I limiti alla fecondazione in vitro sono stati spostati, la professione avverte i genitori di non aspettare

La presidente dell’associazione Chance for Parenthood, Sandra Jovanovic, ha affermato che spostare il limite di età per la fecondazione in vitro da 43 a 45 anni non dovrebbe creare nelle coppie la sensazione di avere ancora tempo, ma che dovrebbero iniziare ad affrontare il problema. prole nel tempo.

Come ospite in TV Nova S, ha confermato le accuse di RHIF secondo cui c’è una probabilità molto inferiore di rimanere incinta per auto-riproduzione dopo 42 anni di vita di una donna.

Secondo lui, sebbene la donazione di cellule riproduttive sia un argomento tabù in Serbia, sempre più coppie stanno prendendo la decisione.

Tuttavia, le donazioni sono principalmente l’ultima risorsa che raggiungono.

Nonostante il fatto che la Serbia abbia una banca di cellule riproduttive dal 2018, ma non funziona, perché non ci sono cellule, e affinché la banca di cellule prenda vita, è necessario parlarne ulteriormente, ha affermato Jovanovi.

Ha osservato, questo non dovrebbe essere a livello di altruismo, ma dovrebbe essere dato un compenso alle donatrici, perché le donne devono affrontare l’intero processo, che include l’aspetto medico, ma anche il dispendio di tempo ed energie.

Sandra Jovanovi consiglia alle coppie di chiamare prima il Centro di fecondazione in vitro al numero verde nazionale 0800 333030 tutti i giorni feriali dalle 9:00 alle 20:00, per avere istruzioni molto dettagliate su quanto devono raccogliere per passare la Commissione.

Tag


Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.