Il capitano è stato condannato a un anno di carcere per aver consegnato i profughi soccorsi alla Guardia costiera libica

La sentenza di mercoledì, riportata giovedì dall’Ap e non ancora definitiva, è la prima del genere in Italia. È stato particolarmente apprezzato dalle organizzazioni per i diritti umani, che da tempo criticano il ritorno dei migranti in Libia, dove affermano di rischiare un trattamento disumano nei centri di detenzione.

Asso Ventotto, il cui capitano Giuseppe Sotgiu è stato sospeso mercoledì a Napoli, opera come sostenitore di una piattaforma petrolifera nel Mediterraneo vicino a Tripoli. È gestito congiuntamente dalla società italiana ENI e dalla Libyan National Oil Company (NOC).

Alla fine di luglio 2018, il capitano della nave ha registrato una chiamata della Guardia costiera libica per aiutare i migranti sulla nave a tornare vicino alla piattaforma. Il capitano e il suo equipaggio hanno soccorso un centinaio di profughi e poi li hanno consegnati alla Guardia costiera libica.

Secondo l’avvocato del capitano, i migranti che non protestavano sono stati consegnati ai libici, che li hanno poi portati al porto più vicino (Tripoli). Tuttavia, il ricorrente ha affermato che l’equipaggio della nave italiana non era a conoscenza dei rifugiati (cinque donne incinte) e non ha chiesto se volessero richiedere asilo. Il capitano Sotgiu è stato condannato a un anno di carcere per “aver lasciato un minore e vulnerabile”.

Già nel 2012, lo stato italiano ha perso una controversia con la Corte europea dei diritti dell’uomo a Strasburgo per il fatto che la sua guardia costiera ha consegnato i migranti detenuti in mare alle autorità libiche nel 2009, afferma l’AP. Secondo il tribunale, l’Italia aveva violato diversi articoli della Convenzione europea dei diritti dell’uomo a causa di maltrattamenti nei centri di detenzione libici.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.