Il CAS ha confermato che la staffetta britannica perderà l’argento contro Tokyo dopo il doping di Ujaha

Aggiornare: 18.02.2022 17:15
Rilasciato:

Londra – La Gran Bretagna deve restituire la medaglia d’argento per la staffetta 4×100 metri delle Olimpiadi di Tokyo. La Corte Arbitrale dello Sport (CAS) ha confermato che il suo membro Chijindu Ujaha ha commesso regole antidoping e dovrebbe essere squalificato. Anche i suoi compagni di squadra nazionale Zharnel Hughes, Richard Kilty e Nethaneel Mitchell-Blake mancheranno del metallo prezioso. Il Canada passerà al secondo posto dietro l’Italia vincitrice nei risultati, il bronzo andrà alla squadra cinese.

“Accetto tristemente la decisione odierna della Corte Arbitrale dello Sport. Vorrei chiarire che ho inconsapevolmente consumato un integratore alimentare contaminato e questo è il motivo per cui le regole antidoping sono state violate a Tokyo”, ha detto Ujah in una dichiarazione della Federazione britannica . “Vorrei scusarmi con i miei compagni di squadra, le loro famiglie e tutti i miei colleghi per l’impatto che ha avuto su di loro. Mi dispiace che questa situazione sia costata loro la medaglia per cui hanno lavorato così duramente e che hanno meritato. Il resto vivere per il rimpianto. “, ha aggiunto.

I campioni di Ujah prelevati a Tokyo contenevano le sostanze vietate ostarina e S-23, che sono modulatori selettivi del recettore degli androgeni (SARM) e aiutano a costruire la massa muscolare. Hanno un effetto simile agli steroidi.

Il 27enne velocista è stato sospeso dalle Olimpiadi. Il caso deve continuare ad essere gestito dall’Unità di integrità atletica, che deve decidere su ulteriori sanzioni.

Il velocista nigeriano Okagbare riceve una condanna a 10 anni per doping esteso

Il velocista nigeriano Blessing Okagbare ha ricevuto una condanna disciplinare di dieci anni per molteplici violazioni delle regole antidoping in vista delle Olimpiadi di Tokyo e rifiuto di collaborare con l’Unità di integrità atletica (AIU). Il verdetto è stato annunciato da World Athletics (WA).

La donna africana di 33 anni ha avuto due test positivi per due diverse sostanze vietate la scorsa estate. Oltre all’ormone della crescita rivelato per la prima volta a luglio, che ha portato alla perdita dell’ultimo minuto delle semifinali olimpiche dei 100 metri, l’EPO è stato successivamente trovato in campioni provenienti dalla Nigeria a giugno.

Secondo WA, Okagbare è stato condannato a cinque anni di carcere per l’uso di diverse sostanze proibite. La Commissione Disciplinare dell’AIU gli ha dato l’altra metà della pena per essersi rifiutato di collaborare alla risoluzione del suo caso.

L’AIU ha concluso che Okagbare aveva aderito a un programma antidoping organizzato prima delle Olimpiadi. Ha considerato queste circostanze aggravanti e quindi è ricorso a una condanna a quattro anni più dura del solito. “La condanna a 10 anni è un chiaro segnale di uno sforzo deliberato e coordinato al più alto livello di imbroglione nel nostro sport”, ha affermato il capo dell’AIU Brett Clothier.

Okagbare, che ha vinto l’argento sulla lunga distanza alle Olimpiadi di Pechino 2008, è stato uno dei medagliati dei 100 metri prima di iniziare la sua quarta Olimpiade a Tokyo. Alle Olimpiadi è comunque riuscito a iniziare la rincorsa, ma prima delle semifinali ha ricevuto una notifica di test positivo dal laboratorio e l’AIU ha interrotto immediatamente le sue attività. Ha dovuto correre anche nei 200 e nella staffetta.

British Olympic Athletics Doping Ujah

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.