Il capriccioso Conte torna alla conquista della Premier League

L’ultima partita di campionato tra Tottenham e Manchester United si è effettivamente rivelata come un duello non ufficiale in cui entrambe le squadre si sarebbero avvicinate al loro attuale cambio di allenatore per Antonio Conte. Gli ospiti di Manchester, guidati dal criticato Ole Gunnar Solskjaer, sono arrivati ​​agli Spurs in una formazione che ricorda il copione di Conte e, grazie ai Roosters, sono stati spruzzati 3: 0. L’attenzione si è rivolta al suo compagno – Nuno Espiritu Santa.

Ho bisogno di giocatori pronti a lavorare per la squadra. Onestamente non mi interessa se sono felici.

Antonio Conte, il nuovo allenatore del Tottenham

Per Babbo Natale è stata davvero l’ultima partita da allenatore del Tottenham. Il tecnico portoghese, arrivato sulla panchina degli Spurs dopo appena dieci partite di campionato, ha salutato una serie di cinque vittorie e cinque sconfitte. Giorno dopo giorno, la capitale inglese assume uno dei migliori allenatori del calcio contemporaneo, che ha vinto cinque titoli nelle ultime nove stagioni. Antonio Conte non ha esitato e presto è arrivato nel nord di Londra per affrontare una grande sfida sportiva.

Reputazione di un pedante

Antonio Conte ha avuto molti successi durante la sua carriera di allenatore. Ciò include un totale di sette scudetti, che ha vinto nella sua nativa Italia e in Inghilterra, ha vinto quattro coppe nazionali e diversi prestigiosi premi individuali. Stormtrooper Conte incarna il prototipo di un allenatore che alcune persone amano e odiano.

I successi da allenatore di Antonio Conte

  • 4 × Vincitori Campionato Italiano (2011/12, 2012/13, 2013/14, 2020/21)
  • 1 × Vincitore della Premier League (2016/17)
  • 1 × Vincitore della Coppa d’Inghilterra (2016/17)
  • 2 × Vincitori della Supercoppa Italiana (2012, 2013)
  • 1 × 2° vincitore campionato italiano (2008/09)
  • Partecipazione al Campionato Europeo (2016, quarti di finale)
  • 3 × miglior allenatore dell’anno in Italia (2012, 2013, 2014)
  • 1 × World Football Awards (2013)
  • 1 × miglior allenatore dell’Inghilterra (2016/17)

Conte ha annusato l’atmosfera del calcio isolano tra il 2016 e il 2018. A quel tempo, il Chelsea ha conquistato Londra in condizioni relativamente deboli. Dopo il secondo mandato di José Mourinho, lo Stamford Bridge è rimasto con molti problemi, ma il Conte sistematico è riuscito a trovare una ricetta miracolosamente veloce.

“I giocatori odiano allenarsi a volte. Perché? Perché continua a esercitarsi su di esso. Ma è per questo che sono diventati veri vincitori, proprio come lui. Lo batte con tutti”, John Terry, il leggendario portiere dei Blues, ha ricordato il lavoro di Conte. Conte interrompe regolarmente gli allenamenti per migliorare rapidamente la posizione della sua squadra. Li trasforma in robot organizzati programmati per avere successo. Alla fine, il Chelsea ha portato il Chelsea al titolo di Premier League nella sua stagione inaugurale, che i Blues sono riusciti a raggiungere in una serie di record, registrando 30 vittorie in 38 round.

Non sei felice? Non mi interessa!

“Il mio passato è chiaro. Puoi dire quello che vuoi, ma come giocatore e come allenatore sono sempre stato vincente di fila”, ha detto Conte. Gli strateghi italiani, infatti, incarnano il prototipo di un vincitore nato. Sia che si tenga conto della sua mentalità, dell’ambizione incessante, dell’attenzione ai dettagli e dell’incredibile duro lavoro, il leader Conte è sempre stato duro con se stesso. Se avessimo in laboratorio un campione del DNA di Conte, osserveremmo sicuramente l’unità vincente sulla spirale.

Conte è arrivato in Serie A, la massima competizione calcistica italiana, due squadre: Bari (2008/09) e Siena (2010/11). Il suo successo di allora è stato anche illustrato dal fatto che nessuno dei due è tornato nell’élite domestica dopo la sua partenza.

Nell’estate del 2011, ha rilevato la famosa Juventus, con la quale è riuscito nel suo primo anno. Dopo diversi anni di digiuno a causa di uno scandalo di corruzione nel 2006, che ha provocato un calo amministrativo in un secondo campionato italiano, la Juventus ha finalmente preso un respiro profondo sotto Conte e ha progredito come una squadra imbattuta verso il titolo.

“Ho giocato sotto di lui per cinque anni alla Juventus e due anni in Nazionale. Lo conosco molto da vicino e devo dire che mi ha dato forse gli allenatori più di tutti nella sua carriera calcistica, ma anche nella mia vita. La sua forza è molto forte. utile per il giocatore, e sono felice di perdonargli il punto più debole. Non può spegnere un attimo il calcio. Fa il suo lavoro 24 ore su 24. Ogni settimana”, ha detto Giorgio Chiellini, capitano della la nazionale italiana, elogiando l’approccio di Conte.

Lo stesso Conte ha poi rotto i successivi nove anni di dominio nazionale sulla Juventus lo scorso anno con l’Inter, dove in pochi mesi è riuscito a costruire una delle squadre più forti d’Europa. Quando Conte è arrivato all’Inter nel 2019, l’amministratore delegato nerazzurro Giuseppe Marotta lo ha addirittura definito “il futuro miglior giocatore della squadra”.

La squadra dell’Inter si è seduta 3-5-2, tra l’altro, è riuscito a vincere la Premier League come primo allenatore nell’intera storia della competizione. In una situazione del genere, la collaborazione dei due attaccanti è fondamentale. La coppia di Lautaro Martínez e Romelu Lukaku è diventata subito la paura di tutte le difese del continente. I partner offensivi citati nel sistema di Conte sono maturati in un formato di livello mondiale.

Lo stesso Romelu Lukaku, il più grande acquisto estivo del Chelsea, ha ripetutamente ammesso che senza l’influenza di Conte, non sarebbe l’attaccante d’élite che è oggi. Conte è dotato della capacità unica di lavorare efficacemente con i singoli in modo che possano adattarsi facilmente alla sua strategia migliorandosi volentieri. La squadra dell’Inter ha elencato 17 diversi tiratori nell’ultima stagione di Conte, dimostrando che il suo sistema di solito funziona per l’intera squadra, non solo per alcune delle più grandi stelle che adatterà a tutti i costi.

Allo stesso tempo, Conte sentiva i volti degli invisibili. Se aveva a disposizione giovani laboriosi, non esitava a coinvolgerli in un gruppo con combattenti esperti. Finché i giocatori saranno al completo, prima o poi si guadagneranno il posto nella squadra di Conte.

“I media spesso chiedono se i giocatori sono contenti. Preferisco parlare se i miei giocatori sono pronti a vincere e a dare il massimo. È molto difficile avere sempre 20 giocatori fortunati nello staff, ma non è nemmeno questo il mio obiettivo. La mentalità vincente qui non è per il loro divertimento, ma per il raggiungimento degli obiettivi. Ho bisogno di giocatori pronti a lavorare per la squadra. Non mi interessa davvero se sono felici”, ha detto Conte di recente.

Troppi Galli in un cestino?

A differenza della maggior parte degli allenatori di calcio, Conte è stato esonerato solo una volta nella sua carriera. L’eccentrico Conte è noto per essere irascibile e testardo nelle trattative. Durante la sua carriera di allenatore, di tanto in tanto ci sono state divisioni a vari indirizzi con i giocatori e la dirigenza. Nel caso recente, Conte ha lasciato più spesso il suo club a causa del fatto che il suo datore di lavoro non ha voluto fornirgli le munizioni finanziarie necessarie per il trasferimento.

Daniel Levy, il capo di lunga data del Tottenham, è ampiamente noto per la sua pragmatica strategia aziendale. Con la sua gentilezza, di cui molti fan degli Spurs lo hanno accusato, è sicuro che avrà innumerevoli accese discussioni nel suo confronto con Cont.

Il maniaco del lavoro Conte non si è preso una pausa dal calcio nemmeno durante i suoi diversi mesi di riposo. Un allenatore esperto è ospite fisso della sede italiana dello studio calcio Sky Sport. “Conte era così disperato di tornare al lavoro che ha letteralmente sacrificato le sue stagioni preferite: l’allenamento estivo e la finestra di trasferimento”, osserva James Horncastle, The Athletic di Serie A italiana.

Conte è molto esigente sull’idoneità del suo compenso, ovvero il pavimento, su cui le parate degli Spurs devono lavorare tanto. Ed è questo l’obiettivo principale dell’allenamento estivo, che è per Conte et al. ora in vista. E come ha fatto Conte, allenatore di livello mondiale, ad arrivare all’indirizzo della squadra di North London?

Fabio Paratici, amministratore delegato del Tottenham, ha giocato un ruolo chiave nel corteggiamento. Aveva cercato l’arrivo di Conte in estate, ma alcuni ostacoli hanno finito per ritardare solo di qualche mese l’intera operazione. A proposito, l’ambizioso Paratici è stato colui che ha portato a sorpresa Cristian Ronald alla Juventus nell’estate del 2018. Dalla loro precedente partnership sulla penisola appenninica, i due si conoscevano da vicino, il che ha sicuramente aiutato la decisione di Conte.

“Siamo molto lieti di accogliere Antonia nel club. La storia dei trofei di Italia e Inghilterra parla da sé. La conosco personalmente lavorando alla Juventus, quindi so cosa può portare tutto il lavoro per il club”, ha commentato il suo spostare. paratis.

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *