Hyundai lancia i20 Rally1

La nuova i20 N Rally1 cerca di combinare il suo ritorno ai vertici del campionato ufficiale vincendo il suo primo titolo piloti.

Hyundai è diventata la prima fabbrica del Campionato del mondo di rally a presentare la sua auto ibrida da rally, la Hyundai i20 N Rally1, per la nuova stagione a partire dal WRC.

QUELLO Squadra Alcenau, che è stato l’ultimo a iniziare a progettare e sviluppare Rally1 per il prossimo anno ma il primo a presentarlo, ha chiarito che con la nuova i20 N Rally1, il suo unico obiettivo era tornare al vertice del campionato ufficiale e vincere la sua primo campionato piloti.

La nuova vettura da rally della casa coreana, che conserva gli stessi colori con alcune piccole modifiche, sarà guidata in tutte le gare del WRC 2022 – a partire dal Rally di Monte Carlo del 20-23 gennaio – da Ot Tanak e Thierry Neville.

La terza vettura del team ospiterà principalmente l’emergente Oliver Solberg, figlio dell’ex campione del mondo Peter, che inizierà con le prime tre gare dell’anno a Monte Carlo, Svezia e Croazia. In un rally in cui lo svedese non gareggerà, l’esperto Danny Sordo farà la lista.

Dalla decisione del management dell’azienda in Corea la scorsa primavera di mantenere Hyundai nel WRC per il 9° anno consecutivo (e almeno fino alla fine del 2024), la squadra corse ha condotto feroci gare su strada per un’ampia progettazione e sviluppo. prova auto nuova.

Poiché l’aggiunta di un motore elettrico e di un sistema ibrido ha costretto Hyundai, M-Sport Ford e Toyota a progettare le loro nuove auto in bianco, Hyundai ha iniziato a testare le specifiche finali della nuova i20 N Rally1 a fine novembre.

Nuova parte posteriore della Hyundai i20 N Rally1

Nuova parte posteriore della Hyundai i20 N Rally1

Tuttavia, pochi giorni prima aveva completato con successo una simulazione dell’intera gara con un prototipo di prova ad ottobre nel nord Italia, e i suoi progressi sono stati tali che i piloti hanno parlato con calore della loro prima esperienza e dell’evoluzione della vettura. .

L’unico momento sfortunato è stato l’incidente di Neville a novembre, che ha ferito il suo copilota Martin Wydaeghe. Quest’ultimo ha rotto la serratura, ma dovrebbe essersi ripreso presto a Monte Carlo.

Tuttavia, Hyundai deve ancora vedere le conseguenze della partenza (per motivi personali) del direttore del team, Andrea Andamo, e del passaggio a un successore italiano, che deve ancora essere nominato.

L’attuale direttore delle corse è il presidente di Hyundai Motorsport Scott Noh, che ha sottolineato: “Siamo entusiasti di far parte di questa nuova era del WRC. La stagione 2022 porterà le cose al livello successivo ed è importante per Hyundai connettersi con la tecnologia delle auto di produzione. Siamo ottimisti sul fatto di avere le specifiche per rivendicare il nostro terzo Campionato Mondiale Costruttori e per supportare il nostro equipaggio nella corsa al titolo piloti e copiloti.“.

Thierry Neville e Ott Tanak hanno entrambi chiarito di voler vincere il campionato piloti, che non includerà più Sebastian Ozier, poiché il francese ha deciso di fare solo alcune gare con la Toyota nel 2022.

Il belga, finora vincitore di 15 match WRC, ha sottolineato: “Il nostro obiettivo rimane lo stesso, come squadra vogliamo riconquistare il titolo costruttori e il titolo piloti è sempre stato uno dei miei obiettivi personali. Amo sempre le nuove avventure e in questa nuova era tutti vogliono mostrare la loro velocità, ma anche la credibilità giocherà un ruolo importante. Ad ogni prova ci sentiamo sempre più a nostro agio in macchina“.

Ott Tanak, rispettivamente, ha conquistato il suo secondo campionato piloti, dopo il titolo 2019 vinto con la Toyota: “L’obiettivo di quest’anno è facile: vincere. Senza dubbio, ci abbiamo provato [το χειμώνα]. La chiave per quest’anno è l’affidabilità. Dobbiamo finire la gara e raccogliere quanti più dati possibili. Sarà importante anche la mappatura precisa del sistema ibrido. Abbiamo molto da imparare, ma vogliamo vincere un altro campionato e lotteremo duramente per questo“, disse l’estone.

Ricordiamo che nella nuova vettura Rally1 del 2022, che va a sostituire le WRCar, rimane lo stesso motore termico 1.6 Turbo, ma questa volta il pilota avrà a disposizione un motore elettrico da 100 kW dal sistema ibrido. Quest’ultimo utilizzerà l’energia immagazzinata nella batteria durante la frenata, dando al guidatore una potenza extra in determinati punti di un percorso specifico.

La batteria aggiunge 70 libbre in più all’auto, mentre le nuove normative riducono l’efficienza aerodinamica del 15%, eliminano le complesse differenze di gamma media e limitano la corsa delle sospensioni. Inoltre, il nuovo Rally1 ha uno standard di sicurezza molto più elevato, con una nuova griglia più resistente.

Dopo il lancio della Hyundai i20 N Rally1 oggi, il team farà gli ultimi preparativi per il Rally di Monte Carlo di questa settimana in Francia. Si prevede che altre due squadre, M-Sport Ford e Toyota, presenteranno il loro Rally1 sabato prossimo (15/1) all’evento WRC per inaugurare una nuova stagione sportiva.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.