Il capitano Dragan ha interpretato solo il ruolo che Vučić gli ha dato nella realtà

Il presidente del Nuovo Partito, Aris Movsesian, ha invitato oggi i cittadini a partecipare a una passeggiata in memoria di Zoran Djindjic, da Kalemegdan, via Knez Mihailova fino al luogo in cui è stato ucciso il Primo Ministro. Ha anche chiesto loro di portare un fiore per Djindjic e in questo modo ha risposto con dignità alla petizione per la liberazione di Zvezdan Jovanovic, condannato per l’omicidio del Primo Ministro.

La Captain Dragan Foundation ha organizzato la firma di una petizione per il rilascio di Zvezdan Jovanovic, condannato per l’assassinio del primo ministro Zoran Djindjic, nel centro di Belgrado, vicino al ristorante dello zar russo.

La petizione è discutibile per migliaia di motivi, ha detto Movsesian a H1 e ha ricordato che Jovanovic è stato condannato per l’omicidio di Djindjic, che ha ammesso di aver sparato al primo ministro e che diversi testimoni sono stati uccisi durante la procedura.

Il presidente del Nuovo Partito ha ritenuto che la petizione fosse in realtà un “gioco senza senso in cui (il presidente serbo Aleksandar) Vucic cerca di distrarre da quella che è una questione cruciale serba, e che ci stiamo lentamente avvicinando a elezioni che non dureranno a lungo democraticamente, come quella accaduto.”

“Questo è uno dei reality show più comuni in cui il ‘Capitano Dragan’ interpreta il ruolo assegnatogli”, ha detto.

Movsesian avverte che la revisione della storia va avanti da dieci anni, perché Vučić, come dice lui, non può tornare indietro nel tempo in cui era un radicale e gridava “cento per uno”, ed è per questo che relativizza costantemente il passato.

Ha anche detto che molti residenti erano indignati dalla petizione, ma ha chiesto loro di non cadere preda di provocazioni, ma di attraversare il centro della città fino al punto in cui Djindjic è stato ucciso oggi alle 17:00 e di “consegnare i fiori all’uomo”. che è morto per la Serbia”.

Movsesian ha espresso la speranza che l’agenzia competente reagisca, ma dubitava che qualcuno del governo avrebbe parlato, poiché credeva che “si aspettano un segnale dal grande capo su cosa farà, cosa dirà”.

Ecco perché ha chiesto a Vučić di uscire e dire la sua posizione, e di non spingere Aleksandar Vulin o Dragan Ormaz.

Vučić sa che non va bene, ma lo fa apposta, perché è populista e divide la società in loro e in noi, conclude Movsesijan.

Guarda l’apparizione completa dell’ospite all’evento N1 Studio Live:

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.