I falchi della BCE approvano il prossimo aumento dei tassi in attesa di grandi cifre sull’inflazione

Esso Aquila Hanno guidato la Banca centrale europea (BCE) da quando l’inflazione elevata si è confermata come la nuova “normalità” e non come un fenomeno temporaneo. Negli ultimi due incontri la decisione finale è stata a favore dei ‘raptors’ che hanno mantenuto una politica monetaria più restrittiva (tassi di interesse elevati e minore liquidità), contraria colombache ha sostenuto una velocità di salita più rilassata e comunque non ha voluto ascoltare inasprimento quantitativo o perdita di equilibrio. La riunione di ottobre sembra destinata a seguire uno schema simile. A parte una sorpresa con i dati CPI, che dovrebbero essere pubblicati questo venerdì nell’Eurozona, il prossimo rialzo dei tassi sembra prendere forma.

Gedimina Simkus (Aquila Baltico), Governatore della Banca di Lituania, questa mattina ha insistito sulla necessità di attuare un forte rialzo dei tassi in ottobre. Come gli altri Aquila ha convinto che 50 punti base (lascerebbe il tasso di deposito all’1,25%) è il minimo, 75 punti base o bp (lascerebbe il tasso di interesse all’1,5%) è l’ideale e 100 bp potrebbero essere troppi. Inoltre, i lituani hanno chiesto di aprire i meloni inasprimento quantitativo quanto prima, assicurandosi di non vedere il rischio di frammentazione nell’Eurozona. | Questo è il modo in cui le mosse e le decisioni vengono decise all’interno della BCE.

Altro Aquila Il Baltico che ha parlato questa mattina lo era madis mullerGovernatore della Banca d’Estonia e anche Membro del Consiglio direttivo della BCE. Muller ha commentato questa mattina che “l’inflazione attuale richiede un aumento significativo dei tassi, qualcosa di simile agli ultimi due aumenti è appropriato, anche se è troppo presto per dire di quanti punti dovrebbero salire i soldi”.

Pietro Kasimir (Aquila balcanico), il governatore della Banca nazionale slovena e membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE), ha difeso mercoledì il grande aumento dei tassi di interesse nella zona euro per combattere l’inflazione. Kazimir, uno dei falchi balcanici, ha chiesto “di essere spietato con gli aumenti dei tassi”. L’economista ha espresso ancora una volta preoccupazione per l’alto tasso di inflazione e ha invitato la banca centrale a essere più dura.

Secondo, Robert Holzman (Aquila Europa centrale)Il governatore della Banca d’Austria, mercoledì, ha affermato che 75 punti base sono un buon numero per il prossimo rialzo dei tassi della BCE, pur riconoscendo che 100 punti base sarebbero troppicontesa insolita tra i banchieri ala dura dell’organizzazione monetaria.

L’Austria ha invece assicurato che sul tavolo c’è il superamento della soglia di un tasso di interesse neutro (tasso coerente con la piena occupazione e l’inflazione al 2%). Ammetterà che la BCE supererà il 2% con il prossimo rialzo dei tassi. Holzmann ha anche riconosciuto i colloqui per l’avvio inasprimento quantitativo (QT), che provocherebbe un calo del bilancio della banca centrale e eserciterebbe pressioni al rialzo sui rendimenti obbligazionari.

Christine Lagarde, Presidente della BCE e si definisce gufo (un misto di colomba e Aquila), ha mantenuto la stessa distanza, anche se ora sembra essere più vicino ai rapaci. Questo mercoledì, la Francia ha sottolineato che “abbiamo aumentato i tassi di interesse di 125 punti base e ci saranno altri aumenti nella prossima riunione”. Lagarde ha anche sottolineato la necessità di raggiungere un livello neutrale per valutare le decisioni imminenti.

Affare per un aumento di 75 punti base?

Da Unicredit credono che tutte queste affermazioni lo siano una sorta di patto tra i membri più severi del Consiglio direttivo della BCE per spingere per un guadagno di 75 punti base alla prossima riunione. “I mercati monetari riflettono ancora l’opinione che la BCE aumenterà il tasso sui depositi al 3% nel 2023. Diversi membri del Consiglio direttivo hanno indicato di preferire continuare con l’aumento del tasso di 75 pb nella prossima riunione. Allo stesso tempo, altri membri hanno sottolineato in negli ultimi giorni che i tassi di interesse neutri possono essere il primo punto di approdo nel processo di rialzo dei tassi di interesse, anche se ammettono che i tassi di interesse non possono essere determinati con chiarezza”.

Il tasso di interesse neutro è coerente con la piena occupazione e la stabilità dei prezzi (inflazione media del 2%). In altre parole, i tassi di interesse sono ciò di cui l’economia ha bisogno in ogni momento per raggiungere la stabilità e una crescita sostenibile. Questo tasso di interesse non è osservabile, può essere calcolato solo tenendo conto di vari fattori di lungo periodo (demografia, produttività…) e momenti del ciclo economico. Luis de Guindos, vicepresidente della BCEdeciso stamattina Questo concetto è il seguente: “Il tasso neutro è il tasso di interesse al quale la politica monetaria non è né accomodante né restrittiva e al quale l’economia opera al suo potenziale prodotto”.

In quella zona euro stima che ora tra l’1,5 e il 2%, quindi la BCE deve aumentare rapidamente i tassi di interesse fino a quando il tasso di deposito (il tasso di interesse più importante gestito dalla BCE) non raggiunge quella zona. Attualmente, il tasso di deposito è allo 0,75%, quindi un aumento di 75 punti in più porterà il livello molto vicino al livello neutro. Una volta raggiunta tale area, la BCE dovrà analizzare se è necessario includere la cosiddetta politica monetaria restrittiva.

Unicredit ha evidenziato che “le recenti dichiarazioni di quasi tutti i membri suggeriscono che la Bce intende raggiungere livelli neutri il prima possibile, ma c’è poca fiducia sul fatto che i tassi sui depositi debbano essere aumentati in profondità in un territorio limitato… I dati sull’inflazione di oggi, insieme a circa 15 apparizioni dei rappresentanti della BCE, è probabile che rafforzi le aspettative di un previsto rialzo dei tassi e quindi possa fungere da fattore scatenante ripresa del processo di smoothing della curva“, sostiene l’esperto di banca italiana.

Anche se non è stato ancora raggiunto il limite massimo (l’inflazione di venerdì è sparita), gli analisti di ING vedono anche un rialzo dei tassi identico a quello visto a settembre che si avvicina, almeno per cercare di contenere l'”emorragia” dell’euro: “La Banca centrale europea (BCE) parla ad alta voce e probabilmente farà un aumento di 75 punti base nella riunione del 27 ottobre. Tuttavia, dubitiamo che ciò fornirà molto supporto all’euro”.

commento1Che cos’èFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedIncollegato

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."