Hanno intentato una causa contro i consulenti di Puigdemont per gli affari con la Russia

Il giudice del “caso Volhov” lo ha escluso caso aperto per Josep Lluís Alay, capo dell’ufficio dell’ex presidente Carles Puigdemont, per a commercio di petrolio tra compagnie russe e cinesi sospettato di ospitare finanziamenti illegali, non ha trovato prove “forti” che si tratti di un crimine.

In macchina, il capo del tribunale di istruzione numero 1 di Barcellona ha accettato la sospensione temporanea delle indagini aperte per Alay, anche se ha avvertito che è possibile utilizzare altri dati “dall’aspetto criminale” trovati sul telefono in un’altra sezione separata del caso.

L’indagine si è concentrata sulle transazioni di vendita di petrolio relative an Alay e l’uomo d’affari russo Alexander DmitrenkoIl collegamento di Puigdemont a Mosca a cui è stata negata la cittadinanza spagnola dal ministero della Giustizia a causa dei suoi presunti legami con i servizi di intelligence russi.

La causa deriva da un rapporto della Guardia Civile che mostra che l’operazione – che Alay e Dmitrenko hanno commentato in una conversazione telefonica intercettata – è stata resa possibile da persone legate a uomini d’affari russi e che Artem Lukoyanov, il figlio adottivo di Vlasilav Shurkov, era soprannominato il ” cardinale grigio”, a Ex influente consigliere personale del presidente russo Vladimir Putin.

Il giudice sospettava che questa operazione fosse simile ad altre operazioni effettuate dalla Russia per società legate a politici italiani Matteo Salvini incaricato di finanziare illegalmente la Lega Nord.

Tuttavia, il giudice ha ora deciso di archiviare il caso in quanto non ha trovato “prove evidenti che consentano di stimare prove di criminalità” nell’operazione di vendita, nonostante la “mancanza di buon senso”.

“Non è nemmeno possibile determinare se la transazione di vendita e acquisto sia effettivamente avvenuta, anche se potrebbe. Sembra vero che sia stato inviato un acconto di circa 300.000 euro“, ha aggiunto il giudice.

L’ordinanza prevede che il fascicolo riguardi solo le operazioni di vendita, per cui qualsiasi altra informazione “a carattere penale” che compare nel caso può essere utilizzata in un’altra sezione separata, come la menzione di 300.000 euro che ha dovuto gestire Gerard Figueres -incriminato anche nel “caso Volhov”- tramite Consell Catal de l’Esport.

L’ufficio del procuratore anticorruzione si è opposto all’apertura di questa linea di indagine e ha presentato ricorso al tribunale di Barcellona, ​​che sostiene un’indagine sulla vendita di petrolio davanti al tribunale. sospetto che possa trattarsi di uno “schermo di finanziamento illegale”.

L’indizio che ha permesso l’apertura dell’inchiesta viene da una conversazione intervenuta in cui Dmitrenko – che ricopre la carica ufficiosa di “ambasciatore” della Camera di commercio di Barcellona in Russia – si è congratulato con Alay per l’operazione di vendita del petrolio.

“Saluti a tutti”, “congratulazioni a tutti noi” e “il primo grande passo che si sta facendo” sono stati i messaggi inviati nel luglio 2020 dall’imprenditore ad Alay, che ha risposto: “molto importante” e “parlerò direttamente con il presidente sulla Camera e sull’energia”.

Come ha spiegato Dmitrenko quando ha testimoniato davanti a un giudicez, il motivo di questo trambusto è perché considerano l’operazione “importante” per la Catalogna nel campo degli affariconsiderando che il porto principale è in questa comunità, che può essere un punto di ingresso del gas.

Uomo d’affari russo, che lo riconosce addebiterà una commissione per la sua intercessione in tale operazione Anche se alla fine non ha funzionato, sostiene di celebrare l’operazione con Alay perché pensa che se gli andrà bene, sarà un bene per la Catalogna, poiché pagherà le tasse adeguate.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.