Il caos a Palermo nelle elezioni comunali

Lunghe code per votare al seggio elettorale di Palermo (Italia). / EFE

Cinquanta seggi elettorali aperte in ritardo nel capoluogo siciliano hanno offuscato l’appuntamento con le elezioni svoltesi in quasi 1.000 città italiane

Dario MINORE Corrispondente a Roma

Il caos vissuto a Palermo, dove cinquanta seggi elettorali sono stati aperti con otto ore di ritardo perché il loro presidente di ufficio non si è fatto vivo, ha segnato questa domenica le elezioni comunali che si terranno in quasi 1.000 città italiane.

Circa nove milioni di persone sono state chiamate alle urne in questa manifestazione elettorale, i cui risultati non saranno noti fino a lunedì, quando lo spoglio inizierà alle 14, poiché è data la preferenza al riconteggio delle schede elettorali per un referendum sulla riforma giudiziaria. che si celebra contemporaneamente in tutto il paese. Le consultazioni sembravano destinate a fallire perché alle 19:00, quando mancavano solo quattro ore alla chiusura del seggio elettorale, solo l’11,45% aveva votato, una cifra lontana dal 50% minimo richiesto per raggiungere il quorum.

“Anche nel quarto mondo queste cose non accadono. Questo è grave per le elezioni comunali e per un referendum. Era qualcosa che non si vedeva nemmeno nelle elezioni presidenziali della vicina comunità. Hanno rubato voti a migliaia di persone. Con queste parole il leader leghista, Matteo Salvini, ha reagito a quanto accaduto a Palermo, dove ci si aspettava il caos per le difficoltà del giorno prima per formare i seggi.

Nonostante Salvini e altri politici abbiano chiesto di estendere l’apertura delle urne a lunedì mattina, il Viminale ha fatto poche concessioni: gli elettori che si trovavano ai seggi alle 23 hanno potuto votare nonostante le procedure burocratiche causassero rispettosi ritardi. al momento in cui era originariamente prevista la chiusura.

“Questa mattina ho voluto esercitare il mio diritto di voto, ma è stato impossibile perché quando sono arrivato in sede elettorale mi hanno detto che il tavolo con cui ero in corrispondenza era chiuso perché mancava il presidente. Così sono andato a lavorare. Mi è stato negato il diritto di voto e lo prendo molto sul serio”, ha detto la siciliana Paola Maranzano in una nota all’agenzia Adnkronos. Questa situazione ha comportato la denuncia all’Autorità giudiziaria dei presidenti assenti, in quanto la legge consente loro di assentarsi solo per “gravi motivi”.

Il ritardo non si annulla

Nonostante le voci convincenti che questo pasticcio potrebbe ribaltare i risultati elettorali, gli esperti garantiscono che non è così. “C’è una riduzione della durata del voto, ma ciò non giustifica la richiesta di cancellazione. Il ritardo non implica invalidità. Anche l’apertura della sede elettorale non può essere prorogata, in quanto ciò richiederebbe una legislazione deliberata”, spiega Guido Corso, professore emerito di diritto amministrativo all’Università di Roma 3.

Il rinvio dell’apertura delle urne a Palermo è arrivato dopo che la città, uno dei quattro capoluoghi di regione in gioco nel comune insieme a Genova, L’Aquila e Catanzaro, è stata protagonista in campagna elettorale anche per gli arresti di alcuni anni fa di due consiglieri su lista conservatrice Roberto Lagalla. Sono accusati di sollecitare sostegno per l’elezione di un boss mafioso del clan di Cosa Nostra, la mafia siciliana.

In una conversazione telefonica intercettata dalla Polizia, uno degli arrestati, di nome Pietro Polizzi e membro di Forza Italia, il partito di Silvio Berlusconi, ha detto a un boss mafioso: “Se io sono forte, sei forte anche tu”. Berlusconi ha criticato questi arresti e li ha visti come un tentativo di ledere gli interessi del suo potere politico: «Possono essere arrestati due giorni dopo le elezioni. Questa è sempre stata una storia di giustizia politicizzata, che non è ancora morta».

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.