Hindley vestito di rosa nella penultima tappa di Gira, Hirt resta sesto

Aggiornare: 28/05/2022 17:36
Rilasciato:

Passo di Fedaia (Italia) – Il ciclista australiano Jai Hindley nell’ultima tappa delle montagne della Gira d’Italia ha tolto la maglia del leader ecuadoriano Richard Carapaz dalla maglia rosa e si prepara all’ultima cronometro di domenica con 1:25 minuti di vantaggio. Jan Hirt ha concluso la 20a tappa con una lunghezza di 168 km al quattordicesimo ed è rimasto sesto. Dopo le qualifiche, il pilota italiano Alessandro Covi ha esultato per la vittoria.

Il ventiseienne Hindley ha scosso il Carapaze con l’aiuto del suo compagno di squadra Bora-Hansgroh, Lennard Kämna, circa due chilometri prima di concludere l’ardua salita al Passo di Fedaia. Il vincitore di Gira 2019 e campione olimpico di Tokyo Carapaz, che aveva tre secondi di vantaggio, non ha risposto all’attacco contro l’Australia e ha perso un minuto e mezzo.

“Sapevo che questa sarebbe stata una tappa fondamentale in una gara con un finale brutale. È chiaro che se hai le gambe, puoi decidere lì. Siamo stati pazienti fino ad oggi e non credo che avremmo potuto gestire meglio i tempi. Quando ho sentito che Carapaz era dietro, “Ci ho messo tutto”, ha detto Hindley, che potrebbe diventare il primo vincitore di Gira in Australia.

Hirt ha scalato a lungo la montagna più alta delle Dolomiti della Marmolada guidando con i migliori e non li ha trattenuti fino all’ultima accelerazione. Ha raggiunto il traguardo mezzo minuto dietro Carapaz e ha lasciato Vincenzo Nibali quarto d’Italia e Pell Bilbao quinto. Ha perso 12 secondi contro lo spagnolo prima della cronometro di Verona e, se lo supera, eguaglia il miglior risultato del ceco al Giro, ottenuto da Roman Kreuziger nel 2011. Tuttavia, Bilbao è una rivista del tempo migliore sulla carta rispetto a i cechi invecchiarono 31 anni.

“Non credo di poter ancora saltare al quinto posto. Entrambi (Bilbao e Nibali) sono stati più bravi di me nella cronometro. Non vedo più cambiamenti del genere. Ma ho colpito Buchmann, non avrei dovuto perdere sesto. posto”, ha detto Hirt al server. iSport.cz. Aveva 2:11 minuti di vantaggio sul settimo tedesco Emanuel Buchmann.

Gira ha gestito una salita difficile alla fine della sua vita, dove ha vinto la 16a tappa e la terza giornata il giorno successivo, senza grandi crisi. “Ho guidato a un ritmo relativamente piacevole, quindi non mi ha fatto troppo male, perché sentivo che non era la quinta vittoria o tappa. L’ho guidata in modo che il dolore non fosse brutale, ma allo stesso tempo non l’ho fatto fallo. Ho perso molto tempo nella cronometro”, ha detto Hirt inseguito dai tifosi con la bandiera ceca. “Mamma, papà, fratello e alcuni amici sono qui. Ma ho appena visto mio padre da qualche parte in mezzo alla collina”, ha detto un membro del team Intermarché-Wanty-Gobert, che finora è stato il dodicesimo migliore al suo debutto al Giro 2017 .

Il ventitreenne Covi ha ottenuto la più grande vittoria della sua carriera con 32 secondi di vantaggio sullo sloveno Domen Novak. Hindley è arrivato sesto con un margine di 2:30 e si ritrova nella stessa situazione di due anni fa. A quel tempo vinse anche la maglia rosa nella penultima tappa, ma l’inglese Tao Geoghegan Hart gli costò il campionato assoluto nell’ultima cronometro di Milano.

Tuttavia, nel 2020, prima della cronometro, i due migliori piloti avevano lo stesso tempo sul giro, ora Hindley guida in modo relativamente sicuro. Tutti e tre gli spagnoli Mikel Landa avevano già perso il minuto 1:51. “Vedremo come andrà domani. È sempre difficile prevedere come andrà a finire la cronometro”, ha detto Hindley.

La trasferta di domenica contro il cronometro a Verona misura 17,4 km e circa a metà percorso sono i quattro chilometri di salita di quarta categoria.

Giro d’Italia cicloturistico – 20° tappa (Belluno – Marmolada, 167 km):

1. Covi (It./SAE Team Emirates) 4:46:34, 2. Novak (Slovenia./Bahrain Victorious) -32 3. Ciccone (It./Trek-Segafredo) -37, 4. Pedrero (Sp. / Movistar) -1:36 5. Arensman (Niz./DSM) -1:50, 6. Hindley (Austr./Bora-hansgrohe) -2:30, 7. Leemreize (Niz./Jumbo-Visma) -3: 04, 8. Carthy (Brit./EF Education-EasyPost), 9. Landa (Sp. / Bahrain Victorious) entrambi -3:19, 10. Kämna (Germania / Bora-hansgrohe) -3:39, … 14 . Colpo (CZ / Intermarché-Wanty-Gobert) -4:25.

Ordine di esecuzione:

1. Hindley 86:07:19, 2. Carapaz (Eq./Ineos Grenadiers) -1:25, 3. Landa -1:51, 4. Nibali (It./Astana) -7:57, 5. Bilbao ( Sp./Bahrain Win) -8:55, 6. Colpo -9:07, 7. Buchmann (Germania / Bora-Hansgrohe) -11:18, 8. Pozzovivo (It./Intermarché-Wanty-Gobert) -16:04, 9. López (Šp. / Trek-Segafredo) – 17:29, 10. Carthy -17:56.

Giro in bicicletta su strada

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.