I piloti di Formula E si stanno appena abituando alle auto elettriche. Giovinazzi spiega come guidare la F1 sotto la pioggia

I fan della serie di Formula 1 hanno sicuramente sentito la notizia che il pilota italiano Antonio Giovinazzi cambierà lavoro dalla prossima stagione. Scambierà il box della F1 con quello che è diventato il punto di partenza delle vetture elettriche in Formula E. L’ex pilota dell’Alfa Romeo si sta già preparando per la prima gara, ma non ha ancora sperimentato appieno la vettura.

Non molto tempo fa si è concluso l’anno entusiasmante della Formula 1. La corsa al titolo e le grandi battaglie combattute da Lewis Hamilton e Max Verstappen saranno ricordate a lungo, ma per il futuro c’è già molto da fare. Forse Antonio Giovinazzi lascerà la società d’élite.

L’ex collaudatore Sauber, Haas e uno dei due piloti Alfa Romeo del 2019 dovranno passare alla Formula E. Anche se sarà ancora legato alla F1 in sostituzione della Ferrari, si concentrerà sulle auto elettriche.

mi devo abituare, rapporto

Borec, che dalla stagione 2022 sarà sostituito in Alfa dal primo pilota cinese nella storia della Formula 1, Kuan/Yu Zhou, è pronto a partire. Il nuovo anno della Formula E inizierà a fine gennaio ad Arab Diriyah, ma prima Giovinazzi farà un test a Valencia.

Sapeva già cosa stavano cercando. La Formula E utilizza le cosiddette auto di seconda generazione in pista, e la prossima stagione sarà la terza. Il problema è che l’Italia ha esperienza con i primi a dire addio alla serie. Cosa c’è di nuovo?

“Devi frenare molto dolcemente, non hai così tanto grip o carico aerodinamico e non puoi curvare a quella velocità. Era quasi come guidare una F1 su strade bagnate. Non mi sento ancora al 100% sicuro della macchina”. disse Giovinazzi.

“Spero che non sarà facile, ma è una cosa che mi piace quando devo fare il miglior lavoro possibile con la squadra e la macchina in pochi giorni”. continuò il nuovo cavaliere dalla gabbia Dragon Penske. Lui stesso pensava che all’inizio sarebbe stato difficile. Ma poi è entrato gradualmente in tutto.

“Purtroppo ho finito la macchina solo due giorni prima della prima gara, quindi sarà una sfida. La prima parte della stagione, soprattutto le prime gare, mi preoccuperò rispetto alle altre. Ma ho la motivazione per migliorare e ottenere buoni risultati a fine stagione. Questa è una nuova sfida per me e sono molto motivato per questo”. aggiunto da Ital.

L’ottava stagione della Formula E prende il via il 20 gennaio in Arabia Saudita. Inoltre, viaggerà in Messico, Italia, Monte Carlo, Germania, Indonesia, Canada, Stati Uniti, Regno Unito e Corea del Sud.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.