. E in questo caso, si tratta di questo”, ha annunciato.

Inoltre, Lončar ha inoltre affermato, “non possiamo pagare ai cittadini serbi soldi per servizi sanitari che, di qualità uguale o addirittura migliore, possono essere ottenuti in Serbia, nelle nostre istituzioni sanitarie”.

“Inoltre non possiamo permetterci l’istruzione all’estero e l’alloggio in hotel costosi per i genitori durante l’istruzione, quando la stessa istruzione può essere ottenuta nella clinica dei nostri bambini, ad esempio a Tirsova. E lo dovrebbero sapere tutti i serbi, e i genitori del piccolo Gavril lo sanno benissimo, perché vengono raccontati in modo chiaro e inequivocabile”, si leggeva nell’annuncio.

La dichiarazione ha sottolineato che il ministero “non andrà oltre il quadro giuridico, nonostante tutte le pressioni e le svolte dei media”.

“E i soldi per il trattamento del piccolo Jibril sono stati forniti, e non è in discussione un solo momento, così come i sinceri auguri di tutti per il successo nel trattamento del piccolo Jibril”, ha annunciato il ministero della Salute.

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *