Ha combattuto i giovani cannoni. La generazione affamata rompe il ghiaccio, una nuova era è in vista

E quelle eccezioni sono il meglio del meglio. Era come se i novellini avessero esaurito il magico elisir di giovinezza che ha portato l’immortalità e la forza sovrumana, e al loro posto fosse venuta una violenta coscienza. Abbattere il gigante del tennis dalla prima linea sembra più un’impresa sovrumana.

Generazioni di giovani (finora) stanno imparando. Tuttavia, Lehečka, Forejtek o Macháč sono una promessa

Ma nel tempo, il numero dei membri della generazione “imbattuta” ha iniziato a diminuire in modo significativo, finché dopo l’infortunio di Roger Federer di nuovo, è sceso al secondo posto. Basta dare un’occhiata alla top ten del mondo e avrai un quadro chiaro della realtà. A parte il serbo dominante Novak Djokovic e il giovane Rafael Nadal, non troverai un giocatore sopra i venticinque nella lista.

Giovinezza appassionata o leggenda immortale?

E i luoghi stellari di quel tempo iniziarono ad attendere giovani scoperte. Hungry Predators ha iniziato la grande caccia al titolo del Grande Slam. Le basi sono state gettate a New York, dove l’austriaco Dominic Thiem ha vinto l’anno prima, e l’anno scorso il tennista russo Daniil Medvedev ha spinto Djokovic qui per cambiare.

Lo spagnolo Rafael Nadal

Lacrime, urla e sete. Come lo zio dittatore ha “fatto” il genio del tennis da sua madre

Tuttavia, quando tutti i conigli sono stati contati alla fine della caccia, si è scoperto che non si trattava dell’ambito colpo generazionale. Un altro grande slam nel 2021 è chiaramente di proprietà del tennista serbo, che garantisce solo un enorme vantaggio sui giovani emergenti. Tanto di cappello, ma non un po’ troppo?

Novak Djokovic con il trofeoL’anno scorso, Novak Djokovic ha dominato il torneo di Melbourne con il controllo assoluto.Fonte: CTK / AP / Mark Dadswell

Questo è molto difficile per gli stessi fan del tennis. Da un lato, vedere un ragazzo battere il suo modello di vita per tutta la vita è sempre un’esperienza molto potente, ma se lanciamo la moneta, nessuno vuole la fine di nomi leggendari come Djokovic, Federer o Nadal. Dopotutto, in questo momento non c’è nient’altro da guardare che la loro lotta per il 21° titolo del Grande Slam.

Il tennista spagnolo ora gli era più vicino, ma nella calda Melbourne, verso la fine del torneo, c’era un folto gruppo di giovani che avevano appena assaporato la più grande opportunità di colpire. Che ci sarebbe davvero un tanto atteso cambio della guardia reale dalla parte opposta?

Martina Navratilova

codardo australiano? Si sono lasciati dettare dai cinesi, Navrátilová si è arrabbiato

Shapovalov ha compiuto un miracolo, ma Berrettini è ancora in gioco

Il completamento del Grande Slam di quest’anno sarà lo spirito del duello di Nadal contro tutti. E letteralmente. È vero che anche il ribelle francese Gael Monfils non paga più l’uomo più giovane, ma gli altri ragni appartengono indubbiamente a una nuova generazione di tennis. E vale la pena notare che è più affamato che mai.

Il ventiduenne Denis Shapovalov dal Canada, una delle gemme più brillanti dell’epoca a venire, ha quasi curato il primo grande cuoio capelluto. Ha turbato il re spagnolo per più di quattro ore nei quarti di finale, ma è finito per cadere in cinque set. Ma è rimasto davvero poco.

Anche il tiratore italiano Matteo Berrettini, finalista di Wimbledon l’anno scorso, si è fatto strada gradualmente verso la vetta con mite compostezza. Attualmente, il settimo giocatore nella classifica mondiale ha fatto un altro progresso significativo nell’ultimo anno e quest’anno in Australia è il favorito per estromettere Nadal.

“Matteo è probabilmente la migliore prestazione che abbia mai visto a Melbourne. Se incontra Rafa, qui potrebbe esserci una grande sorpresa”, ha affermato l’esperto Mats Wilander.

Tre ragazzi e Medvedev per un biglietto per la finale

La seconda metà del Grande Slam del ragno ha messo l’uno contro l’altro quattro giovani combattenti, che si daranno battaglia per un biglietto per la finale di Melbourne. Il russo Medvedev e il greco Tsitsipas sono considerati i favoriti minori, ma li aspettano due delle più grandi scoperte dei quarti di finale dell’anno.

Nella resa dei conti in semifinale, il talento canadese Felix Auger-Aliassime sfiderà il secondo giocatore del mondo. Inoltre, ha vinto la Coppa ATP con il connazionale Shapovalov all’inizio dell’anno e ora è terzo a Melbourne nei quarti di finale a Melbourne. E Medvedev avrà sicuramente qualcosa da restituire.

Invece, Tsitsipas affronterà solo il 20enne italiano Jannik Sinner, che finora ha dominato completamente il torneo. Il vincitore del Campionato Junior 2019 ha conquistato il decimo posto in classifica con i suoi quattro titoli la scorsa stagione, ed è certo che non riscalderà a lungo lì. Tuttavia, un combattente greco aspetta da tempo il suo primo titolo del Grande Slam.

Jannik Sinner, invenzione del tennis italiano

Sciava, non aveva soldi. Sinner è ora una stella nascente del tennis

Gli ultimi giorni a Melbourne offriranno due semplici scenari. O assisteremo effettivamente a una finale rivoluzionaria in futuro, o il tennista spagnolo Rafael Nadal siederà sicuramente sul trono reale di un torneo del Grande Slam.

Tuttavia, i giovani predatori potrebbero non avere mai più un’opportunità del genere. Quando altro oltre adesso, ragazzi?

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.